Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
robdimo Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Algernon Algernon 
Visitatore Visitatori(56)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Riquadro codice a barre

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1463
 
Piace a 1 utente
Non piace a 2 utenti
Media: 5.67
 
N.:   1409
L'ultima invasione
Richard CALDER
     Traduzione: Cecilia SCERBANENCO
     Copertina: Paolo BARBIERI
 
Data:   11 Marzo 2001 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Twist, 1999
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   105 x 175
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   272
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 22/03/2014-17:35:55
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
La premessa di questo romanzo è quasi mitologica, dal punto di vista delle mitologie della SF: sulla Terra sono arrivati i Venusiani, o meglio le venusiane, e da allora in poi niente è stato più lo stesso. L'invasione ha provocato un fenomeno "psicogeografico" in virtù del quale l'Ovest degli Stati Uniti si è staccato dal resto del pianeta e vive in un tempo sospeso, bloccato. Il presente in cui si svolge il romanzo (è questa la trovata di Calder) non sono  però gli anni Novanta, o il Duemila: sono gli anni Cinquanta, ma in virtù della sospensione voluta dagli invasori la tecnologia è ferma all'era del vecchio West. Esseri dallo spazio, un mondo "prigioniero", avventurieri e donne di facili costumi; sono solo alcuni degli ingredienti di questo libro nuovo e sorprendente, che conferma in Richard Calder un autore giovane, pieno di idee provocatorie e di grande immaginazione.