Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
nollicus Vedi il profilo utente 
rammstein Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
stalker1 stalker1 
Visitatore Visitatori(67)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Riquadro codice a barre

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1463
 
Piace a 1 utente
Non piace a 2 utenti
Media: 5.67
 
N.:   1409
L'ultima invasione
Richard CALDER
     Traduzione: Cecilia SCERBANENCO
     Copertina: Paolo BARBIERI
 
Data:   11 Marzo 2001 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Twist, 1999
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   105 x 175
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   272
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 22/03/2014-17:35:55
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
La premessa di questo romanzo è quasi mitologica, dal punto di vista delle mitologie della SF: sulla Terra sono arrivati i Venusiani, o meglio le venusiane, e da allora in poi niente è stato più lo stesso. L'invasione ha provocato un fenomeno "psicogeografico" in virtù del quale l'Ovest degli Stati Uniti si è staccato dal resto del pianeta e vive in un tempo sospeso, bloccato. Il presente in cui si svolge il romanzo (è questa la trovata di Calder) non sono  però gli anni Novanta, o il Duemila: sono gli anni Cinquanta, ma in virtù della sospensione voluta dagli invasori la tecnologia è ferma all'era del vecchio West. Esseri dallo spazio, un mondo "prigioniero", avventurieri e donne di facili costumi; sono solo alcuni degli ingredienti di questo libro nuovo e sorprendente, che conferma in Richard Calder un autore giovane, pieno di idee provocatorie e di grande immaginazione.