Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(57)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Riquadro codice a barre

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1457
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.58
 
N.:   1403
2038: La rivolta
Francesco GRASSO
     Copertina: Pierluigi LONGO
 
Data:   17 Dicembre 2000 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   105 x 175
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   272
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 22/03/2014-17:32:03
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Questa non è solo la storia di una rivolta. E' una cronaca del prossimo secolo e comincia oggi in una città carica di dinamite. Napoli. Poi l'azione si proietta nel futuro con il suo misterioso protagonista, un uomo mascherato che si fa chiamare con un nome anacronistico. Impossibile.
-Perché porti la maschera?- gli chiesi.
Lui smise subito di sorridere. -Vuoi davvero saperlo?
-Oh, sì- l'assicurai
Non sapevo perché avesse deciso di fidarsi di me, una giornalista sconosciuta e ficcanaso, piombata senza preavviso nel suo rifugio a tempestarlo di domande... Avrebbe potuto gettarmi sul letto, strapparmi i vestiti di dosso e violentarmi, far scomparire il mio corpo e mantenere così inviolati i suoi segreti. Ma, dentro di me, sapevo che non lo avrebbe fatto.
-La maschera è un simbolo, non un nascondiglio - proseguì - Il mio viso nan ha importanza. E' il viso della gente, del popolo, di ogni abitante di questa città...
-Chi sei tu, dunque? - chiesi - come dobbiamo chiamarti?
- E me lo chiedi? Io sono Masaniello.