Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
vinmar Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
io.robot Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(66)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

I Libri Pocket - Longanesi & C.

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:14430
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   538
Pianeta a sorpresa
John BRUNNER
     Traduzione: Patrizia GHIRLANDO
     Copertina: Ombra-golden GROUP
 
Data:   25 Novembre 1975 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Polymath, 1974
Note:   N. 7 Serie Pocket fantascienza
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   115 x 180
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   200
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 12/04/2017-10:16:46
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Colonizzare un nuovo pianeta richiede molto più che stabilirsi su di un'isola appena scoperta della vecchia terra. I nuovi pianeti sono diversi per mille ragioni, diversi dalla terra e diversi fra loro. Ognuna di queste diversità può significare morte e sciagure per una colonia umana. Quando un'astronave gremita di fuggiaschi, scampati ad una catastrofe planetaria, atterra fracassandosi su questo mondo senza nome, alla loro vista appare una situazione piuttosto precaria. Perduta l'astronave, diminuite le possibilità di salvezza, tutto dipende da un giovane in gamba che per caso si trova fra loro. E' un allievo costruttore di pianeti. Dovrebbe prevedere tutti i problemi che si presentano per fondare una dimora sicura per l'umanità. Ma la difficoltà di soluzione consiste nel fatto che egli era un semplice studente e che stava studiando il pianeta sbagliato.