Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
maxborgo maxborgo 
senhal senhal 
Gabriele Civati Gabriele Civati 
Visitatore Visitatori(59)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

I Nuovi Sonzogno - Sonzogno

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:13760
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   112
Le miniere del re Salomone
Henry Rider HAGGARD
     Traduzione: Gino SESOSTRA
     Copertina: Guido CREPAX
 
Data:   Maggio 1970 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   King Solomon's Mines, 1885
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   115 x 180
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   256
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 09/06/2012-14:33:42
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Slade aveva quasi raggiunto la zona della stazione, buia e deserta, quando udì un leggero fruscio. Guardò alle sue spalle e scorse tre uomini che si avviavano nella sua direzione.
Si preparò a tutto e continuò la passeggiata, allungando un poco il passo. Un'altra occhiata dietro le proprie spalle lo convinse che i tre avevano anch'essi accelerato l'andatura. Allora controllò che le grosse Colt fossero senza sicura e pronte nelle fondine. Di colpo le cose cambiarono in peggio: Slade scantonò l'angolo e trovò altri tre uomini a meno di venti passi di distanza. Ancora un istante e sarebbe stato preso in un mortale fuoco incrociato.
Si guardò attorno in cerca di un posto dove rifugiarsi .. . ma neppure un vagone merci era in vista. Si udì un urlo di rabbia. Una pistola crepitò e una pallottola sibilò vicina. Un altro colpo e un'altra pallottola, ancor più vicina. Un altro colpo e un'altra pallottola, questa volta vicinissima. Poi tutta quanta la banda dei fuorilegge si scatenò contro un unico bersaglio: Slade!