Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(41)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Apocalittici - Multiplayer_it Edizioni

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:136802
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
Homeland
Cory DOCTOROW
     Traduzione: Daniela DI FALCO
 
Data:   1 Ottobre 2015 ISBN:    9788863553116
Tit.Orig.:   Homeland, 2013
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 210
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   384
 
 
  Ultima modifica scheda: Mr.Chicago 07/06/2017-21:19:31
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
In “Little Brother” avevamo lasciato il giovane Marcus Yallow arbitrariamente detenuto e brutalizzato dal governo a seguito di un attacco terroristico a San Francisco. Un’esperienza questa che lo portò a diventare leader di un intero movimento di giovani prestigiatori tecnologici, in lotta contro uno Stato di polizia tirannico. Alcuni anni dopo, l’economia della California collassa, ma il passato da hacktivista di Marcus gli fa ottenere un lavoro come webmaster per un politico impegnato in una crociata riformista. Poco dopo, la sua nemesi di un tempo, Masha, emerge dall’underground politico per fargli dono di una chiavetta USB contenente cablogrammi stile Wikileaks con prove lampanti delle malefatte di aziende e governi. È roba incendiaria e se Masha dovesse sparire dalla circolazione, Marcus dovrà renderla nota al mondo. A quel punto il protagonista assiste al rapimento di Masha da parte degli stessi agenti governativi che lo hanno detenuto e torturato anni prima. Marcus può diffondere l’archivio che Masha gli ha dato, ma non può ammettere di essere il divulgatore, perché la cosa costerebbe l’elezione al suo datore di lavoro. È circondato da amici che ricordano cosa ha fatto qualche anno prima e lo considerano un eroe hacker. Non può neanche partecipare a una manifestazione senza essere trascinato sul palco e vedersi mettere in mano un microfono. E lui non è del tutto sicuro che limitarsi a piazzare l’archivio su Internet prima di essersi letto i milioni di parole che contiene sia la cosa giusta da fare. Nel frattempo, qualcuno inizia a pedinarlo, qualcuno che ha l’aria di essere abituato a infliggere dolore finché non ottiene le risposte che desidera…