Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(33)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

La Ginestra - Longanesi & C. - Formato 154x230

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:13298
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   138
Sette passi verso il sole
Fred HOYLE e Geoffrey HOYLE
     Traduzione: Tullio DOBNER e Mauro MERCI
 
Data:   Luglio 1974 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   150 x 230
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   332
 
 
  Ultima modifica scheda: stalker1 21/05/2017-16:50:18
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Tra gli autori di romanzi di fantascienza si contano molti scienziati autentici, che sfruttano la propria competenza per corredare con particolari di grande esattezza scientifica e tecnica i frutti dell'immaginazione. Fred Hoyle, l'autore de La nuvola nera e di A come Andromeda, nonché de Il viaggio di Ossian (Pocket Fantascienza n.543) e di Nello spazio profondo (pure pubblicato da Longanesi & C.), segue invece il procedimento opposto, e si serve della fantascienza come di uno strumento per diffondere tra un pubblico più vasto le sue teorie sul tempo, sullo spazio e sulla struttura dell'universo. ln Sette passi verso il Sole, uno dei suoi primi romanzi, scritto in collaborazione con il figlio Geoffrey, seguiamo le avventure di un giovane sceneggiatore della televisione inglese, che diventa casualmente vittima (o complice?) di un fantomatico scienziato, autore di uno strumento per superare la barriera del tempo, e viene proiettato a più riprese in un futuro tutt'altro che roseo, ma indubbiamente spassoso. Nonostante la sua visione apocalittica dell'avvenire dell'umanità, Hoyle, da buon inglese, non perde infatti il senso dell'umorismo, e sembra volerci dire che, si, la situazione è disperata; ma non grave.