Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Algernon Algernon 
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Il Fantalibro - De Carlo|Ciscato - Gamma. Il Fantalibro [ril]

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:12982    
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 6.50
 
N. Volume:   11
Titolo:   Festa di morte
Autore:   Philip J. FARMER (ps. di Philip Jos√© FARMER)
   Prefazione: Theodore STURGEON
   Traduzione: Federico VALLI
 
Data Pubbl.:   1972 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   A Feast Unknown, 1969
Note:   In extra II ricopertinatura(De Carlo) + III ricopertinatura (Ciscato)
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Cartonato con sovracoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   132 x 200
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   260
 
 
  Ultima modifica scheda: Mr.Chicago 20/01/2019-17:49:38
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
L'immortalità era finalmente alla portata del leggendario uomo-scimmia. Egli poteva permettersi di passare il prossimo secolo a saltare di albero in albero nella sua amata giungla, a battersi per gioco con i suoi amici animali o magari a far l'amore con la sua splendida moglie in Inghilterra. Ma qualcuno stava cercando di ucciderlo. E questo qualcuno non era uno dei comuni malvagi, ma un immortale come lui: Doc Caliban, un uomo diventato leggenda per la sua instancabile lotta contro il male con il coltello e con il bisturi. Entrambi si ritrovarono prigionieri di una lotta mortale per la vita eterna, e un solo vincitore doveva emergere, colui che sarebbe vissuto per sempre. Così avevano stabilito i Nove, i Signori del Tempo e della Terra.