Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Algernon Algernon 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1283
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   1275
Crimini e misfatti al computer
Autori VARI
     A cura di: Isaac ASIMOV, Martin H. GREENBERG (ps. di Martin Henry GREENBERG) e Charles G. WAUGH (ps. di Charles Gordon WAUGH)
     Traduzione: Elisabetta MOREOLO-SVALUTO e Marzio TOSELLO
     Copertina: Oscar CHICHONI
 
Data:   21 Gennaio 1996 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Computer Crimes & Capers, 1983
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   256
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 15/09/2018-17:06:15
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Computer e macchine cibernetiche sono ormai dappertutto: il futuro ha fatto il suo dovere ed è entrato, secondo copione, come un ladro nella notte. " E adesso? " , dirà qualcuno. " Tutto qua? " , si lamenterà un altro. Niente paura, amici: la fantascienza ha sempre qualcosa da aggiungere in più, soprattutto se si tratta di fantascienza scritta quando il computer non era entrato proprio nelle case di tutti, quando sigle come " modem " e PC non erano entrate nel glossarietto delle banalità e Multivac era ancora una parola che faceva pensare. Scelte e ordinate da Isaac Asimov e dai suoi illustri colleghi, queste storie riguardano si un mondo virtuale, ma nel senso più artigianale ( e meno abusato) della parola: il mondo dell'immaginazione.