Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
adso adso 
Visitatore Visitatori(61)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1266
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.70
 
N.:   1258
Cyberiade
Stanislaw LEM
     Traduzione: Riccardo VALLA
     Copertina: Oscar CHICHONI
 
Data:   28 Maggio 1995 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Cyberiada, 1965
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   224
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 24/10/2015-11:11:51
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
" Stanislaw Lem è il miglior scrittore di fantascienza in qualsiasi lingua " , ha scritto il settimanale Newsweek. E il ritorno dell'autore di Solaris sulle pagine di URANIA, per giunta con un testo importantissimo, è un avvenimento di assoluto rilievo. In questo libro, metà scintillante invenzione e metà apologo, Lem mette in scena due dei suoi personaggi più riusciti: i robot inventori Trurl e Klaupacius, che vanno in giro per il cosmo tentando di superarsi a vicenda. Inutile dire che le loro pazzesche avventure si concludono molto male per chi tenta di impiegarli costruttivamente, e che più d'una volta essi mettono a repentaglio l'esistenza stessa dell'universo. Fra computer onnipotenti, creature dagli occhi-laser, poeti elettronici e macchine narratrici che non riescono mai a finire un racconto, Lem ci trasporta in un mondo di invenzione totale, facendo di Cyberiade la bibbia della meccanizzazione andata a male.