Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
SERGENTE SERGENTE Amico di Urania Mania
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
nollicus Vedi il profilo utente 
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(59)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Numeri Uno - Fanucci

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:121039
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
La Terra Morente
Jack VANCE  (ps. di John Holbrook VANCE)
     Traduzione: Maria Teresa AQUILANO e Roberta RAMBELLI (ps. di Jole RAMBELLI)
 
Data:   26 Luglio 2016 ISBN:    9788834728062
Tit.Orig.:   The Dying Earth, 1950
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 220
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   172
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 14/10/2018-00:10:52
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il primo capitolo del ciclo "La Terra morente" √® ambientato in un futuro remoto in cui il crepuscolo della Terra ormai giunta alla sua fine pervade ogni cosa, anche la mente degli uomini, condizionandone emozioni e sentimenti. In una realt√† cupa e corrosa dal tempo, la popolazione umana si riduce ogni giorno sempre di pi√Ļ, sopravvivendo in strutture un tempo lussuose e ora decadenti. Strane figure ormai indistinguibili si muovono come zombie: avventurieri e stregoni, esseri umani e non umani, mostri grotteschi terreni e soprannaturali. La scienza √® stata sostituita da un miscuglio di magia e tecnologia, con regole, formule e leggi tutte nuove. Il passato √® un ricordo tenebroso che pochi cercano di riscoprire, occupati a vivere un tempo che scorre lento ma inesorabile.