Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
robdimo Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Grianne Vedi il profilo utente 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1155
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.00
 
N.:   1147
Creature nel cervello
Stephen R. GEORGE
     Traduzione: Maria Barbara PICCIOLI
     Copertina: Vicente SEGRELLES
 
Data:   24 Febbraio 1991 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Brain Child, 1989
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   192
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 12/02/2014-20:35:00
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
La Lakeview Clinic accoglie bambini colpiti da traumi emotivi e cerca di rieducarli, facendo superare loro il momento pi√Ļ terribile dello shock. Questo, almeno, all'apparenza: in realt√† l'istituto serve a mascherare un crudele esperimento militare il cui scopo √® di mettere a punto un'arma psichica. Ma l'esperimento sfugge di mano agli scienziati e quello che avviene poi √® semplice e agghiacciante: i mostri partoriti dagli incubi dei soggetti dilagano nella realt√†. Celia Reynolds ha solo otto anni ed √® convinta che la sua mamma l'abbia portata a Lakeview per farla guarire, cos√¨ non le racconta i pensieri mostruosi che i medici tentano di inculcarle, i rumori dell'altro mondo che le fanno sentire, le cose orrende che lei stessa porta in vita per ordine degli sperimentatori. Ora √® troppo tardi per fermarli...