Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
tehom tehom 
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
Visitatore Visitatori(73)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

I Premi Hugo - Club degli Editori/Club del Libro/CDE

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:10937
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.25
 
N.:   [8]
Tutti a Zanzibar
John BRUNNER
     Traduzione: Renato PRINZHOFER
 
Data:   Febbraio 1989 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Stand on Zanzibar, 1968
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:  
Tipologia:   Principali Dimensioni:  
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 23/12/2010-10:54:30
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Fantastico come la realtĂ . Scientifico come la fisica e la filosofia come la musica e la matematica, come la sociologia e il sogno. Imprudente e intransigente. Estremista, esoterico, eccessivo. Rivoluzionario come la rivoluzione di domani. Profondamente umano.
Questo è Zanzibar, il mitico “Zanzibar” - libro segreto della fantascienza moderna.
I protagonisti più diretti della vicenda - Hogan e House hanno in comune qualcosa di più che l’appartamento in cui coabitano, la sequela di “sfinfie” che passano per i loro letti, e la H iniziale del nome.
Sono due giovani che, scavalvando i propri problemi personali, vengono travolti ai due capi del mondo dai destini rispettivi, positivo per l’uno, negativo per l’altro, ma entrambi su scala globale e drammaticamente condizionati dalle strutture del potere.
Intorno a loro si frantumano le storie private e struggenti d’innumerevoli persone d’ogni genere e tipo: è tutto un mondo futuro visto da dentro, nei suoi tic, nei suoi costumi, nel suo linguaggio, nella sua fiera delle vanità, nella sua sopraffazione televisiva, nella sua condizione d’incomunicabilità.
L’idolo e l’oracolo di questo mondo è Shalmanéser, il supercervello elettronico che acquista autocoscienza NON come i suoi creatori forse speravano, bensì nella salutare semplicità della logica. Il suo colloquio con Chad Mulligan - barbone milionario, scrittore disperato per l’impossibilità di parlare la lingua del semplice buonsenso senza sembrare paradossale - è un momento di grande e civile emozione.
Su tutto incombe l’esplosione demografica. All’inizio, l’intera umanità potrebbe stare, ritta in piedi, sull’isola di Zanzibar; alla fine è con i piedi nell’acqua.
Il mondo di “Zanzibar” si è già in parte avverato: le multinazionali, la guerriglia urbana, il terrorismo, l’“amplificazione” militare, persino una specie di Papa Eglantine... A quando la politica di selezione eugenetica?