Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(59)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

I Premi Hugo - Club degli Editori/Club del Libro/CDE

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:10936
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 9.25
 
N.:   [7]
La porta dell'infinito
Frederik POHL
     Traduzione: Roberta RAMBELLI (ps. di Jole RAMBELLI)
 
Data:   Novembre 1988 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Gateway,1978
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:  
Tipologia:   Principali Dimensioni:  
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 22/03/2011-12:36:21
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Gli uomini sono giunti su Venere, e qui hanno scoperto i resti di un’altra razza molto più avanzata scientificamente, scomparsa da quasi mezzo milione di anni. Gli Heechee (così sono stati chiamati questi alieni misteriosamente svaniti) hanno tuttavia lasciato delle reliquie tecnologiche per lo più indecifrabili e un asteroide quasi completamente cavo e pieno di astronavi attraccate, ma pronte a partire alla volta di destinazioni sconosciute.
Queste astronavi funzionano ancora, ma gli uomini non sono in grado di scoprire il segreto del loro funzionamento, né il carburante di cui si servono.
L’unica cosa che sono in grado di fare è quella di partire, di lanciarsi in avventure spesso senza ritorno alla ricerca di mondi colonizzati dagli Heechee con la speranza di trovarvi manufatti di valore.
Robinett Broadhead è uno degli esploratori istruiti per la guida di tali navi.
Egli deve partire; non può rimanere sull’asteroide “Gateway” perché il costo della permanenza è troppo alto per i suoi mezzi e la sua unica speranza di poter tornare un giorno sulla Terra è quella di avere un colpo di fortuna, di scoprire un pianeta ricco e di tornare poi sano e salvo a “Gateway”.
Ma le probabilitĂ  di successo sono minime: il quindici per cento delle navi non ritorna e, di quelle che riescono a tornare, quattro su cinque arrivano senza nessuno a bordo, e spesso anche quelli che ritornano, quando ritornano vivi...