Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(56)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa bianca (I Romanzi di..)

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:108
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.67
 
N.:   108
Quoziente 1000
Poul ANDERSON
     Traduzione: Giuseppe SCIMONE
     Copertina: Curt CAESAR
 
Data:   8 Dicembre 1955 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Brain Wave, 1954
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
Ristampato nel numero: 677
 
  Ultima modifica scheda: mvent 12/06/2012-07:39:56
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
L'argomento di questo romanzo è l'opposto di quello della "Città Perduta" dello stesso autore, che i nostri lettori conoscono. Là il mondo era ricaduto nella barbarie, qui ci sono uomini che, per un fenomeno cosmico improvviso, hanno sentito aumentare ad un tratto, vertiginosamente, le proprie facoltà intellettive, e animali che si rendono conto del proprio asservimento all'uomo e della propria forza fisica superiore. Con tocco da maestro e con intuizione da poeta, Poul Anderson ci descrive gli effetti di questa mutazione nelle diverse categorie di individui in tutto il mondo: il turbamento psicologico dei più deboli, che li conduce inevitabilmente alla pazzia; l'anarchia dei più ignoranti e degli animali che si ribellano alle fatiche fisiche, cosi che nel mondo incomincia a mancare il necessario; l'adeguarsi faticoso di altri al lavorìo della propria mente trasformata; si che il mondo sta per ripiombare nella barbarie. E infine la conclusione: il compromesso. I Superuomini se ne andranno, verso le stelle, perché la Terra è diventata troppo limitata per loro, lasciando il mondo agli altri, ma aiutandoli da lontano. Dice, uno dei Superuomini: «Saremo degli elargitori di opportunità ai milioni di creature che vivono, amano e muoiono, proprio come faceva l'uomo una volta...».