Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
erberto erberto Amico di Urania Mania
zecca_2000 zecca_2000 
Visitatore Visitatori(60)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Odissea Paranormal - Delosbooks

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:107375
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   16
La banca del sangue
Tanya HUFF
     Traduzione: Annarita GUARNIERI
 
Data:   Marzo 2010 ISBN:    9788895724898
Tit.Orig.:   Blood bank, 2008
Note:  
 
Genere:   Libri->Horror
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   120 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   312
 
 
  Ultima modifica scheda: Mr.Chicago 16/03/2016-10:43:04
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 

Dopo aver concluso il ciclo di cinque romanzi dedicati all'investigatrice privata Vicki Nelson, dai quali è stata tratta la serie televisiva Blood Ties, l'autrice ha sentito il bisogno di approfondire alcune situazioni appena accennate nei libri: sono così nati i nove racconti contenuti in questo libro. Così li presenta l'autrice: "Qualche tempo dopo aver finito di scrivere Debito di sangue, mi sono resa conto di avere ancora qualcosa da dire, di aver voglia di esplorare la nuova vita di Vicki e il modo in cui tutto fosse cambiato a causa del fatto che Henry era andato a vivere a Vancouver. Come diretta conseguenza i tre non avevano più un uomo all'interno della polizia, perché il Dipartimento di Polizia di Vancouver poteva usare nei confronti di Mike qualche cortesia professionale, ma niente di più. In caso di guai, i nostri eroi potevano contare soltanto su loro stessi. Ed è scontato che i guai fossero loro stessi a causarli... ma credo che i lettori abbiano capito cosa intendo dire".