Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Fantobelix Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(46)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1058
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 2 utenti
Media: 6.50
 
N.:   1050
Artigli sul domani
Algis BUDRYS (ps. di Algirdas Jonas BUDRYS)
     Traduzione: Piero ANSELMI
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   7 Giugno 1987 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:   Nel frontespizio
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   160
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 28/10/2018-16:39:45
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Curatore e critico, originario della Prussia e figlio dell'ultimo rappresentante del governo lituano in esilio, Algis (in realtà Algirdas Jonas) Budrys non è mai stato un autore molto prolifico, eppure ha saputo conquistarsi una fama invidiabile nel mondo della SF moderna. Questa antologia offre un primo incontro con il meglio della sua produzione breve apparsa negli anni magici in cui la rivista Galaxy solleticava a colpi di sociologia fantascientifica le fondamenta dell'avventura in stile anni Quaranta. In questi cinque romanzi brevi e racconti, apparsi fra il 1954 e il 1966, Budrys assestava le sue prime unghiate speculative ponendo inquietanti interrogativi sul futuro: cosa succederebbe se gruppi di superstiti a una guerra nucleare si affrontassero dalle loro fattorie fortificate? Se nel futuro il giudice fosse anche giustiziere dei suoi imputati? Se mutanti superumani cercassero ragazze comuni non per migliorare la razza ma per poter conservare le tradizioni? Se su un pianeta dominato da schiavisti alieni intervenissero i terrestri? Se il primo contatto casuale con una razza aliena provocasse un'epidemia micidiale tanto per gli umani quanto per gli extraterrestri naufragati sul nostro pianeta?