Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Gianni di Firenze Gianni di Firenze 
Gabriele Civati Gabriele Civati 
Visitatore Visitatori(69)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1047
 
Piace a 4 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 8.33
 
N.:   1039
Storie di terra e spazio
Arthur C. CLARKE (ps. di Arthur Charles CLARKE)
     Traduzione: Guido ZURLINO e Beata DELLA FRATTINA
     Copertina: Karel THOLE
 
Data:   4 Gennaio 1987 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Tales of Ten Worlds, 1962
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:   176
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 14/09/2018-15:26:34
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Arthur C. Clarke, l'autore che trentasette anni fa ha tenuto a battesimo Urania con l'indimenticabile Le sabbie di Marte, torna di nuovo su queste pagine per dare un'ennesima conferma del suo indiscusso ruolo di maestro della fantascienza mondiale. Lo fa con una delle sue piĆ¹ celebri raccolte, che ospita quattordici racconti e un romanzo breve ormai classici (e in buona parte inediti o introvabili), apparsi in origine fra il 1951 e il 1962. Muovendosi con la sicurezza dello scienziato e con il tocco magico del grande scrittore fra la Terra, i pianeti, le comete e le stelle, Clarke riesce a mostrarci ancora una volta come i misteri del mondo che ci accoglie e quelli dello spazio esterno sappiano riflettere fedelmente le piĆ¹ oscure profonditĆ  dell'animo umano.