Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
grifone58 grifone58 Amico di Urania Mania
marco.kapp Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(60)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Biblioteca di Fantascienza - Fanucci - Numeri Romani

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:10463
 
Piace a 1 utente
Non piace a 0 utenti
Media: 9.00
 
N.:   V (5)
La luce morente
George Raymond Richard MARTIN
     Traduzione: Franco GIAMBALVO
 
Data:   Agosto 1994 ISBN:    8834704282
Tit.Orig.:   Dying of the Light, 1977
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 190
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   290
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 07/01/2017-19:03:01
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Un vagabondo, un viaggiatore senza meta, una scoria della creazione: il pianeta Worlorn era tulle queste cose. Per innumerevoli secoli aveva continuato a cadere, da solo, senza scopo, precipitando tra i freddi e solitari spazi che si aprono tra le stelle. Ma lui non apparteneva a nessuna di quelle stelle. In un certo senso non faceva nemmeno parte della galassia, anche se rotolava attraverso il piano della galassia come un chiodo che attraversa la tonda superficie di un tavolo. Non faceva parte di niente... Poi Worlorn passa vicino alla Ruota di Fuoco, la supercostellazione che gli da qualche anno di luce prima che esso piombi di nuovo nella notte senza fine cui sono destinati i mondi senza sole. Nel momento in cui il pianeta solitario si avvicina, forse per l’ultima volta, al fuoco della vita, gli uomini decidono di trasformarlo per i loro fini riposti.