Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
capitanklutz capitanklutz 
Visitatore Visitatori(9)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1046
 
Piace a 14 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 7.67
 
N. Volume:   1038
Titolo:   Orion
Autore:   Ben BOVA
   Traduzione: Piero ANSELMI
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   21 Dicembre 1986 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Orion, 1984
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   240
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 11/02/2014-20:47:17
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Starsene seduti tranquilli alle tre del pomeriggio in un ristorante di Manhattan pu√≤ essere l'inizio di una buona digestione, ma pu√≤ anche costituire il primo capitolo di una strana e pericolosa odissea. √ą quello che succede a John O'Ryan quando, dopo aver notato una splendida ragazza dagli occhi grigi e un paio di bizzarri individui molto interessati a lei, si vede arrivare come insolito dessert dalla porta della cucina una bomba a mano pronta a esplodere. Una premessa inquietante, specie se innesca il sospetto di essere una specie di semidio coinvolto in una lotta senza quartiere fra due entit√† millenarie che si disputano il futuro del genere umano. Ma √® solo un punto di partenza per John O'Ryan, che deve ancora scoprire il segreto della sua reale identit√† e poi tuffarsi in varie epoche del passato prima di poter dare un senso al conflitto che vorrebbe vederlo come una pedina dotata di scarso arbitrio.