Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(50)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Biblioteca di Fantascienza - Fanucci - Numeri Arabi

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:10455    
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.67
 
N. Volume:   28
Titolo:   Il lungo meriggio della Terra
Autore:   Brian Wilson ALDISS
   Traduzione: Sebastiano FUSCO
   Copertina: Michele MARSAN
 
Data Pubbl.:   Giugno 1991 ISBN:    8834702220
Titolo Orig.:   The Long Afternoon of Earth, 1961
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   135 x 206
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   242
 
 
  Ultima modifica scheda: trifide 20/10/2012-10:03:53
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il sole immobile nel cielo, osserva, rossastro e caldissimo, gli ultimi giorni della Terra il cui lungo meriggio, che ormai si avvia verso il tramonto, ha dato vita a nuove forme di esistenza ed a nuove creature, in un ambiente trasformato in una immensa serra.
Col tempo, i vegetali hanno conquistato il predominio sul globo. Favorita dalle nuove condizioni climatiche, la loro crescita non ha subito arresti: tutta la superficie illuminata dal pianeta non ├Ę altro che un immenso inferno verde.
Il trascorrere di ere innumerevoli ha portato anche un'evoluzione delle specie vegetali: le ha trasformate, specializzate, dotatedi un rudimentale sistema nervoso e di una specie  d'istinto sempre vigile, diretto verso un unico scopo: "divorare" per nutrirsi, sopravvivere, proliferare.
Nell'inferno verde solo pochissime specie animali sono riuscite a perpetuare la loro esistenza. Una di queste ├Ę l'uomo che, con il tempo, ha smesso tutte le sue rumorose ed inquietanti attivit├á tornando a rifugiarsi sugli alberi dai quali era sceso.
Simile ad un parassita delle piante - alto solo trentacinque centimetri - l'uomo trascorre la sua breve ed incerta esistenza tra i pericoli innumerevoli, pago soltanto di vivere quel tanto che gli consenta attraverso i suoi figli di perpetuare la specie.
Ma tutto l'universo ├Ę regolato da flussi cosmici che regolano modi e funzioni di ogni sua parte, anche la pi├╣ minuta, e questi segneranno anche il destino del nostro mondo indicando la via della rinascita alla razza umana.
Quest'opera ha conseguito il Premio HUGO.