Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(62)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Biblioteca di Fantascienza - Fanucci - Numeri Arabi

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:10445
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 5.00
 
N.:   (21)
334
Thomas Michael DISCH
     Traduzione: Roberta RAMBELLI (ps. di Jole RAMBELLI)
     Copertina: Michele MARSAN
 
Data:   Marzo 1989 ISBN:    8834701186
Tit.Orig.:   334, 1972-1974
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   135 x 206
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   310
 
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 14/10/2018-00:25:15
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
334, 11ma Strada Est: in una via qualsiasi d'una città qualsiasi, è l'indirizzo di una «piramide abitativa», un blocco di 800 appartamenti che segue il modello architettonico standard di un prossimo futuro. La vita urbana del numero 334, descritta da Thomas M. Disch, rappresenta il modello del nostro immediato avvenire, se non si farà nulla per ovviare a quelle storture che oggi tutti denunciano. Un avvenire in cui tutti i «valori» odierni saranno capovolti; dove, per avere figli, occorrerà essere pienamente qualificati dal punto di vista psicofisico, in base ad un apposito punteggio; dove il sesso, divenuto oggetto di studio a scuola, è stato sostituito da più stimolanti sensazioni; dove non è l'affetto ma la compensazione psichica, che sorregge la famiglia; dove la crudeltà è apprezzata perchè aiuta nella lotta per l'esistenza. In questo futuro aspro e gelido, in una città sovraffollata e ossessionata, dai costumi rilassati, priva di sentimenti di solidarietà, si muovono personaggi senza altra speranza che quella di sopravvivere reggendo il quotidiano confronto con un mondo divenuto sempre più alieno alle misure umane. Unico loro rifugio, la fantasia, che consente di spostarsi nello spazio e nel tempo, di assumere personalità diverse, di giocare ruoli differenti nella dura e spietata partita dell'esistenza