Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
bibliotecario Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(37)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Passigli Narrativa - Passigli

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:101445
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   37
Il criminale pallido
Philip KERR
     Traduzione: Patrizia BERNARDINI
 
Data:   1998 ISBN:    8836804926
Tit.Orig.:   The Pale Criminal, 1990
Note:  
 
Genere:   Libri->Gialli
 
Categoria:   NON FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   360
 
 
  Ultima modifica scheda: Algernon 30/05/2015-17:56:17
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Dopo Violette di marzo, ecco un nuovo episodio della ‘trilogia berlinese’ di Philip Kerr, che vede ancora una volta il protagonista, Bernie Gunther, alle prese con un difiicile caso nella Germania hitleriana. Sulle tracce di un possibile serial killer, il detective Gunther si trova a dover fare i conti con un complotto tutto intemo al potere nazista, dove figure storiche del regime si mescolano a personaggi immaginari in una cornice sempre rigorosa e verosimile. Philip Kerr si conferma anche in questo romanzo come uno dei migliori eredi della tradizione del 'giallo d’azione', devoto dunque ai grandi maestri Chandler e Hammett, che certamente hanno inciso sul suo stile brillante e disinvolto, ed ai loro personaggi, in particolare quelli femminili, che rammentano nei tratti e nei modi le grandi dive del cinema hollywoodiano. Donne fatali, poliziotti spietati, criminali incalliti ed efferati riempiono la scena di una città sapientemente ricostruita come in un set cinematografico. La Berlino nazista, vera protagonista del romanzo, si ricompone ai nostri occhi, insieme ai suoi incubi e insieme alla sua malata quotidianità, quasi come un paradigma della violenza e dell’odio di un’epoca, perché 'vari sono i tentativi di sfuggire alle nostre paure, non ultimo l’odio'.