Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(58)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Bigalassia - La Tribuna

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:10070
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   32
L'uomo che comprò la terra - L'uomo che regalò la terra
Cordwainer SMITH (ps. di Paul Myron Anthony LINEBARGER)
     Traduzione: Gabriele TAMBURINI
 
Data:   1 Luglio 1976 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   The Planet Buyer, 1964 The Underpeople, 1968
Note:   Supplemento a Galassia n.217
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   124 x 184
Contenuto:   Antologia  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 28/10/2018-17:39:57
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
L'uomo che comprò la terra

L'uomo che regalò la terra
The Underpeople, come gi√† i lettori avranno capito dal titolo italiano, √® il secondo episodio della saga di Rod McBan. Avevamo lasciato il protagonista alle prese col pianeta Terra, divenuto suo esclusivo possesso; lo ritroviamo ora alla scoperta delle meraviglie, a lui ignote, della Terra. Gradualmente la trama si dipana fino alle sue logiche conseguenze (le cui premesse erano gi√† presenti nel libro precedente), con uno scioglimento estremamente poetico e suggestivo. E' un po' un canto di fiducia nell'umanit√† (o nei quasi-umani?) quello che Cordwainer Smith intona, in modo prepotentemente affascinante. E nonostante l'indubbia tristezza, quasi tragica, delle ultimissime pagine, il romanzo √® di tono essenzialmente ottimista. Di quell'ottimismo, appunto, che non disdegna un tocco di dramma, per essere forse pi√Ļ realista e intimamente coerente. Parlavamo, nell'introduzione a L'uomo che compr√≤ la Terra, della capacit√† mitopoietica di Smith. E in effetti, almeno fino a questi ultimi anni, egli √® rimasto una figura isolata nel pur vasto campo della produzione fantascientifica; e anche adesso che certi aspetti della sua tematica sono stati ripresi da altri autori, le sue opere contengono un fascino dei tutto particolare. Un fascino che si sottrae pervicacemente ad ogni tipo d'analisi logica, essendo strettamente legato ad un modulo di sensibilit√† praticamente esclusiva di Smith. Sta di fatto che nessuno √® riuscito, come lui, a creare un universo talmente compatto nelle sue strutture; a produrre una serie non piccola di opere in cui l'atmosfera si mantiene sempre coerente. E questo non √® determinato soltanto dal ricorrere di personaggi, luoghi e situazioni, come potrebbe anche sembrare ad un'analisi superficiale; ma semmai dall'approfondimento continuo di questi elementi. E' come se Smith andasse aggiungendo, ogni volta, qualche tessera al suo grande mosaico; e l'unico rimpianto √® che la morte gli abbia impedito di portare a compimento l'opera. Si pensi soltanto a quella straordinaria ‚Äėinvenzione fantastica' che sono i quasi-umani: creature sempre splendenti d'una grande verit√† intima, fedeli servitori e amanti al tempo stesso dell'uomo. Si pensi ancora a quello stupendo personaggio che √® C-mell: la mente d'un gatto e il corpo d'una donna uniti nella stessa persona, una fusione capace di produrre risultati a volte miracolosi, d'una dolcezza remota e struggente. Ma, quel che pi√Ļ importa, Cordwainer Smith √® riuscito sempre a raccontare storie d'un mondo fantastico nelle sue manifestazioni esterne, e umanamente reale nelle sue componenti basilari. Una grande saga, appunto, in cui l'uomo diventa compartecipe di destini universali; specchio riflettente e deformante di certe verit√† attuali, sublimate da un alone poetico di smagliante limpidezza. E tutto √® nuovamente trasfigurato da uno stile pacato, sognante, chiuso in se stesso eppure tanto eloquente, lineare, in un equilibrio quasi miracoloso di forme e contenuti. Un risultato letterario, dunque, valido sotto ogni punto di vista; e destinato, crediamo, a sfidare il tempo come la fantasia magica dell'autore che l'ha creato.