Home Forum
    Non solo UM... => Non solo UM => Messaggio iniziato da: drusilla85 il 26 Aprile 2017, 11:40:29
	

Titolo: marte
Messaggio di: drusilla85 il 26 Aprile 2017, 11:40:29

ciao spero di mettere la discussione nel posto giusto[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_grin.gif[/IMG] comunque volevo chiedere un consiglio su un buon libro (scientifico niente romanzi o varie fantasticherie) su marte ma anche in generale su altri pianeti...


Titolo: Re:marte
Messaggio di: ciccio il 26 Aprile 2017, 13:49:43

[FONT=Times New Roman][SIZE=3] [/SIZE][/FONT][FONT=Calibri][SIZE=3]Un grande classico sul sistema solare è "Al di la'della Luna" [/SIZE][SIZE=3]di Paolo Maffei lo puoi anche trovare qui [/SIZE][/FONT][URL=http://www.archiviomaffei.org/pubbl.html][COLOR=#0563c1][FONT=Calibri][SIZE=3]http://www.archiviomaffei.org/pubbl.html[/SIZE][/FONT][/COLOR][/URL][FONT=Calibri][SIZE=3] in pdf[/SIZE][/FONT]
[FONT=Times New Roman][SIZE=3] [/SIZE][/FONT][FONT=Calibri][SIZE=3]Su Marte poi abbiamo tra i libri storici [/SIZE][SIZE=3]“ Osservazioni astronomiche e fisiche sull'asse di rotazione e sulla topografia del pianeta Marte”, di [/SIZE][SIZE=3] [/SIZE][SIZE=3]Giovanni Virginio Schiaparelli. Oppure [/SIZE][SIZE=3] [/SIZE][SIZE=3]“La Planète Mars et ses conditions d'habitabilité” di [/SIZE][SIZE=3] [/SIZE][SIZE=3]Camile Flammarion. Più recenti[/SIZE][SIZE=3] [/SIZE][SIZE=3]“Il pianeta rosso. Ultime novità da Marte” di [/SIZE][SIZE=3] [/SIZE][SIZE=3]Francis Rocard, editore [/SIZE][SIZE=3] [/SIZE][SIZE=3]Muzzio, oppure [/SIZE][SIZE=3] [/SIZE][SIZE=3]“Marte, l'ultima frontiera” di [/SIZE][SIZE=3] [/SIZE][SIZE=3]Marcello Coradini,, edizione Il mulino.[/SIZE][/FONT]
[FONT=Times New Roman][SIZE=3] [/SIZE][/FONT]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 26 Aprile 2017, 22:25:11

grazie dei consigli vado subito a cercarli[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_smiley.gif[/IMG]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Algernon il 28 Aprile 2017, 18:19:07

[quote author=ciccio qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98873 date=1493207383]
[FONT=Calibri][SIZE=3]Su Marte poi abbiamo tra i libri storici [/SIZE][SIZE=3]“ Osservazioni astronomiche e fisiche sull'asse di rotazione e sulla topografia del pianeta Marte”, di [/SIZE][SIZE=3] [/SIZE][SIZE=3]Giovanni Virginio Schiaparelli. [/SIZE][/FONT]
[/quote]

Se poi uno vuole approfondire l'aspetto storico c'è
"Corrispondenza su Marte" con le lettere di Schiaparelli, con disegni delle sue osservazioni (anche qualche tavola a colori) e le risposte dei suoi corrispondenti.
Un'opera monumentale in due volumi a cura della Domus Galileiana e dell'Osservatorio Astronomico di Brera.
Se qualcuno fosse interessato, posso procurare qualche copia.


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 28 Aprile 2017, 19:05:35


... e se si vuole esplorare strade alternative, un buon volume è :" L'enigma di Marte" di Graham Hancock.

Tony


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 28 Aprile 2017, 20:57:59

grazie...io di recente ho beccato in biblio un dvd a cui avrei dato volentieri fuoco...credevo fosse un documentario su marte punto e invece parlava di un tizio che era in contatto coi marziani della 4 dimensione [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_huh.gif[/IMG] che dicevano che noi terrestri dobbiamo fare i bravi[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_grin.gif[/IMG]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 29 Aprile 2017, 11:23:55

[quote author=drusilla85 qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98905 date=1493405879]
grazie...io di recente ho beccato in biblio un dvd a cui avrei dato volentieri fuoco...credevo fosse un documentario su marte punto e invece parlava di un tizio che era in contatto coi marziani della 4 dimensione [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_huh.gif[/IMG] che dicevano che noi terrestri dobbiamo fare i bravi[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_grin.gif[/IMG]
[/quote]

ahahah, fare i bravi conviene sempre [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_wink.gif[/IMG]

Tony


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Fantobelix il 29 Aprile 2017, 13:17:29

[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start;=#98911 date=1493457835]
[quote author=drusilla85 qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98905 date=1493405879]
grazie...io di recente ho beccato in biblio un dvd a cui avrei dato volentieri fuoco...credevo fosse un documentario su marte punto e invece parlava di un tizio che era in contatto coi marziani della 4 dimensione [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_huh.gif[/IMG] che dicevano che noi terrestri dobbiamo fare i bravi[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_grin.gif[/IMG]
[/quote]

ahahah, fare i bravi conviene sempre [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_wink.gif[/IMG]

Tony
[/quote]
Ah ah... ci hai messo però una certa curiosità. Che roba era?


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 29 Aprile 2017, 20:16:07

un associazione tale sara s...e un uomo che diceva di essere in contatto coi marziani che essendo in 4 dimensione sono introvabili... poi parlavano di un pianeta "mallona" fra la terra e marte che era finito distrutto per colpa dei suoi stessi abitanti...


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 30 Aprile 2017, 23:01:13

vorrei anche chiedere per un buon libro di astronomia..[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_cool.gif[/IMG]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: robdimo il 01 Maggio 2017, 12:05:52


Sicuramente Maffei (oltre al già consigliato Al di là della luna bellissimo anche I mostri del cielo); se sei interessata agli aspetti cosmologici (struttura delle stelle e dell'universo) Cosmologia moderna di Sciama (Boringhieri) ; molto bello e scorrevole (e molto rigoroso dal punto di vista tecnico) Così parlano le stelle di Margherita Hack con Eda Gjergo. Se invece ti riferisci più agli aspetti di osservazione del cielo mi hanno parlato molto bene (ma non me ne sono mai occupato direttamente) del Manuale pratico di astronomia di Bourge e Lacroix (Zanichelli).


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 01 Maggio 2017, 13:37:37

ti ringrazio dei consigli[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_smiley.gif[/IMG] i libri che mi interessano sono anche di informazione sulle scoperte ecc...non sto a dilettarmi volendo capirci qualcosa mancandomi completamente le basi per una vera e propria comprensione...


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 01 Maggio 2017, 13:39:18

e cercavo anche qualcosa di molto recente visto che ne accadono sempre di nuove [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_grin.gif[/IMG]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 03 Maggio 2017, 15:12:59

[quote author=robdimo qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98941 date=1493633152]

Sicuramente Maffei (oltre al già consigliato Al di là della luna bellissimo anche I mostri del cielo); se sei interessata agli aspetti cosmologici (struttura delle stelle e dell'universo) Cosmologia moderna di Sciama (Boringhieri) ; molto bello e scorrevole (e molto rigoroso dal punto di vista tecnico) Così parlano le stelle di Margherita Hack con Eda Gjergo. Se invece ti riferisci più agli aspetti di osservazione del cielo mi hanno parlato molto bene (ma non me ne sono mai occupato direttamente) del Manuale pratico di astronomia di Bourge e Lacroix (Zanichelli).
[/quote]

Sono daccordo su tutti i testi citati tranne che per la Hach, che per tutta la vita ha solo copiato il lavoro degli altri senza dare un suo contributo, che parlava di Ufo solo perchè gli piacevano tanto i riflettori per poi rimangiarsi tutto, che veniva strapagata dalla RAI solo per dire quello che gli veniva detto di dire...
Eviterei anche i libri di Stephen Hopkins che ha una visione dell'universo troppo pro-chiesa.
Invece mi sento di consigliare "Seeing red. L'universo non si espande" di Halton Arp, giusto per sentire una campana diversa alla solita e sopravvalutata teoria del Big Bang.

Tony


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 03 Maggio 2017, 22:28:15

l'universo che non si espande direi che è un libro controverso ma interessantissimo...


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 03 Maggio 2017, 22:59:10

[quote author=drusilla85 qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98985 date=1493843295]
l'universo che non si espande direi che è un libro controverso ma interessantissimo...
[/quote]


Esatto, la controversia sta proprio qui.
Siccome sulla parte occidentale del pianeta abbiamo 1 miliardo e mezzo di cristiani, la comunità scientifica che promuove la teoria del big bang (... l'universo ha un inizio, quindi l'ha creata dio), è appoggiata da media politica a quant'altro.
Il risultato è che tutti credono che ci sia stato il big beng, ma questa è solo una teoria e il fatto che tutti la credono vera non ne fa necessariamente la realtà.
L'unverso statico, la teoria contrapposta, ha come massimo esponente Arp, che con i suoi studi sulle galassie e sui quasar, da molto su cui riflettere.

Tony


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Fantobelix il 03 Maggio 2017, 23:32:22

[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start;=#98986 date=1493845150]
[quote author=drusilla85 qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98985 date=1493843295]
l'universo che non si espande direi che è un libro controverso ma interessantissimo...
[/quote]


Esatto, la controversia sta proprio qui.
Siccome sulla parte occidentale del pianeta abbiamo 1 miliardo e mezzo di cristiani, la comunità scientifica che promuove la teoria del big bang (... l'universo ha un inizio, quindi l'ha creata dio), è appoggiata da media politica a quant'altro.
Il risultato è che tutti credono che ci sia stato il big beng, ma questa è solo una teoria e il fatto che tutti la credono vera non ne fa necessariamente la realtà.
L'unverso statico, la teoria contrapposta, ha come massimo esponente Arp, che con i suoi studi sulle galassie e sui quasar, da molto su cui riflettere.

Tony
[/quote]
Per carità, Tony, tutto è interessante e conoscere le tesi contrapposte anche fuori dal coro è sempre utile. Conosco la tua passione e curiosità x le religioni, ma qui parlavamo di scienza. Siamo arrivati ad esplorare le prime frazioni di secondi dal big bang (non le primissime) grazie agli studi coi grandi acceleratori e il viaggio nel piccolo infinitesimale delle particelle è anche un viaggio sempre più indietro nel tempo. Affermare che queste teorie (giusto, tali sono) siano basate su basi teologiche, considerando che uno dei fondamenti della scienza è proprio prescindere (quando non contrastare la religione), mi sembra quanto meno azzardato. Se la scienza diventa una "credenza" non è più tale. Va bene staccare la scienza dalla religione, ma trasformare essa stessa in religione o credenza x farlo forse è troppo... altrimenti valgono anche gli alieni transdimensionali e il dvd di drusilla... :-)


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 04 Maggio 2017, 10:52:11

[quote author=Fantobelix qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#98987 date=1493847142]
[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start;=#98986 date=1493845150]
[quote author=drusilla85 qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98985 date=1493843295]
l'universo che non si espande direi che è un libro controverso ma interessantissimo...
[/quote]


Esatto, la controversia sta proprio qui.
Siccome sulla parte occidentale del pianeta abbiamo 1 miliardo e mezzo di cristiani, la comunità scientifica che promuove la teoria del big bang (... l'universo ha un inizio, quindi l'ha creata dio), è appoggiata da media politica a quant'altro.
Il risultato è che tutti credono che ci sia stato il big beng, ma questa è solo una teoria e il fatto che tutti la credono vera non ne fa necessariamente la realtà.
L'unverso statico, la teoria contrapposta, ha come massimo esponente Arp, che con i suoi studi sulle galassie e sui quasar, da molto su cui riflettere.

Tony
[/quote]
Per carità, Tony, tutto è interessante e conoscere le tesi contrapposte anche fuori dal coro è sempre utile. Conosco la tua passione e curiosità x le religioni, ma qui parlavamo di scienza. Siamo arrivati ad esplorare le prime frazioni di secondi dal big bang (non le primissime) grazie agli studi coi grandi acceleratori e il viaggio nel piccolo infinitesimale delle particelle è anche un viaggio sempre più indietro nel tempo. Affermare che queste teorie (giusto, tali sono) siano basate su basi teologiche, considerando che uno dei fondamenti della scienza è proprio prescindere (quando non contrastare la religione), mi sembra quanto meno azzardato. Se la scienza diventa una "credenza" non è più tale. Va bene staccare la scienza dalla religione, ma trasformare essa stessa in religione o credenza x farlo forse è troppo... altrimenti valgono anche gli alieni transdimensionali e il dvd di drusilla... :-)
[/quote]


Caro Marco, la mia passione per le religioni è seconda solo a quella per l'astronomia, comunque... la scienza è nata per rispondere a due semplici domande: Chi siamo e perché siamo qui.
Le due domande a cui la religione non aveva saputo rispondere in modo concreto, e a tutt'oggi nemmeno la scienza.
Se prendiamo in considerazione il fatto che i maggiori astronomi del passato erano preti (i soli ai tempi che avessero i mezzi per studiare/osservare) questi soli due fattori spiegano quanto religione e scienza siano in realtà legate a filo doppio.

Quello che volevo sottolineare col mio intervento è che la comunità scientifica è da sampre divisa sull'origine dell'universo (è divisa quasi su tutto in realtà), questa scissione di idee esiste da sempre ed è molto netta.
Nessun scienziato promuoverà la sua teoria mettendoci la mano sul fuoco, proprio perchè il primis è consapevole che è solo una teoria.
A questo punto intervengono i media, che fanno apparire, ripeto: solo apparire, che il l'ago della bilancia della diatriba, penda dalla parte del big bang.
Il motivo per cui lo fanno è abbastanza chiaro: a quanto pare l'uomo comune non è avvezzo a credere al concetto di infinito, le cose devono avere per forza un inizio e una fine (per questo si rifugia da sempre nella religione).
Non ho assolutamente affermato che che queste teorie sono basate su basi teologiche, ma che coloro che le promulgano (i media) siano più propensi a "pubblicizzare" determinate teorie piuttosto che altre.
In poche parole, ti danno in pasto ciò che più ti accontenta.
Quindi puoi prendere le tue informazioni su internet o davanti alla TV, oppure puoi leggere dei buoni libri su entrambi gli argomenti e trarre da te le tue conclusioni.
In entrambi i casi, scoprirai che la grande verità è che non sappiamo un cazzo di certo, abbiamo ancora molta strada da percorrere e non è con i preconcetti e le informazioni di facile accesso che accresciamo la nostra comprensione delle cose.

Tony


Titolo: Re:marte
Messaggio di: attiliosfunel il 04 Maggio 2017, 17:28:43

[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start;=#98986 date=1493845150]
[quote author=drusilla85 qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98985 date=1493843295]
l'universo che non si espande direi che è un libro controverso ma interessantissimo...
[/quote]


Esatto, la controversia sta proprio qui.
Siccome sulla parte occidentale del pianeta abbiamo 1 miliardo e mezzo di cristiani, la comunità scientifica che promuove la teoria del big bang (... l'universo ha un inizio, quindi l'ha creata dio), è appoggiata da media politica a quant'altro.
Il risultato è che tutti credono che ci sia stato il big beng, ma questa è solo una teoria e il fatto che tutti la credono vera non ne fa necessariamente la realtà.
L'unverso statico, la teoria contrapposta, ha come massimo esponente Arp, che con i suoi studi sulle galassie e sui quasar, da molto su cui riflettere.

Tony
[/quote]
[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_angry.gif[/IMG]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 04 Maggio 2017, 19:10:13

minacciosa la faccina...[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_wink.gif[/IMG]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: zecca_2000 il 04 Maggio 2017, 23:39:33

[quote author=Edmeo Piras qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#98993 date=1493911723]
[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start;=#98986 date=1493845150]
[quote author=drusilla85 qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98985 date=1493843295]
l'universo che non si espande direi che è un libro controverso ma interessantissimo...
[/quote]


Esatto, la controversia sta proprio qui.
Siccome sulla parte occidentale del pianeta abbiamo 1 miliardo e mezzo di cristiani, la comunità scientifica che promuove la teoria del big bang (... l'universo ha un inizio, quindi l'ha creata dio), è appoggiata da media politica a quant'altro.
Il risultato è che tutti credono che ci sia stato il big beng, ma questa è solo una teoria e il fatto che tutti la credono vera non ne fa necessariamente la realtà.
L'unverso statico, la teoria contrapposta, ha come massimo esponente Arp, che con i suoi studi sulle galassie e sui quasar, da molto su cui riflettere.

Tony
[/quote]
[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_angry.gif[/IMG]
[/quote]

Scusate...ma se l universo non si espande come si spiega l'effetto redshift delle galassie piu lontane?
Ovvero, le osservazioni astronomiche che dimostrano che le galassie si stanno allontanando?


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 05 Maggio 2017, 02:04:17

[quote author=zecca_2000 qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#98998 date=1493933973]
[quote author=Edmeo Piras qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#98993 date=1493911723]
[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start;=#98986 date=1493845150]
[quote author=drusilla85 qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98985 date=1493843295]
l'universo che non si espande direi che è un libro controverso ma interessantissimo...
[/quote]


Esatto, la controversia sta proprio qui.
Siccome sulla parte occidentale del pianeta abbiamo 1 miliardo e mezzo di cristiani, la comunità scientifica che promuove la teoria del big bang (... l'universo ha un inizio, quindi l'ha creata dio), è appoggiata da media politica a quant'altro.
Il risultato è che tutti credono che ci sia stato il big beng, ma questa è solo una teoria e il fatto che tutti la credono vera non ne fa necessariamente la realtà.
L'unverso statico, la teoria contrapposta, ha come massimo esponente Arp, che con i suoi studi sulle galassie e sui quasar, da molto su cui riflettere.

Tony
[/quote]
[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_angry.gif[/IMG]
[/quote]

Scusate...ma se l universo non si espande come si spiega l'effetto redshift delle galassie piu lontane?
Ovvero, le osservazioni astronomiche che dimostrano che le galassie si stanno allontanando?
[/quote]


L'effetto [SIZE=2]redshift è un fenomeno che "teorizza" l'allontanamento delle galassie, non lo "dimostra".
Ed è usato a sua volta per teorizzare il big beng non a dimostrarlo.

La teoria dell'universo statico, al contrario sostiene che le galassie non si stanno allontanando (da dove poi?), che i quasar non sono gli oggetti luminosi più lontani, che il [/SIZE][SIZE=2][SIZE=2]redshift non è quello che sembra (il tutto spiegato e documentato da Arp nei suoi libri con tanto di prove ecc.).

Entrambe le teorie sono plausibili, solo che la prima è profusa a piene mani, la seconda non la conosce nessuno... a quanto pare.

Vi ricordate, qualche millennio fa, si pensava che la terra fosse al centro dell'universo... in un certo senso é così!
Con i nostri telescopi, noi creiamo una sfera di osservazione con al centro la terra, quindi la terra è a tutti gli effetti al centro dell'universo conosciuto!
Questa sfera nel corso degli anni, si espande sempre più.
Quando è stato osservato l'effetto [/SIZE][/SIZE][SIZE=2]redshift non c'erano i telescopi spaziali, a da allora la sfera si è espansa si brutto, facendo, come dire, decadere i calcoli in precedenza fatti sulla teoria dell'effetto [/SIZE][SIZE=2][SIZE=2]redshift. Ovvero: si, le galassie si muovono ma forse non si stanno necessariamente allontanando.
[/SIZE]Migliaia di nuove galassie sono state osservate e catalogate in tutte le direzioni, si è scoperto che i quasar non sono gli oggetti più lontani ma sono in corrispondenza dei poli (o a uno solo) di molte galassie... come se se fossero espulsi dal loro nucleo.
In poche parole, i quasar, potrebbero essere delle galassie in formazione, figlie generate dalle galassie più vecchie che col tempo sono destinate a spegnersi e morire.
Un universo che non si espande ma si autogenera.

Come quella del big beng, anche questa teoria ha di che dire, resta il fatto che è meno popolare... sara perchè Arp non parla di dio nei suoi libri? O perchè non è su una sedia a rotelle e quindi meno telegenico?
Nella mia profonda ignoranza, io mi sono letto diversi libri su entrambe le tesi e ne ho tratto le MIE considerazioni.
Buona lettura.

Tony

[/SIZE]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: vinmar il 05 Maggio 2017, 08:05:16

E la Terra Piatta come la mettiamo? E i vaccini che danno l'autismo? Eh [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_angry.gif[/IMG][IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_sad.gif[/IMG]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 05 Maggio 2017, 13:40:54

comunque io non stavo esprimendo una mia idea in proposito...semplicemente ho commentato la faccina minacciosa perché non lo trovo un vero commento...a me interessano tutte le opinioni in merito ma io non sto fornendo come dicevo prima alcuna mia idea in proposito


Titolo: Re:marte
Messaggio di: zecca_2000 il 05 Maggio 2017, 18:24:09

[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#98999 date=1493942657]
[quote author=zecca_2000 qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#98998 date=1493933973]
[quote author=Edmeo Piras qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#98993 date=1493911723]
[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start;=#98986 date=1493845150]
[quote author=drusilla85 qlnk=board=21&threadid=8911&start=0#98985 date=1493843295]
l'universo che non si espande direi che è un libro controverso ma interessantissimo...
[/quote]


Esatto, la controversia sta proprio qui.
Siccome sulla parte occidentale del pianeta abbiamo 1 miliardo e mezzo di cristiani, la comunità scientifica che promuove la teoria del big bang (... l'universo ha un inizio, quindi l'ha creata dio), è appoggiata da media politica a quant'altro.
Il risultato è che tutti credono che ci sia stato il big beng, ma questa è solo una teoria e il fatto che tutti la credono vera non ne fa necessariamente la realtà.
L'unverso statico, la teoria contrapposta, ha come massimo esponente Arp, che con i suoi studi sulle galassie e sui quasar, da molto su cui riflettere.

Tony
[/quote]
[IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_angry.gif[/IMG]
[/quote]

Scusate...ma se l universo non si espande come si spiega l'effetto redshift delle galassie piu lontane?
Ovvero, le osservazioni astronomiche che dimostrano che le galassie si stanno allontanando?
[/quote]


L'effetto [SIZE=2]redshift è un fenomeno che "teorizza" l'allontanamento delle galassie, non lo "dimostra".
Ed è usato a sua volta per teorizzare il big beng non a dimostrarlo.

La teoria dell'universo statico, al contrario sostiene che le galassie non si stanno allontanando (da dove poi?), che i quasar non sono gli oggetti luminosi più lontani, che il [/SIZE][SIZE=2][SIZE=2]redshift non è quello che sembra (il tutto spiegato e documentato da Arp nei suoi libri con tanto di prove ecc.).

Entrambe le teorie sono plausibili, solo che la prima è profusa a piene mani, la seconda non la conosce nessuno... a quanto pare.

Vi ricordate, qualche millennio fa, si pensava che la terra fosse al centro dell'universo... in un certo senso é così!
Con i nostri telescopi, noi creiamo una sfera di osservazione con al centro la terra, quindi la terra è a tutti gli effetti al centro dell'universo conosciuto!
Questa sfera nel corso degli anni, si espande sempre più.
Quando è stato osservato l'effetto [/SIZE][/SIZE][SIZE=2]redshift non c'erano i telescopi spaziali, a da allora la sfera si è espansa si brutto, facendo, come dire, decadere i calcoli in precedenza fatti sulla teoria dell'effetto [/SIZE][SIZE=2][SIZE=2]redshift. Ovvero: si, le galassie si muovono ma forse non si stanno necessariamente allontanando.
[/SIZE]Migliaia di nuove galassie sono state osservate e catalogate in tutte le direzioni, si è scoperto che i quasar non sono gli oggetti più lontani ma sono in corrispondenza dei poli (o a uno solo) di molte galassie... come se se fossero espulsi dal loro nucleo.
In poche parole, i quasar, potrebbero essere delle galassie in formazione, figlie generate dalle galassie più vecchie che col tempo sono destinate a spegnersi e morire.
Un universo che non si espande ma si autogenera.

Come quella del big beng, anche questa teoria ha di che dire, resta il fatto che è meno popolare... sara perchè Arp non parla di dio nei suoi libri? O perchè non è su una sedia a rotelle e quindi meno telegenico?
Nella mia profonda ignoranza, io mi sono letto diversi libri su entrambe le tesi e ne ho tratto le MIE considerazioni.
Buona lettura.

Tony

[/SIZE]
[/quote]


Il discorso si fa interessante...
Come hai detto che si chiama l'autore (per esteso)? e il libro?

Io sono affascinato dalle teorie alternative , che prendo o cerco di prendere in maniera molto critica e scettica...
Pero da appassionato di FS e di Xfiles ne sono affascinato.
Vedi le teorie cospiratorie dell 11 settembre e le teorie di Duisenberg sul AIDS (secondo cui non sarebbe causato dall HIV)


Titolo: Re:marte
Messaggio di: zecca_2000 il 05 Maggio 2017, 18:25:42

ah ecco

"Seeing red. L'universo non si espande" di Halton Arp


Titolo: Re:marte
Messaggio di: robdimo il 05 Maggio 2017, 22:11:05


Non condivido sopratutto due punti del discorso di Tony: primo la scienza (diciamo almeno da Galileo in poi, nel senso della scienza basata sul metodo sperimentale) ha come scopo e ragione di rispondere ad una sola domanda : come funziona e da quali leggi è governato; chi siamo e perchè siamo qui sono domande più che legittime per la filosofia, per la religione, anche per la fantascienza naturalmente, ma non per la scienza. Secondo non vedo assolutamente l'automatismo per i religiosi di preferire la teoria del big bang: se uno vuole a tutti i costi ficcarci una divinità lo può fare tranquillamente sia come motore della singolarità iniziale, sia come creatore a tempo pieno della materia nelle varianti dello stato stazionario, ma in entrambi i casi comunque non stiamo parlando dell'aspetto scientifico della teoria ma di un discorso esterno che nulla aggiunge o toglie alle verifiche sperimentali che sono comunque le sole cose che contano. Premesso questo, se il fenomeno che stiamo studiando è la pera che cade dall'albero non possiamo più avere molti dubbi su come funzionino le cose, le leggi di meccanica e gravitazione quelle sono e nessun scienziato può sperare di scoprirne delle varianti (parlo dell'aspetto macroscopico, poi lo so benissimo che la discussione su come possa propagarsi la gravità e se esistano o meno i gravitoni è ancora tutto un campo aperto), se invece parliamo di come siano galassie che distano qualche milione di anni luce o come fosse l'universo qualche miliardo di anni fa è evidente che non posssiamo fare un salto un momento a controllare e quello che si sta facendo è a partire dalle osservazioni (tipo il redshift che c'è ed è misurabile) costruire delle teorie che le possano spiegare e possibilmente cercare conferme con nuovi esperimenti e osservazioni, e per questo mi sembra ingeneroso mettere le discussioni su questi apetti sullo stesso piano di quelle dei terrapiattisti o antivaccinisti che sono invece solo fuffa senza alcun significato per uno che ragioni. Poi uno ha tutti i diritti di informarsi e farsi delle idee su quale lo convinca di più e se ha studiato un (bel) po' di fisica magari anche motivare le sue preferenze, ma qui si rischia di uscire dal dibattito scientifico ed entrare nell'aspetto delle opposte tifoserie "il mio scienziato è più fico del tuo" che è un'altra cosa. Naturalmente non penso nell'arco della mia vita di vedere una conferma che faccia prevalere definitivamente un modello cosmologico su tutti gli altri (perchè poi a partire dalla dicotomia iniziale big bang/stato stazionario sono state naturalmente elaborate molte altre varianti e sottovarianti), la materia da studiare non manca e certo non c'è da annoiarsi. [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_grin.gif[/IMG]
P.S. Scusate il pippone, mi sono lasciato prendere la mano....


Titolo: Re:marte
Messaggio di: vinmar il 06 Maggio 2017, 10:16:33

[quote][quote author=zecca_2000 qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#99014 date=1494001449]

[/quote]




Il discorso si fa interessante...
Come hai detto che si chiama l'autore (per esteso)? e il libro?

Io sono affascinato dalle teorie alternative , che prendo o cerco di prendere in maniera molto critica e scettica...
Pero da appassionato di FS e di Xfiles ne sono affascinato.
Vedi le teorie cospiratorie dell 11 settembre e le teorie di Duisenberg sul AIDS (secondo cui non sarebbe causato dall HIV)


[/quote]

Il fascino delle teorie alternative, le teorie o sono dimostrabili o sono controindicate. Tuo figlio che muore di morbillo o tuo nonno di influenza non sono affascinanti come le false teorie che non li hanno fatto vaccinare. Le mamme che portano le figlie dal ginecologo per un pap test anomalo e capiscono che forse non sarebbe avvenuto se fosse stata vaccinata non sono affascinate. Vi prego la scienza non è democratica ( io parlo di quella quota parte che conosco) è fatta di studio su cose noiose e dure non fascinanti e gioiose in cui non ci sono gli uomini in nero e gli investigatori dell'ignoto. Le teorie si confrontano e quella che risponde a più domande va avanti indipendemente da chi è più bello e simpatico.
Al momento mi sto divertendo come un pazzo con i terrapiattisti. Amo You Tube.
Saluti


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 06 Maggio 2017, 23:00:45

[quote author=Lupo dei Cieli (VinMar)alias Proff. Sassaroli qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#99020 date=1494058593]
[quote][quote author=zecca_2000 qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#99014 date=1494001449]

[/quote]




Il discorso si fa interessante...
Come hai detto che si chiama l'autore (per esteso)? e il libro?

Io sono affascinato dalle teorie alternative , che prendo o cerco di prendere in maniera molto critica e scettica...
Pero da appassionato di FS e di Xfiles ne sono affascinato.
Vedi le teorie cospiratorie dell 11 settembre e le teorie di Duisenberg sul AIDS (secondo cui non sarebbe causato dall HIV)


[/quote]

Il fascino delle teorie alternative, le teorie o sono dimostrabili o sono controindicate. Tuo figlio che muore di morbillo o tuo nonno di influenza non sono affascinanti come le false teorie che non li hanno fatto vaccinare. Le mamme che portano le figlie dal ginecologo per un pap test anomalo e capiscono che forse non sarebbe avvenuto se fosse stata vaccinata non sono affascinate. Vi prego la scienza non è democratica ( io parlo di quella quota parte che conosco) è fatta di studio su cose noiose e dure non fascinanti e gioiose in cui non ci sono gli uomini in nero e gli investigatori dell'ignoto. Le teorie si confrontano e quella che risponde a più domande va avanti indipendemente da chi è più bello e simpatico.
Al momento mi sto divertendo come un pazzo con i terrapiattisti. Amo You Tube.
Saluti
[/quote]

Scusate, il libro sulle "teorie alternative" è questo: L'enigma di Marte" di Graham Hancock, che avevo consigliato riguardo a Marte.
Graham Hancock è un giornalista e per quanto a parer mio affronti le tematiche dei "misteri" in modo meno "estremo" di peter kolosimo o Erich von Daniken, resta un giornalista che si appoggia a punti di vista di altri.
Quindi lo si può leggere e prendere per vero quello che dice oppure farsi 4 risate. Liberissimi. Io ho fatto un po' e un po'.

"Seeing red. L'universo non si espande" é un libro di scienza, scritto da uno scienziato (Halton Arp) che esprime la SUA teoria in base alle SUE osservazioi e ai SUOI studi durante il tempo che gli è stato concesso dalla comunità scientifica per utilizzare i migliori mezzi a disposizione dell'umanità, in tutto il globo... e dintorni (intendo il telescopio spaziale Hubble).
A voi fare le dovute differenze.



Riguardo le metafore a carattere medico: essendo mia moglie una dottoressa, mi sento di poter affermare che non sempre i punti di vista dei medici sono concordanti... o sbaglio.


Tony


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 06 Maggio 2017, 23:04:19

[quote author=robdimo qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#99017 date=1494015065]

Non condivido sopratutto due punti del discorso di Tony: primo la scienza (diciamo almeno da Galileo in poi, nel senso della scienza basata sul metodo sperimentale) ha come scopo e ragione di rispondere ad una sola domanda : come funziona e da quali leggi è governato; chi siamo e perchè siamo qui sono domande più che legittime per la filosofia, per la religione, anche per la fantascienza naturalmente, ma non per la scienza. Secondo non vedo assolutamente l'automatismo per i religiosi di preferire la teoria del big bang: se uno vuole a tutti i costi ficcarci una divinità lo può fare tranquillamente sia come motore della singolarità iniziale, sia come creatore a tempo pieno della materia nelle varianti dello stato stazionario, ma in entrambi i casi comunque non stiamo parlando dell'aspetto scientifico della teoria ma di un discorso esterno che nulla aggiunge o toglie alle verifiche sperimentali che sono comunque le sole cose che contano. Premesso questo, se il fenomeno che stiamo studiando è la pera che cade dall'albero non possiamo più avere molti dubbi su come funzionino le cose, le leggi di meccanica e gravitazione quelle sono e nessun scienziato può sperare di scoprirne delle varianti (parlo dell'aspetto macroscopico, poi lo so benissimo che la discussione su come possa propagarsi la gravità e se esistano o meno i gravitoni è ancora tutto un campo aperto), se invece parliamo di come siano galassie che distano qualche milione di anni luce o come fosse l'universo qualche miliardo di anni fa è evidente che non posssiamo fare un salto un momento a controllare e quello che si sta facendo è a partire dalle osservazioni (tipo il redshift che c'è ed è misurabile) costruire delle teorie che le possano spiegare e possibilmente cercare conferme con nuovi esperimenti e osservazioni, e per questo mi sembra ingeneroso mettere le discussioni su questi apetti sullo stesso piano di quelle dei terrapiattisti o antivaccinisti che sono invece solo fuffa senza alcun significato per uno che ragioni. Poi uno ha tutti i diritti di informarsi e farsi delle idee su quale lo convinca di più e se ha studiato un (bel) po' di fisica magari anche motivare le sue preferenze, ma qui si rischia di uscire dal dibattito scientifico ed entrare nell'aspetto delle opposte tifoserie "il mio scienziato è più fico del tuo" che è un'altra cosa. Naturalmente non penso nell'arco della mia vita di vedere una conferma che faccia prevalere definitivamente un modello cosmologico su tutti gli altri (perchè poi a partire dalla dicotomia iniziale big bang/stato stazionario sono state naturalmente elaborate molte altre varianti e sottovarianti), la materia da studiare non manca e certo non c'è da annoiarsi. [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_grin.gif[/IMG]
P.S. Scusate il pippone, mi sono lasciato prendere la mano....
[/quote]

Primo punto: Si concordo, io mi riferivo a tempi un po' più remoti rispetto a galileo.
Quando è nata la scienza, il confine con la filosofia e la religione era molto sottile, poi non riuscendo a rispondere in modo dimostrabile a quelle domande esistenziali ha "ripiegato" nello spiegare come funzionano le cose.

Secondo punto: Il fatto che tu non veda l'automatismo per i religiosi di preferire la teoria del big bang non significa che non ci sia. Ognuno di noi ha fatto le proprie ricerche.
Studi e passioni ci portano a conoscere aspetti della vita e del mondo che ci circonda, ma le informazioni che ci interessano sono differenti per ogniuno di noi.
Non credo di poterti trasmettere in due parole tutti gli aspetti che mi portano a fare le certe affermazioni, ma posso fare un tentativo:
La chiesa ha da sempre avuto un suo peso sul controllo delle informazioni, soprattutto qui in italia dove ha sede.
Oggi non siamo certo al tempo di galileo, con l'andare del tempo la chiesa a perso sempre più potere decisionale riguardo la censura ma il tutto è venuto in modo graduale (Urania ne sa qualcosa) e le pressioni sull'informazione sono, seppur attenuate, ancora odierne.
Nel caso del big beng, teoria abbastanza datata comunque, è successo questo: Noi Chiesa, che crediamo che l'universo sia stato creato 6000 anni fa, vi concediamo di retrodatare la creazione a patto che si parli di un indiscutibile "inizio" del tutto. Le altre teorie, che vanno in netto contrasto con le nostre convizioni, non devono essere divulgate.
Questa concessione non è stata fatta agli scienziati, che hanno comunque continuato a farsi gli affari loro, ma ai soliti canali su i quali la chiesa ha ascendente: i media.
Risultato: tutti sanno che l'universo ha origine dal big beng!


Credo anche, di non essere l'unico a sapere che la scienza non è "lo spiegare le cose", ma è piuttosto "il tentare di spiegare le cose".
Alcune volte ci riesce altre no.
La teoria del big beng è appunto una teoria non una legge. Per quello che mi riguarda, al di la di come la pensano bigotti, pigri o alternativi, potrebbe anche essere quella giusta, io preferisco mantenere una mente aperta, aspettare e vedere come va.
Di certo non me la sento di prendere una posizione per fede, buttando tutte le altre nel bidone delle cazzate insieme ai terrapiattisti ai contattisti o a quant'altro non mi aggradi credere.

Detto questo, una cosa ve la posso assicurare: la prossima volta che qualcuno chiederà un consiglio su un libro da leggere, gli mando un PM.

Tony


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 07 Maggio 2017, 00:11:42

tony davvero mandami un pm perché altrimenti ti sbranano [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_smiley.gif[/IMG]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: robdimo il 07 Maggio 2017, 08:39:50

Scusa Tony, ma guarda che a parte l'opinione sulla maggior o minor influenza della religione sul grande pubblico su questo argomento specifico (in generale non la sottovaluto assolutamente, vivo in Italia da troppi anni per non vederlo [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_grin.gif[/IMG]) io ho proprio detto che sulla cosmologia ad ora abbiamo solo teorie nessuna delle quali ha avuto una conferma definitiva e quindi sono da considerare tutte legittime (quelle che si accordano con le osservazioni) e non è giusto fare il paragone con il terrapiattismo o l'antivaccinismo in cui invece hai una verità scientifica contro delle frottole. Per quanto ne so io (ammetto che negli ultimi anni ho seguito meno l'argomento del quale una volta ero appassionato, alla maturità scientifica avevo portato una tesina di astrofisica..) la teoria del big bang è quella che ha ricevuto maggiori consensi e conferme nell'ambito della comunità scientifica, ma quella dello stato stazionario sta continuando a dire la sua tranquillamente (non dimentichiamo poi che il termine big bang non l'hanno creato i suoi sostenitori ma glie l'ha appiccicato Fred Hoyle, ideatore dello stato stazionario, per prenderla in giro [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_grin.gif[/IMG] ). Il concetto di scienza è proprio di non ricercare posizioni fideistiche, proprie invece delle religioni, quindi la mente aperta è fondamentale.


Titolo: Re:marte
Messaggio di: galions il 07 Maggio 2017, 10:22:07

[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start=15#99027 date=1494104445]

Scusate, il libro sulle "teorie alternative" è questo: L'enigma di Marte" di Graham Hancock, che avevo consigliato riguardo a Marte.
Graham Hancock è un giornalista e per quanto a parer mio affronti le tematiche dei "misteri" in modo meno "estremo" di peter kolosimo o Erich von Daniken, resta un giornalista che si appoggia a punti di vista di altri.
Quindi lo si può leggere e prendere per vero quello che dice oppure farsi 4 risate. Liberissimi. Io ho fatto un po' e un po'.


Tony
[/quote]

Non ho letto 'L'enigma di Marte' di Hancock, ma ho letto 'Impronte degli dei' e devo dire che non mi fido affatto di quest'autore.
Secondo Hancock la Terra era abitata millenni or sono da una civiltà evolutissima estinta per una catastrofe planetaria che avrebbe lasciato il mondo disseminato di tracce del proprio passato, come ad esempio le piramidi di Giza, oltre che le classiche dimensioni di manufatti umani che replicherebbero in scala determinate distanze celesti.


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 07 Maggio 2017, 10:44:22


Scusatemi tutti.
Credo sia doveroso da parte mia fare un passo indietro, devo aver preso la cosa troppo a cuore e mi è sfuggita di mano.
La verità è che sono una persona a cui piace parlare faccia a faccia, non sono bravo a parlare al telefono e visto i risultati, nel chattare sono ancora peggio.
Senza rendermene conto, ho fatto un riferimento di troppo, mettendo a quanto pare a rischio di conseguenze il sito è chi lo gestisce.
Non ho detto niente che non sia di dominio pubblico, non era falso, ma giustamente se sei libero di scrivere quello che vuoi, gli altri sono liberi di farti causa.
Davvero me ne dispiace e ringrazio Fantobelix per aver tempestivamente tolto il paragrafo in questione, se avessi visto subito il messaggio di Marco lo avrei fatto io stesso.
Certo è paradossale che parlando di censura sono stato a mia volta censurato, non dalla chiesa ma da Santobelix (dai concedimi almeno la battuta... anzi per evitare fraintendimenti: "E' una battuta!").
Andrò a rileggermi il regolamento del forum.
A parte questo, probabilmente, anzi sicuramente, ho offeso qualcun'altro, se è così, l'interessato è pregato di contattarmi in pubblico o in privato.
Davvero non capisco ma vengo molto spesso frainteso, devo continuamente spiegarmi, giustificare ciò che ho detto.
Se scherzo vengo preso sul serio... e viceversa.
A questo punto, in base alla legge delle probabilità, è un problema mio. Me ne farò una ragione... è ovviamente ne accetterò le conseguenze.
Saluti.

Tony


Titolo: Re:marte
Messaggio di: drusilla85 il 08 Maggio 2017, 11:19:01

se avete anche altri consigli su testi imprescindibili fatevi sotto [IMG]http://www.uraniamania.com/images/s_wink.gif[/IMG]


Titolo: Re:marte
Messaggio di: zecca_2000 il 08 Maggio 2017, 19:26:44

so che prima del big bang 9della teoria intendo), si pensava alla creazione di un atomo di idrogeno ogni XXXXXX metri cubi di spazio.
Nessuno sa chi enuncio' questa teoria e in che libro e' riportata?


Titolo: Re:marte
Messaggio di: robdimo il 08 Maggio 2017, 23:21:53

Fred Hoyle ed Hermann Bondi; è la formulazione originaria della teoria dello stato stazionario la quale, convenendo che il redshift e la legge di Hubble indicano un universo in espansione, postula che il tutto non sia stato originato da una singolarità iniziale ma che la "diluizione" della materia dovuta all'espansione sia controbilanciata da una creazione continua spontanea di particelle (il cosidetto campo-C). Diversa era invece la posizione di Arp che sosteneva che il redshift non è indice di una espansione dell'universo che quindi non è stazionario ma proprio statico.


Titolo: Re:marte
Messaggio di: ansible il 10 Maggio 2017, 14:50:54

Leggo adesso questo interessante thread, vorrei allora ristabilire la verità storica:

1) Fred Hoyle, Hermann Bondi e Thomas Gold, questo è il trio di Cambridge che sviluppò il modello dello Stato Stazionario,
l'idea iniziale fu di Gold e durante una cena a casa di Bondi, fu rivista e perfezionata cosicchè si adattasse alle osservazioni astronomiche.
Bondi era il matematico, Gold sviluppava i concetti fisici relativi alle equazioni di Bondi e Hoyle supervisionava il lavoro degli altri due.
Il loro lavoro sfociò in due saggi, pubblicati nel 1949, il primo ad opera di Bondi e Gold, esprimeva la teoria in termini più filosofici,
quello di Hoyle in termini più matematici.

2) La tesi di Tony Lee che la teoria del Big Bang faccia parte di una cospirazione indirizzata a rafforzare il Cristianesimo
è la stessa che il fisico inglese William Bonner avanzava nella prima metà degli anni 50 del secolo scorso, niente di nuovo sotto il sole...

3) ...ed è assolutamente falsa. Il consesso scientifico, in particolare quello degli scienziati di religione cattolica, era fortemente imbarazzato
dalle esternazioni di papa Pio XII, e molti di loro (in particolare l'abate e scienziato Georges Lemaitre) suggerirono al pontefice di agire
con prudenza, temendo ripercussioni in caso di ulteriori scoperte scientifiche che andassero in contraddizione con gli insegnamenti biblici.
Fortunatamente Pio XII raccolse l'invito e non fece più menzione dell'argomento nelle sue uscite pubbliche.

4) Definire Halton Arp il massimo esponente della teoria dello Stato Stazionario è quantomeno azzardato, se per cinquant'anni uno frantuma i maroni
alla comunità scientifica ripetendo le stesse cose come un disco rotto non è che poi diventano vere...

Un saluto da ansible


Titolo: Re:marte
Messaggio di: Tony Lee il 10 Maggio 2017, 21:11:05

[quote author=ansible qlnk=board=21&threadid=8911&start=30#99073 date=1494420654]
Leggo adesso questo interessante thread, vorrei allora ristabilire la verità storica:

1) Fred Hoyle, Hermann Bondi e Thomas Gold, questo è il trio di Cambridge che sviluppò il modello dello Stato Stazionario,
l'idea iniziale fu di Gold e durante una cena a casa di Bondi, fu rivista e perfezionata cosicchè si adattasse alle osservazioni astronomiche.
Bondi era il matematico, Gold sviluppava i concetti fisici relativi alle equazioni di Bondi e Hoyle supervisionava il lavoro degli altri due.
Il loro lavoro sfociò in due saggi, pubblicati nel 1949, il primo ad opera di Bondi e Gold, esprimeva la teoria in termini più filosofici,
quello di Hoyle in termini più matematici.

2) La tesi di Tony Lee che la teoria del Big Bang faccia parte di una cospirazione indirizzata a rafforzare il Cristianesimo
è la stessa che il fisico inglese William Bonner avanzava nella prima metà degli anni 50 del secolo scorso, niente di nuovo sotto il sole...

3) ...ed è assolutamente falsa. Il consesso scientifico, in particolare quello degli scienziati di religione cattolica, era fortemente imbarazzato
dalle esternazioni di papa Pio XII, e molti di loro (in particolare l'abate e scienziato Georges Lemaitre) suggerirono al pontefice di agire
con prudenza, temendo ripercussioni in caso di ulteriori scoperte scientifiche che andassero in contraddizione con gli insegnamenti biblici.
Fortunatamente Pio XII raccolse l'invito e non fece più menzione dell'argomento nelle sue uscite pubbliche.

4) Definire Halton Arp il massimo esponente della teoria dello Stato Stazionario è quantomeno azzardato, se per cinquant'anni uno frantuma i maroni
alla comunità scientifica ripetendo le stesse cose come un disco rotto non è che poi diventano vere...

Un saluto da ansible
[/quote]


Le cosidette "verità storiche" di cui parli lasciano il tempo che trovano visto che non confutano assolutamente quello che ho detto, anzi lo confermano.
Probabilmente te ne saresti accorto se invece che perdere tempo su Google o Wikipedia lo avessi speso per leggere meglio quello che ho scritto prima di mettermi in bocca cose che non ho detto.

Non ho detto che la teoria del Big Bang faccia parte di una cospirazione indirizzata a rafforzare il Cristianesimo.
Ho detto invece che la teoria del Big Bang è appoggiata (a malincuore) dalla chiesa perché è quella che discosta meno dal credo della creazione.
Mi pare che ci sia una bella differenza ma se vuoi ti faccio un disegnino.

Leggetevi i libri su entrambe le teorie e traetene le Vostre conclusioni, e comunque non c'è bisogno di schierarsi per forza da una parte o dall'altra.

Tony

P.S. "...se per cinquant'anni uno frantuma i maroni alla comunità scientifica ripetendo le stesse cose come un disco rotto non è che poi diventano vere..."
Questo credo valga per tutti.


Titolo: Re:marte
Messaggio di: ciccio il 12 Maggio 2017, 10:49:34

[quote author=Tony Lee qlnk=board=21&threadid=8911&start=30#99035 date=1494146662]

Scusatemi tutti.
Credo sia doveroso da parte mia fare un passo indietro, devo aver preso la cosa troppo a cuore e mi è sfuggita di mano.
La verità è che sono una persona a cui piace parlare faccia a faccia, non sono bravo a parlare al telefono e visto i risultati, nel chattare sono ancora peggio.
Senza rendermene conto, ho fatto un riferimento di troppo, mettendo a quanto pare a rischio di conseguenze il sito è chi lo gestisce.
Non ho detto niente che non sia di dominio pubblico, non era falso, ma giustamente se sei libero di scrivere quello che vuoi, gli altri sono liberi di farti causa.
Davvero me ne dispiace e ringrazio Fantobelix per aver tempestivamente tolto il paragrafo in questione, se avessi visto subito il messaggio di Marco lo avrei fatto io stesso.
Certo è paradossale che parlando di censura sono stato a mia volta censurato, non dalla chiesa ma da Santobelix (dai concedimi almeno la battuta... anzi per evitare fraintendimenti: "E' una battuta!").
Andrò a rileggermi il regolamento del forum.
A parte questo, probabilmente, anzi sicuramente, ho offeso qualcun'altro, se è così, l'interessato è pregato di contattarmi in pubblico o in privato.
Davvero non capisco ma vengo molto spesso frainteso, devo continuamente spiegarmi, giustificare ciò che ho detto.
Se scherzo vengo preso sul serio... e viceversa.
A questo punto, in base alla legge delle probabilità, è un problema mio. Me ne farò una ragione... è ovviamente ne accetterò le conseguenze.
Saluti.

Tony
[/quote]

Mi dispiace di aver visto questa bella discussine solo adesso, quando, gli argomenti siano stati sviluppati diffusamente , dai commenti e osservazioni, non credo che qualcuno si sia offeso, magari non conoscendoti di persona alcune osservazioni sono state prese troppo seriamente, ma come discussione mi sembra molto civile.
Del resto possiamo capire che tu in quanto adoratore di Kali, sia un po' di parte. (non riesco a mettere faccine sarcastiche ma fa conto che c'è ne siano un po').



Home Forum | Powered by M.Naldini
© 2002, Naldini M. Tutti I diritti riservati.