COMMUNITY di UraniaMania

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania Mania - Torna alla HomePage Home di UraniaMania Benvenuto Visitatore. Per favore Login oppure Registrati. 20 Settembre 2018, 01:55:46
Indice del ForumCercaLoginRegistrati
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | La Fantascienza in Generale | Discussione: Il dio nudo e la pioggia 2014. «prec succ»
Pagine: [1] Rispondi
  Autore  Discussione: Il dio nudo e la pioggia 2014.  (letto 301 volte)
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifideArraffavolumi di Prima Classe

Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:559



Gundam XR-78


Sta viaggiando verso la Fascia degli Asteroidi
81.8 %
HMS R. SHARPE
UM NCC 1373-A
Sta viaggiando verso la Fascia degli Asteroidi


Profilo
Il dio nudo e la pioggia 2014.
« data: 17 Novembre 2014, 09:38:05 »
Cita

Vedo nuovamente piovere fuori dalla mia finestra.
Oramai da giorni vedo immagini di devastazione che colpisono le nostre cittĂ  e sempre piu' mi fa venire in mente questo passaggio del libro di Peter F. Hamilton Il dio nudo, parte 1, del ciclo L'alba della notte..

Capitolo 5.

Ogni mese, in qualsiasi periodo dell’anno, sulla superficie terrestre si scatenavano da due a sette tempeste “Armada”, in un continuo assalto che durava da più di cinquecento anni. Come per un mucchio di cose, il nome era entrato nell’uso quotidiano.

Pochi sapevano che era ispirato alla famosa tempesta che distrusse l’Invincibile Armata e a nessuno interessava da dove derivasse.

Era iniziato con la teoria del caos: l’asserzione che il battito d’ali di una farfalla in una foresta pluviale sudamericana darebbe origine a un uragano a Hong Kong. Poi nel Ventunesimo secolo venne la fusione a buon mercato e l’industrializzazione di massa: nel giro di due decenni, interi continenti si portarono a livelli di vita degni del consumismo occidentale. Miliardi di persone si ritrovarono con il credito per comprare una moltitudine di elettrodomestici, automobili, vacanze esotiche; si trasferirono in case nuove, migliori, più ampie, adottando stili di vita che ampliavano di qualche ordine di grandezza il consumo d’energia. Affannate a servire il loro potere d’acquisto, le compagnie costruirono città di nuove fabbriche. Consumatori e produttori dispersero nell’ambiente enormi quantità di calore, agitando l’atmosfera al di là dei peggiori scenari della maggior parte dei modelli studiati al computer.
Loggato
Armageddon was yesterday. Today we have a big problem!
ciccio

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

Collezionista

*

Offline  Msg:2336



Siamo fatti di polvere di stelle sogni e speranze


Sta esplorando Kynvur
79.6 %
DUCHESSA
UM NCC 4445-A
Sta esplorando Kynvur


Profilo
Re:Il dio nudo e la pioggia 2014.
« Rispondi #1 data: 17 Novembre 2014, 10:37:50 »
Cita

In effetti vedendo quello che succede e la mancanza di buon senso generale, alle volte mi domando se la crisi che ci sta colpendo non possa essere anche un bene per l'ambiente e uno stimolo per la gente a stare piĂą attenta al mondo in cui vive.
Loggato
Vivi ogni giorno come se non ci fosse domani, impara  come se dovessi non morire mai!
Pagine: [1] Page Top RispondiAbilita NotificaStampa
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | La Fantascienza in Generale | Discussione: Il dio nudo e la pioggia 2014. «prec succ»
Vai in:


Login con username, password e durata della sessione