COMMUNITY di UraniaMania

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania Mania - Torna alla HomePage Home di UraniaMania Benvenuto Visitatore. Per favore Login oppure Registrati. 19 Settembre 2018, 20:03:48
Indice del ForumCercaLoginRegistrati
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | La Fantascienza in Generale | Discussione: L'Acchiappautori n. 2, giugno 2010 «prec succ»
Pagine: [1] Rispondi
  Autore  Discussione: L'Acchiappautori n. 2, giugno 2010  (letto 1060 volte)
erberto

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

Supervisore

*

Responsabile area:
Libri->Fantascienza
Visualizza collane curate
Offline  Msg:372



W UraniaMania!!!


IIIOOO
UM NCC 110-A


Profilo E-Mail
L'Acchiappautori n. 2, giugno 2010
« data: 23 Giugno 2010, 23:34:14 »
Cita


Ciao a tutti.
Eccomi qua con la seconda puntata di questa serie dedicata ai nuovi autori italiani che man mano riterrò di segnalarvi (non me ne vogliano gli altri, magari altrettanto o più meritevoli, ma più di una scheda ogni tanto non riesco proprio a fare ...).

Questo secondo numero appare nel forum dedicato alla fantascienza perchè il libro segnalato (a differenza del primo) è strettamente fantascientifico, anzi, direi di più... è vera e propria Space Opera!!


   I motivi della segnalazione? Prima di tutto l'eccezionalità della cosa. Pensate: una space opera di 640 pagine (!!) scritta da una giovane signora italiana di nome Maria Carmela Giordano (e senza neanche un vampiro! ) che ha dedicato alla sua creazione anche un intero sito, completo di schede sui vari personaggi e sui mondi di questo universo.

Il secondo motivo, ovviamente, è che il romanzo mi è piaciuto. L'ho cominciato, devo dire la verità, con qualche apprensione ed un po' di scetticismo. Ma mi sono ricreduto abbastanza in fretta, la vicenda prende e resta avvincente, pur nella lunghezza della storia. L'identificazione del lettore con la giovane protagonista funziona e io mi sono davvero divertito.

Se devo fare qualche analogia vi dirò che per certi versi a me ha ricordato le space opera old time dei vari Williamson e E. E. Doc Smith.  Per intenderci: le astronavi viaggiano di qua e di là senza farsi troppi problemi su quisquilie come accuratezza scientifica. E devo dire che non ne ho sentito la mancanza, il divertimento è altrove, è nell'avventura, nel sense of wonder, anche se con ingredienti che probabilmente solo una giovane donna di quest'epoca poteva metterci dentro.

Penso di aver detto quasi tutto. Per altre informazioni potete vedere la scheda qui su UM oppure il sito dedicato alla saga: Helt I signori dell'Armonia.

Ciao, alla prossima!
« Ultima modifica: 23 Giugno 2010, 23:43:15 di erberto » Loggato
Pagine: [1] Page Top RispondiAbilita NotificaStampa
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | La Fantascienza in Generale | Discussione: L'Acchiappautori n. 2, giugno 2010 «prec succ»
Vai in:


Login con username, password e durata della sessione