COMMUNITY di UraniaMania

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania Mania - Torna alla HomePage Home di UraniaMania Benvenuto Visitatore. Per favore Login oppure Registrati. 20 Settembre 2018, 04:50:08
Indice del ForumCercaLoginRegistrati
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Urania Mondadori | Discussione: Urania 1593- echo ¬ęprec succ¬Ľ
Pagine: 1 [2] Rispondi
  Autore  Discussione: Urania 1593- echo  (letto 2685 volte)
MarcoF.


Collezionista

*

Offline  Msg:28




Copertina Preferita


ProfiloWWW
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #15 data: 22 Maggio 2013, 15:21:33 »
Cita

Ringrazio "end" per i complimenti sempre ben accetti.
D'accordo sul discorso povert√† di proposte, della quale ne soffriamo un po' tutti, per√≤ almeno quelle poche cose nuove che ci arrivano bisognerebbe guardarle con pi√Ļ apertura ed elasticit√†.
Loggato
MarcoF.


Collezionista

*

Offline  Msg:28




Copertina Preferita


ProfiloWWW
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #16 data: 22 Maggio 2013, 15:33:02 »
Cita


Chiedo perdono a "and" per aver storpiato il suo nick in "end"
Loggato
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3193



La spedizione della Va Flotta sta ancora cercando


Sta esplorando Plutone
54.5 %
FAR STAR
UM NCC 1273-A
Sta esplorando Plutone


Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #17 data: 22 Maggio 2013, 16:48:59 »
Cita


Citazione da: MarcoF. il 22 Maggio 2013, 14:53:16


A me sinceramente fa piangere il comportamento di chi vive solo ed esclusivamente nel passato aggrappandosi sempre agli stessi (validissimi, per carit√†) nomi e smettendo a priori di cercare nuovi stimoli in nuovi autori contemporanei. Un vero amante della fantascienza non smette mai di cercare e secondo me √® questa la chiave per far sopravvivere il genere.Per me "Echo" rimane una valida lettura e gioisco del fatto che sia un romanzo del 2010 e non del 1940 o gi√Ļ di l√¨.


Io invece piango perchè tra la pubblicazione in lingua e la comparsa sui mercati italiani passano circa 6-7 anni, di media, arrivando in certi casi a 10-12 anni, (un caso che Echo sia stato pubblicato in solamente tre anni). Pertanto noi italiani siamo sempre in arretrato con le ultime novità.
Mi erano piaciuti i primi di Alex Benedict e mi è piaciuto l'ultimo, ancora da tradurre e pubblicare. Chi vive nel passato è Urania che ci ha portato via almeno una nuova pubblicazione facendo ristampe che si trovano ancora nel mercato degli usati, e questo mi dispiace molto, perchè anche se ho letto già il libro in inglese mi piace anche molto rileggermelo in italiano.
Sapessi quanti autori nuovi ci sono in giro oltre i nostri confini (e quanto poco sono conosciuti da noi), molti racconti li trovi già in ebook, racconti che hanno partecipato al premio Nebula appena disputato (2013) e che se va bene li troverai da noi in Odissea o Robot in breve termine (racconti brevi, generalmente), per i romanzi dovremo aspettare qualche anno.
Conclusione: non credo che ci siano molti di noi che vivono solamente ed esclusivamente nel passato, in fondo stiamo parlando di fantascienza e non di archeologia.
w.
Loggato
********************************************
Tradotti: 'Fratello della Nave' di Aliette De Bodard; 'Veritas' di Robert Reed; 'La Stanza delle Anime Perdute' della Rusch. Co-traduttore di 'Santiago' di Resnick; in solitario di 'Oggi sono Paul' di Shoemaker (concorrente al Premio Nebula), di prossima pubblicazione. Appena pubblicato un racconto della Rusch: Base di Settore: Venice.
Vedi il profilo utente


Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3440



A noble spirit embiggens the smallest man.
Copertina Preferita

Sta viaggiando verso Venere
99.5 %
UMMAGUMMA
UM NCC 3325-A
Sta viaggiando verso Venere


Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #18 data: 22 Maggio 2013, 19:31:56 »
Cita

Intanto faccio anch'io i complimenti a Marco per il blog...

...e poi dico la mia: vecchia o nuova, quando è buona...quando è SF con la S e la F maiuscole, è una goduria.
Certo tutto va inquadrato, visto in prospettiva storica (anche quando si ascolta un album... non posso giudicare Country Joe and the Fish coi criteri che userei per i Radiohead...sarebbe sbagliato, ma restano 2 grandissimi gruppi): ho da poco terminato con somma goduria la lettura di "Costa dei barbari" di Kim Stanley Robinson e di "Novilunio" di Fritz Leiber.
Sono state 2 esperienze di lettura superbe, che importa se uno è degli anni '50 e l'altro solo di qualche anno fa ?

Certo che, come dice Wafer, in Italia siamo penalizzati perchè le "novità" arrivano quando ormai sono in realtà datate.

« Ultima modifica: 22 Maggio 2013, 19:32:12 di Arne Saknussemm » Loggato
******************************************************************************************
Sto leggendo e
Vedi il profilo utente


Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3440



A noble spirit embiggens the smallest man.
Copertina Preferita

Sta viaggiando verso Venere
99.5 %
UMMAGUMMA
UM NCC 3325-A
Sta viaggiando verso Venere


Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #19 data: 22 Maggio 2013, 19:36:29 »
Cita

Restando nella "Fantarcheologia"... devo assolutamente leggere "Lo scheletro impossibile" di Hogan (e gli altri 2 del ciclo) che ha 30 anni in pi√Ļ rispetto ad "Echo" ed una trama che assomiglia vagamente a quella di "Echo" (almeno cos√¨ pare leggendo le fantasiose trame delle quarte di copertina Urania...)

Loggato
******************************************************************************************
Sto leggendo e
tehom


Collezionista

*

Offline  Msg:309



W UraniaMania!!!
Copertina Preferita


Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #20 data: 23 Maggio 2013, 09:20:51 »
Cita



Vorrei chiudere questa polemica scatenata in maniera del tutto involontaria a causa di una riflessione che ha evidentemente urtato una sensibilit√† troppo accentuata con alcun considerazioni quanto pi√Ļ distaccate ed oggettive possibili.

1) Io amo svisceratamente la fantascienza ma questo non mi impedisce di giudicare una schifezza per quello che è e chiamarla col suo nome, vivo con i piedi ben radicati nel presente e so riconoscere e valutare un testo.
Se un autore non ha niente da dire io sono in grado di capirlo, non importa se si tratta di McDevitt o magari di un grosso calibro (esemplificando brutalmente faccio l'esempio di F. Pohl che, come nel cinema W. Allen, è ancora vivo ma artisticamente parlando è defunto un quarto di secolo fa ).

2) Se si ha qualcosa da dire e si sa come raccontarla e metterla nero su bianco non si dovrebbero fare differenze fra antichi, moderni, classici, contemporanei. Si è scrittori e basta, punto. Negli anni '40 scrittori come Kuttner, Bradbury, Kornbluth scrivevano cose che si possono tranquillamente leggere oggi, altri come E.E. Doc Smith, Hamilton, Campbell (!) no.
Non è una questione di ideologie, è che evidentemente la cifra stilistica dei primi era superiore, non esistono altre spiegazioni.

3) And è stato quello che ha colto meglio il significato del mio intervento iniziale, è vero, mi riferivo esattamente a quello, la povertà dell'offerta editoriale oggi nel nostro paese ( notate che la ristrettezza dell'offerta "normalmente" dovrebbe suggerire a chi pubblica di selezionare accuratamente in base a criteri rigorosi di qualità dei testi, oggi in Italia sembrano invece prevalere altri parametri...)
Ma non solo a quello mi riferivo, ma  anche al panorama complessivo internazionale abbastanza desolante, forse oggi come vero Autore paragonabile ai grandi del passato c'√® solo G.Egan che produce vera fantascienza per il terzo millennio, altri pur validi e in gamba assecondano forse troppo le richieste del pubblico e non √® detto che non possano prima o poi eclissarsi al mutare delle mode.
Dove sono gli autori che creano, i "fabbricanti di universi" di una volta, scrittori come Malzberg  capaci di scrivere racconti che contengono universi come "Una galassia di nome Roma" che oggi ci sogniamo, oppure Ballard con i suoi straordinari romanzi concentrati?
Non esistono, o se esistono sono stati espulsi dal settore da una editoria che ha privilegiato autori di serial (serial Killer?) e che cerca di imporre questo modello a tutti i costi per motivi esclusivamente commerciali, poi magari c'è chi si adegua e chi no, McDevitt (credo che su questo possano convenire tutti ) non deve aver opposto molta resistenza.
Loggato
and


Collezionista

*

Offline  Msg:379







Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #21 data: 23 Maggio 2013, 09:28:31 »
Cita

Io aggiungo Dan Simmons che quando scrive fantascienza non è secondo a nessuno
Loggato
MILES VORKOSIGAN


Uraniofilo

*

Offline  Msg:1781



W UraniaMania!!!



Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #22 data: 23 Maggio 2013, 14:34:28 »
Cita

Io credo che ognuno di noi pu√≤ fare critica quanto gli pare e  piace, ma, alla fine deve sempre scrivere, SECONDO ME !!
Perché ognuno di noi non è ne la verità ne la via ne la vita. Qui si parla di gusti soggettivi, altrimenti saremmo tutti seriali. Poi c'è l'effettivamente bello e l'effettivamente brutto , dove tutti concordano.
Neanche il tuo paragone, Theom , su Campbell, Hamilton vs Bradbuty e Kornbluth regge, due tipi di SF completamente diversa, dove i primi sono assolutamente indirizzati verso la Space Opera e i secondi verso la SF Psicologica, ma dove la prima potrebbe avere decadimento negli anni , la seconda essendo Psicologia , risulta invariata nel tempo, un matto visionario lo è nel 1800 come nel 2050 .
Loggato
Sto leggendo


Dexter Ward


Visitatore


 

E-Mail
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #23 data: 23 Maggio 2013, 20:13:59 »
Cita


Spero che in questa disquisizione ad alti livelli accettiate un parere anche da chi non è magari "conoscitore" o "intenditore", ma solamente "appassionato". Miles come sempre fa passare il suo messaggio con forza e convinzione ma sono d'accordo con lui che una fantascienza "psicologica" non ha età (vogliamo pensare a Lovecraft, Poe,...). Per quanto riguarda l'attenzione che gli editori e il mercato "concedono" alla SF basti dire che nel mio (piccolo) paese, su tre edicole, arriva solo un Urania al mese... scusate l'intrusione...
Loggato
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifideGuru Eccelso del Sovrano ordine di Chtorr

Amministratore

*

Responsabile area:
Urania
Visualizza collane curate
Offline  Msg:3674



Io ne ho viste cose, che voi umani non potreste...
Copertina Preferita


Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #24 data: 23 Maggio 2013, 20:19:48 »
Cita

Nel mio piccolissimo paese, nell'unica edicola, solo per me, una sola copia
Mi sento un re  
« Ultima modifica: 23 Maggio 2013, 20:39:55 di Lucky » Loggato
MILES VORKOSIGAN


Uraniofilo

*

Offline  Msg:1781



W UraniaMania!!!



Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #25 data: 23 Maggio 2013, 23:03:45 »
Cita

Clooney direbbe  WHAT ELSE?  
Quanto me piace sto forum e quanto stimo i suoi forumisti
Loggato
Sto leggendo


MarcoF.


Collezionista

*

Offline  Msg:28




Copertina Preferita


ProfiloWWW
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #26 data: 24 Maggio 2013, 10:55:50 »
Cita

Tehom ha scritto : "Vorrei chiudere questa polemica scatenata in maniera del tutto involontaria a causa di una riflessione che ha evidentemente urtato una sensibilit√† troppo accentuata con alcun considerazioni quanto pi√Ļ distaccate ed oggettive possibili."


Bello... mi è piaciuto!


Alla fine concordo pienamente con Miles Vorkosigan quando dice che è tutto soggettivo.
Una nota positiva : la mia recensione ha scatenato, oltre alle polemiche, anche un interessante scambio di opinioni tra gente che di fantascienza ne sa.E quando succede è sempre bello.

Loggato
tehom


Collezionista

*

Offline  Msg:309



W UraniaMania!!!
Copertina Preferita


Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #27 data: 24 Maggio 2013, 13:05:46 »
Cita



Vabbè, tutto è soggettivo, allora però mettiamo dei punti fermi, così, tanto per non far deragliare le discussioni future:


1) Una rosa è una rosa è una rosa
2) Un cane è un cane è un cane
3) McDevitt ha scritto alcune serie di libri pubblicate in America
4) Urania sta pubblicando in Italia questi libri

Sperando che su questa piattaforma minima  i posteri possano esercitarsi in meno estemporanei e pi√Ļ costruttivi dibattiti letterari per quanto mi riguarda pongo la parola fine a questa interessante chiacchierata.
Loggato
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3193



La spedizione della Va Flotta sta ancora cercando


Sta esplorando Plutone
54.5 %
FAR STAR
UM NCC 1273-A
Sta esplorando Plutone


Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #28 data: 24 Maggio 2013, 13:47:19 »
Cita


Citazione da: tehom il 24 Maggio 2013, 13:05:46



Vabbè, tutto è soggettivo, allora però mettiamo dei punti fermi, così, tanto per non far deragliare le discussioni future:


1) Una rosa è una rosa è una rosa
2) Un cane è un cane è un cane
3) McDevitt ha scritto alcune serie di libri pubblicate in America
4) Urania sta pubblicando in Italia questi libri

Sperando che su questa piattaforma minima  i posteri possano esercitarsi in meno estemporanei e pi√Ļ costruttivi dibattiti letterari per quanto mi riguarda pongo la parola fine a questa interessante chiacchierata.


Errore ai punti 3 e 4:
3- McDevitt ha scitto una serie di 6 libri imperniata su Benedict.
4- Urania ha pubblicato solamente il numero 3 ed il numero 5.

Posso dissentire sui punti
1: la rosa può essere di diverse colorazioni.
2: un cane può essere anche una cagna.
Punto e Fine.
« Ultima modifica: 24 Maggio 2013, 13:49:41 di waferdi » Loggato
********************************************
Tradotti: 'Fratello della Nave' di Aliette De Bodard; 'Veritas' di Robert Reed; 'La Stanza delle Anime Perdute' della Rusch. Co-traduttore di 'Santiago' di Resnick; in solitario di 'Oggi sono Paul' di Shoemaker (concorrente al Premio Nebula), di prossima pubblicazione. Appena pubblicato un racconto della Rusch: Base di Settore: Venice.
MILES VORKOSIGAN


Uraniofilo

*

Offline  Msg:1781



W UraniaMania!!!



Profilo
Re:Urania 1593- echo
« Rispondi #29 data: 24 Maggio 2013, 16:59:45 »
Cita

Siete magnifici , l'ironia, l'allegria, l'intelligenza, la ponderatezza , la cultura, l'educazione che c'e' in questo forum, non l'ho riscontrato in nessun altro.
Loggato
Sto leggendo


Pagine: 1 [2] Page Top RispondiAbilita NotificaStampa
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Urania Mondadori | Discussione: Urania 1593- echo ¬ęprec succ¬Ľ
Vai in:


Login con username, password e durata della sessione