COMMUNITY di UraniaMania

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania Mania - Torna alla HomePage Home di UraniaMania Benvenuto Visitatore. Per favore Login oppure Registrati. 22 Settembre 2018, 08:59:17
Indice del ForumCercaLoginRegistrati
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Autori di Fantascienza | Discussione: Philip K. Dick «prec succ»
Pagine: 1 [2] 3 4 5 6 7 8 Rispondi
  Autore  Discussione: Philip K. Dick  (letto 11858 volte)
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #15 data: 07 Giugno 2011, 21:32:17 »
Cita


Citazione da: maxpullo il 07 Giugno 2011, 12:59:50


Citazione da: waranza (ex wawawa) il 07 Giugno 2011, 11:18:17

A me l'occhio nel cielo è piacito (versione integrale Fanucci), ma sono troppo di parte credo




Probabilmente hai ragione tu: io ho letto l'edizione Urania ed ho trovato il libro assolutamente pietoso con repentini salti di palo in frasca e vuoti di trama troppo sospetti per essere farina del sacco di Dick.
L'impressione che ne ho ricavato è quella di un romanzo sconclusionato con punte di vera e propria "presa per i fondelli", ma oggi sono propenso a credere che questo sia imputabile ai tagli indiscriminati che il libro ha subito più che ad incapacità dell'autore.
Non ho il coraggio nè la voglia di leggere l'edizione Fanucci, ma sono quasi certo che il romanzo vero non meriti il giudizio stroncatorio con cui lo bollai a suo tempo... l'edizione Urania invece si e vale la pena averla solo per completezza della collezione.


Dai, fra un po' mi leggo l'edizione Fanucci e ti dico. Anche solo come "cicciosità" del volume c'è una bella differenza e un rapido confronto dell'incipit del libro già suggerisce che la versione uranica è più un riassunto che una traduzione. Ti ricordi cosa ti dicevo a proposito di certi libri di Simak? Stessa storia per Dick.  
Loggato
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #16 data: 07 Giugno 2011, 21:34:00 »
Cita


Citazione da: waranza (ex wawawa) il 07 Giugno 2011, 11:18:17

A me l'occhio nel cielo è piacito (versione integrale Fanucci), ma sono troppo di parte credo

vi consiglio anche "Confessioni di un artista di merda" che non è fantascienza ma moooolto Dick.


I romanzi cosiddetti "realistici" di Dick sono tutti molto Dick..si mise a scrivere fs solo per trovare uno sbocco commerciale per i suoi romanzi e guadagnarsi la pagnotta scrivendo.
Loggato
Scubamanu

Membro del Club: La Tana del TrifideAvido Risucchiatore Cosmico

Collezionista

*

Offline  Msg:228






E' in orbita attorno alla Terra
65.3 %
OCEAN
UM NCC 3308-A
E' in orbita attorno alla Terra


ProfiloWWW
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #17 data: 08 Giugno 2011, 11:08:21 »
Cita

Io ho letto Ubik (e anche una raccolta di racconti) e mi ricordo di essermi divertita una cifra nel leggere che qualsiasi cosa il protagonista volesse fare doveva pagare un credito. L'ho trovato abbastanza attuale Mi riprometto di leggere qualcos'altro.
Loggato
Sto leggendo
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #18 data: 16 Giugno 2011, 21:42:10 »
Cita

Mi sono riletto Occhio nel cielo nell'edizione Fanucci. la traduzione è stata "svetustata" rispetto a quella uranica del 1957, reintegrando anche qualche passaggio tagliuzzato qua e là. Non avendo più riletto il libro da tantissimo tempo temevo una brutta sorpresa, ma tutto sommato è un libro ancora più che leggibile anche se siamo lontani dai capolavori del periodo aureo di Dick. L'interesse storico è poi notevole, essendo il libro un concentrato, un po' frettoloso bisogna dire, delle classiche tematiche dickiane. Ecco la mini recensione che scritto per la scheda del libro in DB.

"Quarto romanzo pubblicato da Dick, questo Occhio nel cielo, pur non essendo ancora un capolavoro come molti romanzi successivi, presenta indubbi motivi di interesse. Innanzi tutto è il primo romanzo di Dick in cui appare una realtà virtuale condivisa da più protagonisti, una specie di prova generale del capolavoro Ubik. Inoltre Dick da sfogo alla sua vena più satirica prendendosi allegramente gioco dei fanatismi religiosi e politici e delle paranoie individuali e collettive dell'epoca, maccartismo in primis. Nella scorribanda nei mondi virtuali creati dalla fantasia dei protagonisti Dick fa sfoggia di molte delle sue migliori armi, toccando toni che vanno dal comico al grotteco all'orrorifico (vedi episodio della casa vivente e del gatto rovesciato inside-out). Dick qui gioca a carte scoperte, i personaggi capiscono subito in che razza di trappola sono finiti ma ogni loro sforzo per uscirne li precipita in un incubo ancora peggiore. Il finale è ottimistico e due dei personaggi (un bianco e un nero) diventano anche soci in affari, fatto decisamente insolito per l'epoca. Una pecca potrebbe essere che il romanzo si svolge per circa metà della sua lunghezza nel primo universo, quello del maniaco religioso Arthur Sylvester, restringendo via via lo spazio dedicato ai successivi universi. Questo potrebbe forse essere stato causato da motivi editoriali, altrimenti il romanzo sarebbe stato di una lunghezza anomala per l'epoca. Se avete letto solo il Dick dei romanzi più celebri leggete anche questo, ci troverete in nuce tutte le tematiche che Dick svilupperà più compiutamente nelle opere successive."
« Ultima modifica: 16 Giugno 2011, 21:42:51 di marben » Loggato
Vedi il profilo utente


Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3440



A noble spirit embiggens the smallest man.
Copertina Preferita

Sta viaggiando verso Venere
99.5 %
UMMAGUMMA
UM NCC 3325-A
Sta viaggiando verso Venere


Profilo
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #19 data: 16 Luglio 2011, 12:41:43 »
Cita

Mi sto ubriacando con "La svastica sul sole"....

...e per adesso è una gran bella sbronza.


Alcuni passaggi del libro, seppure legati alla storia, ti portano (se vuoi) su un altro piano, dove non vivi la storia ma rifletti... speculi su cio che Dick potrebbe voler dire al di la' della trama.
Loggato
******************************************************************************************
Sto leggendo e
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #20 data: 16 Luglio 2011, 13:38:20 »
Cita


Citazione da: Arne Saknussemm il 16 Luglio 2011, 12:41:43

Mi sto ubriacando con "La svastica sul sole"....

...e per adesso è una gran bella sbronza.


Alcuni passaggi del libro, seppure legati alla storia, ti portano (se vuoi) su un altro piano, dove non vivi la storia ma rifletti... speculi su cio che Dick potrebbe voler dire al di la' della trama.


Dick iniziò a scrivere La svastica perchè si era rotto di lavorare nella gioielleria della moglie...non aveva una trama precisa in testa, soltanto l'idea della vittoria dell'Asse nella WW2. Usava l'I-Ching per decidere dove andare di volta in volta...
Loggato
Vedi il profilo utente


Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3440



A noble spirit embiggens the smallest man.
Copertina Preferita

Sta viaggiando verso Venere
99.5 %
UMMAGUMMA
UM NCC 3325-A
Sta viaggiando verso Venere


Profilo
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #21 data: 16 Luglio 2011, 17:04:15 »
Cita


Citazione da: marben il 16 Luglio 2011, 13:38:20


Citazione da: Arne Saknussemm il 16 Luglio 2011, 12:41:43

Mi sto ubriacando con "La svastica sul sole"....

...e per adesso è una gran bella sbronza.


Alcuni passaggi del libro, seppure legati alla storia, ti portano (se vuoi) su un altro piano, dove non vivi la storia ma rifletti... speculi su cio che Dick potrebbe voler dire al di la' della trama.


Dick iniziò a scrivere La svastica perchè si era rotto di lavorare nella gioielleria della moglie...non aveva una trama precisa in testa, soltanto l'idea della vittoria dell'Asse nella WW2. Usava l'I-Ching per decidere dove andare di volta in volta...


Quindi le profezie dell' I-ching sono quelle che davvero uscivano a lui ??
E lui le metteva nel libro ed andava avanti coerentemente ad esse ????


P.S. Comunque confesso che quando riesco ad arraffare il libro (ovvero, solitamente quando vado a casa di amiche misticheggianti-hippie-zingaresco-flower/power ...) .... anche io consulto l'oracolo, il millenario I-Ching .... ed è una figata !!
« Ultima modifica: 16 Luglio 2011, 17:39:59 di Arne Saknussemm » Loggato
******************************************************************************************
Sto leggendo e
DarkHorseman


Visitatore


 

E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #22 data: 16 Luglio 2011, 21:42:04 »
Cita

....continuo a domandarmi cosa rimane di questo libro una volta tolto tutto il fumo che c'è intorno........
Loggato
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

WebMaster

*

Responsabile area:
Visualizza collane curate
Offline  Msg:4512



Papà mi dai libbo l'ulania?


Sta viaggiando verso Giove
14.3 %
GRIFONE1893
UM NCC 1983-A
Sta viaggiando verso Giove


Profilo E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #23 data: 16 Luglio 2011, 22:02:48 »
Cita


Citazione da: DarkHorseman il 16 Luglio 2011, 21:42:04

....continuo a domandarmi cosa rimane di questo libro una volta tolto tutto il fumo che c'è intorno........



Questa estate lo scoprirò...
E vedremo se La svastica sul sole si affiancherà ai capolavori Ubik, Le tre stimmate di Palemer Eldritch, Giù nella cattedrale, Il cacciatore di androidi e L'uomo dei giochi a premio oppure se cadrà a picco come i mediocri L'occhio nel cielo, Vulcano3 ed il noiosissimo Divina invasione...
Loggato
Sto e-leggendo
I figli della follia - J. SOHL

...

5,90 'era già' troppo...

...

Un tempo questo forum era tutta campagna...
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #24 data: 16 Luglio 2011, 22:18:10 »
Cita


Citazione da: Arne Saknussemm il 16 Luglio 2011, 17:04:15

[

Quindi le profezie dell' I-ching sono quelle che davvero uscivano a lui ??
E lui le metteva nel libro ed andava avanti coerentemente ad esse ????





Già, solo che alla fine l'I-Ching lo ha piantato in asso e il finale è rimasto così sospeso...dopodichè non ha voluto averci più nulla a che fare. Questo almeno è quanto lui diceva, non dimenticare che Dick, come ho già detto, era completamente pazzo. Leggersi la sua intervista inclusa nell'edizione italiana di Giù nella cattedrale (Galassia 235). Basta quella per rendersi conto che non aveva neppure una rotella che girava nel verso giusto.

PS
Letto Giù nella cattedrale la scorsa settimana, molto junghiano (Jung era un'altra fissazione di Dick).
Loggato
DarkHorseman


Visitatore


 

E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #25 data: 17 Luglio 2011, 11:35:14 »
Cita

....non è che ci marciava un pò sulla sua presunta pazzia?? oppure magari lo facevano gli editori.....??
Loggato
AgenteD


Collezionista

*

Offline  Msg:358



W UraniaMania!!!



Profilo
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #26 data: 17 Luglio 2011, 11:44:08 »
Cita


Citazione da: DarkHorseman il 17 Luglio 2011, 11:35:14

....non è che ci marciava un pò sulla sua presunta pazzia?? oppure magari lo facevano gli editori.....??


Guarda, io ho letto la sua biografia "Io sono vivo, voi siete morti" e ti assicuro che gran parte dei suoi comportamenti erano dettati da "delirio paranoideo", dubitava della realtà del suo mondo, pensava che altre persone, o le varie Agenzie Governative lo spiassero per fini più o meno oscuri (vi ricorda qualche trama di un suo romanzo?). Che poi da artista abbia saputo trasformare questi deliri in opere d'arte, è un altro discorso...Ma si potrebbe dire che Dick poco inventava e invece molto metteva per iscritto le sue reali convinzioni...
Loggato
PabloE


Collezionista

*

Offline  Msg:1042



Mors mea tacci tua.
Copertina Preferita


Profilo E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #27 data: 17 Luglio 2011, 11:58:18 »
Cita


Citazione da: marben il 16 Luglio 2011, 22:18:10


Citazione da: Arne Saknussemm il 16 Luglio 2011, 17:04:15

[

Quindi le profezie dell' I-ching sono quelle che davvero uscivano a lui ??
E lui le metteva nel libro ed andava avanti coerentemente ad esse ????





Già, solo che alla fine l'I-Ching lo ha piantato in asso e il finale è rimasto così sospeso...dopodichè non ha voluto averci più nulla a che fare.


Questa mi mancava...
Loggato
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #28 data: 17 Luglio 2011, 12:14:36 »
Cita


Citazione da: AgenteD il 17 Luglio 2011, 11:44:08


Citazione da: DarkHorseman il 17 Luglio 2011, 11:35:14

....non è che ci marciava un pò sulla sua presunta pazzia?? oppure magari lo facevano gli editori.....??


Guarda, io ho letto la sua biografia "Io sono vivo, voi siete morti" e ti assicuro che gran parte dei suoi comportamenti erano dettati da "delirio paranoideo", dubitava della realtà del suo mondo, pensava che altre persone, o le varie Agenzie Governative lo spiassero per fini più o meno oscuri (vi ricorda qualche trama di un suo romanzo?). Che poi da artista abbia saputo trasformare questi deliri in opere d'arte, è un altro discorso...Ma si potrebbe dire che Dick poco inventava e invece molto metteva per iscritto le sue reali convinzioni...


Avendo letto quasi tutto quello che Dick ha scritto (narrativa e saggi) si capisce fin troppo bene che non ci marciava. Era una persona con disturbi della personalità, non tali da comprometterne l'esistenza quotidiana, come la capacità di guadagnarsi da vivere e di avere relazioni, ma che incidevano pesantemente sulla sua visione del mondo. Questo fin dai suoi primissimi racconti, come Impostor (1952), dove il protagonista scopre di essere un "altro". Tema questo che ricorrerà spesso in seguito, anche gli androidi di Do androids inizialmente non sanno di essere "altri". Infine, con Ubik, arriva a scambiare la vita con la morte (che però è una specie di "semi-vita" a tempo), in un gioco di specchi dove non si capisce più chi è vivo e chi è morto.
Ballard a volte scriveva cose analoghe (con uno stile ben diverso e più "letterario"), però Ballard aveva studiato medicina e masticava di psichiatria e psicopatologia, la sua era una operazione consapevole, in Dick era assolutamente spontanea.
Loggato
PabloE


Collezionista

*

Offline  Msg:1042



Mors mea tacci tua.
Copertina Preferita


Profilo E-Mail
Re:Philip K. Dick
« Rispondi #29 data: 17 Luglio 2011, 12:36:29 »
Cita


Citazione da: marben il 17 Luglio 2011, 12:14:36

Questo fin dai suoi primissimi racconti, come Impostor (1952)


Bellissimo quel racconto.


Comunque la Svastica lo rileggerò (prima o poi ) e forse, e sottolineo forse , con la consapevolezza che l'I-Ching non era solo un espediente letterario-rompiballe, l'apprezzerò maggiormente: m'è venuto il dubbio che non era colpa del periodo in cui l'ho letto, ma della scarsa conoscenza dell'autore
Loggato
Pagine: 1 [2] 3 4 5 6 7 8 Page Top RispondiAbilita NotificaStampa
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Autori di Fantascienza | Discussione: Philip K. Dick «prec succ»
Vai in:


Login con username, password e durata della sessione