COMMUNITY di UraniaMania

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania Mania - Torna alla HomePage Home di UraniaMania Benvenuto Visitatore. Per favore Login oppure Registrati. 23 Settembre 2018, 02:14:40
Indice del ForumCercaLoginRegistrati
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Autori di Fantascienza | Discussione: Fredric Brown «prec succ»
Pagine: 1 [2] Rispondi
  Autore  Discussione: Fredric Brown  (letto 3632 volte)
PabloE


Collezionista

*

Offline  Msg:1042



Mors mea tacci tua.
Copertina Preferita


Profilo E-Mail
Re:Fredric Brown
« Rispondi #15 data: 08 Marzo 2011, 20:21:30 »
Cita


Citazione da: marben il 08 Marzo 2011, 17:46:22


Citazione da: PabloE il 08 Marzo 2011, 16:28:03


Citazione da: marben il 08 Marzo 2011, 13:33:16



Non ti devi perdere le raccolte di racconti di Brown; i due volumi di Cosmolinea oppure i due Massimi dedicati alla narrativa breve di Brown.


Valli a trovare però...


Vedi il vantaggio di essere nati prima? Uno i libri se li è comprati all'epoca in cui sono usciti...


Vero! Non capisco perchè alcuni romanzi te li tirano dietro per quanto volte sono stati ristampati mentre altri li lasciano nel loro stato di rarità (totale)...
Loggato
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Fredric Brown
« Rispondi #16 data: 08 Marzo 2011, 21:56:00 »
Cita


Citazione:


Citazione da: PabloE il 08 Marzo 2011, 16:28:03


Citazione da: marben il 08 Marzo 2011, 13:33:16





Valli a trovare però...


Vedi il vantaggio di essere nati prima? Uno i libri se li è comprati all'epoca in cui sono usciti...


Vero! Non capisco perchè alcuni romanzi te li tirano dietro per quanto volte sono stati ristampati mentre altri li lasciano nel loro stato di rarità (totale)...


E non sempre i migliori o più ricercati; certi libri hanno raggiunto quotazioni da quadro di Picasso sul mercato collezionistico solo perchè non ristampati da troppo tempo.
Loggato
Vedi il profilo utente


Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3440



A noble spirit embiggens the smallest man.
Copertina Preferita

Sta viaggiando verso Venere
99.5 %
UMMAGUMMA
UM NCC 3325-A
Sta viaggiando verso Venere


Profilo
Re:Fredric Brown
« Rispondi #17 data: 19 Marzo 2011, 12:11:58 »
Cita


Citazione da: maxpullo il 04 Febbraio 2011, 22:52:47

Ho scoperto Brown un po' in ritardo, ma dopo aver letto "Assurdo universo" e le due antologie "Cosmolinea" lo considero tra i miei autori preferiti in assoluto accanto a Vance, Lovecraft e Matheson.
Mi ha in parte deluso solo con il pluriristampato "Il vagabondo dello spazio" che francamente ho trovato sfilacciato e privo di significati particolari, ma per il resto penso abbia scritto solo capolavori.

Consiglio a chi non lo avesse giĂ  fatto di leggere anche "Gli strani suicidi di Bartlesville", da sempre uno dei miei romanzi preferiti ed uno dei piĂą inquietanti romanzi di invasione di tutta la FS.


Ho iniziato "Assurdo Universo", Urania Millemondi Inv.1973.
Lo stesso albo contiene anche "Gli strani suicidi di Bartlesville" ed "Il vagabondo dello spazio", messi in coda di lettura.
"Assurdo Universo" è davvero bello e ti "risucchia", non vedo l'ora di poter continuare la lettura e saperne un po di piu sulla totalnebbia, su Dopelle (si chiama cosi' no ??)... e Brown prende sempre piu quota tra le mie preferenze personali.
Loggato
******************************************************************************************
Sto leggendo e
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Fredric Brown
« Rispondi #18 data: 19 Marzo 2011, 13:05:38 »
Cita

Possibile che nessuno abbia letto Marziani andate a casa? Era spassoso quasi quanto Assurdo universo.
Loggato
Vedi il profilo utente


Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3440



A noble spirit embiggens the smallest man.
Copertina Preferita

Sta viaggiando verso Venere
99.5 %
UMMAGUMMA
UM NCC 3325-A
Sta viaggiando verso Venere


Profilo
Re:Fredric Brown
« Rispondi #19 data: 21 Marzo 2011, 09:47:15 »
Cita


Citazione da: marben il 19 Marzo 2011, 13:05:38

Possibile che nessuno abbia letto Marziani andate a casa? Era spassoso quasi quanto Assurdo universo.


Al contrario... ho letto "Marziani andate a casa" (che è anche stato il mio primo urania) ma non posso fare un paragone dato che "Assurdo Universo" non l'ho ancora finito di leggere.
Per quanto mi riguarda "Marziani andate a casa" merita come minimo un 8 pieno... ma mi pare che questi 2 romanzi (tralasciando l'ironia di cui Brown fa largo uso, e che accomuna i 2 lavori) siano abbastanza diversi come impianto della storia e tono.
Potro' valutare meglio quando avro' finito AU.
Loggato
******************************************************************************************
Sto leggendo e
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Fredric Brown
« Rispondi #20 data: 21 Marzo 2011, 10:15:14 »
Cita


Citazione da: Arne Saknussemm il 21 Marzo 2011, 09:47:15


Citazione da: marben il 19 Marzo 2011, 13:05:38

Possibile che nessuno abbia letto Marziani andate a casa? Era spassoso quasi quanto Assurdo universo.


Al contrario... ho letto "Marziani andate a casa" (che è anche stato il mio primo urania) ma non posso fare un paragone dato che "Assurdo Universo" non l'ho ancora finito di leggere.
Per quanto mi riguarda "Marziani andate a casa" merita come minimo un 8 pieno... ma mi pare che questi 2 romanzi (tralasciando l'ironia di cui Brown fa largo uso, e che accomuna i 2 lavori) siano abbastanza diversi come impianto della storia e tono.
Potro' valutare meglio quando avro' finito AU.


Marziani è stato scritto parecchi anni dopo Assurdo Universo, sono romanzi diversi ma che hanno comunque degli aspetti comuni. Entrambi sono caratterizzati dalla sua inconfondibile ironia e senso dell'umorismo, esercitati nei confronti degli stereotipi più vieti della fs. Fa comunque piacere questa rivalutazione di Brown, di fs non ha scritto tantissimo, campava con i romanzi gialli più che altro, però questi due romanzi e i suoi straordinari racconti sono ormai nell'olimpo dei "classici".
Loggato
Vedi il profilo utente


Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3440



A noble spirit embiggens the smallest man.
Copertina Preferita

Sta viaggiando verso Venere
99.5 %
UMMAGUMMA
UM NCC 3325-A
Sta viaggiando verso Venere


Profilo
Re:Fredric Brown
« Rispondi #21 data: 21 Marzo 2011, 10:34:28 »
Cita

...e se il n.100 dei Classici Urania fosse proprio "Cosmolinea" ??

Volume doppio...n.100/a e n.100/b con i 2 volume di racconti...

è un desiderio piu che una ipotesi realistica...
Loggato
******************************************************************************************
Sto leggendo e
marben


Visitatore


 

E-Mail
Re:Fredric Brown
« Rispondi #22 data: 21 Marzo 2011, 10:40:46 »
Cita


Citazione da: Arne Saknussemm il 21 Marzo 2011, 10:34:28

...e se il n.100 dei Classici Urania fosse proprio "Cosmolinea" ??

Volume doppio...n.100/a e n.100/b con i 2 volume di racconti...

è un desiderio piu che una ipotesi realistica...


Abbiamo fatto tante speculazioni su UC 100..sono tanti i titoli degni di questo onore. Putroppo un curatore è limitato da tanti vincoli, numero di pagine, disponibilità dei diritti etc. Per cosmolinea non dovrebbero esserci problemi di diritti, c'è invece il problema della mole, come del resto per Shock di Matheson, altra ristampa auspicata da molti. Non resta che attendere un mesetto scarso e la nostra curiosità verrà soddisfattta.
Loggato
Vedi il profilo utente


Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:3440



A noble spirit embiggens the smallest man.
Copertina Preferita

Sta viaggiando verso Venere
99.5 %
UMMAGUMMA
UM NCC 3325-A
Sta viaggiando verso Venere


Profilo
Re:Fredric Brown
« Rispondi #23 data: 23 Aprile 2011, 12:57:10 »
Cita


Citazione da: maxpullo il 08 Marzo 2011, 13:04:16


Citazione da: Arne Saknussemm il 08 Marzo 2011, 12:30:02

... non ho ancora letto "Assurdo Universo" ...è in coda di lettura



e mettici pure "Gli strani suicidi di Bartlesville" !!!!



Dunque, dopo aver letto parecchi racconti e "Marziani andate a casa!", ho finalmente avuto l'immenso piacere di leggere "Assurdo universo" e "Gli strani suicidi di Bartlesville" ( seguirĂ  "Vagabondo dello spazio")...
che dire...
...si è consolidata enormemente l'idea che gia avevo di Brown: scrittore superlativo.
I suoi romanzi creano in me uno stato di continua curiosità per cio' che trovero' nella pagina seguente, la sua scrittura non è mai ne pesante ne noiosa, la narrazione è fluida e procede dritta per la sua strada senza troppi fronzoli.
E mantiene questa "semplicitĂ ", questa sua "scrittura essenziale" nonostante non rinunci a finezze narrative e sperimentazioni di diverso tipo.

Certamente tra i miei preferiti !!!

Loggato
******************************************************************************************
Sto leggendo e
wawawa

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:741



Sono il coccodrillo alieno - ";LA COLAAAAAZIONE";


Sta esplorando Nettuno
59.3 %
BELLEROFONTE
UM NCC 3295-A
Sta esplorando Nettuno


Profilo
Re:Fredric Brown
« Rispondi #24 data: 23 Aprile 2011, 16:42:04 »
Cita

sto leggendo assurdo universo
Loggato
and


Collezionista

*

Offline  Msg:379







Profilo
Re:Fredric Brown
« Rispondi #25 data: 06 Maggio 2015, 18:02:32 »
Cita

Il professor Jones aveva lavorato per molti anni alla sua teoria sul tempo.

“Finalmente ho trovato l’equazione chiave” Disse un giorno a sua figlia. “Il tempo è un campo. La macchina che ho costruito può manipolare questo campo, e anche invertirlo.”

Mentre premeva un bottone disse: “Questo dovrebbe far tornare il tempo indietro tempo il tornare far dovrebbe questo” disse, bottone un premeva Mentre.

“invertirlo anche e, campo questo manipolare può costruito ho che macchina La. campo un è tempo Il”. figlia sua a giorno un disse “chiave equazione’l trovato ho Finalmente”.


La fine (titolo originale: The end, 1961)  
Loggato
and


Collezionista

*

Offline  Msg:379







Profilo
Re:Fredric Brown
« Rispondi #26 data: 06 Maggio 2015, 18:04:38 »
Cita

Con gesti lenti e solenni, Dwar Ev procedette alla saldatura, in oro, degli ultimi due fili. Gli occhi di venti telecamere erano fissi su di lui e le onde subeteriche portarono da un angolo all’altro dell’universo venti diverse immagini della cerimonia.

Si rialzò, con un cenno del capo a Dwar Reyn, e s’accostò alla leva dell’interruttore generale: la leva che avrebbe collegato, in un colpo solo, tutti i giganteschi computer elettronici, di tutti i pianeti abitati dell’universo – novantasei miliardi di pianeti – formando il supercircuito da cui sarebbe uscito il supercomputer, un’unica macchina cibernetica racchiudente tutto il sapere di tutte le galassie.

Dwar Reyn rivolse un breve discorso a tutti gli innumerevoli miliardi di spettatori. Poi, dopo un attimo di silenzio, disse: “Tutto è pronto, Dwar Ev.”

Dwar Ev abbassò la leva. Si udì un formidabile ronzio che concentrava tutta la potenza, tutta l’energia di novantasei miliardi di pianeti.

Grappoli di luci multicolori lampeggiarono sull’immenso quadro, poi, una dopo l’altra, si attenuarono.

Dwar Ev fece un passo indietro e trasse un profondo respiro.

“L’onore di porre la prima domanda spetta a te, Dwar Reyn.”

“Grazie” disse Dwar Reyn. “Sarà una domanda a cui nessuna macchina cibernetica ha potuto, da sola, rispondere”.

Tornò a voltarsi verso la macchina.

“C’è, Dio?”

L’immensa voce rispose senza esitazione, senza il minimo crepitio di valvole o condensatori.

“Sì: adesso, Dio c’è.”

Il terrore sconvolse la faccia di Dwar Ev, che si slanciò verso il quadro comando.

Un fulmine sceso dal cielo senza nubi lo incenerì, e fuse la leva inchiodandola per sempre al suo posto.


Loggato
ciccio

Membro del Club: La Tana del TrifidePtertha Rosa anziano

Collezionista

*

Offline  Msg:2342



Siamo fatti di polvere di stelle sogni e speranze


Sta esplorando Kynvur
80.4 %
DUCHESSA
UM NCC 4445-A
Sta esplorando Kynvur


Profilo
Re:Fredric Brown
« Rispondi #27 data: 07 Maggio 2015, 14:49:22 »
Cita

La razza dominante


Vron e Dreena, gli unici due sopravvissuti della razza dei vampiri, fuggivano
grazie alla loro macchina del tempo per sottrarsi all’annientamento totale. Si tenevano
per mano, consolandosi l’un l’altro per il terrore e la fame che provavano.
Nel XXII secolo l’umanità li aveva scoperti: gli uomini si erano resi conto che i
vampiri vivevano veramente in mezzo a loro, che non si trattava di una leggenda, ma
di un fatto incontestabile.
C’era stata una carneficina che aveva portato allo sterminio di tutti i vampiri tranne
loro due, che lavoravano giĂ  da un pezzo alla macchina del tempo e che la finirono
appena in tempo per fuggire.
Fuggivano verso un lontano futuro, verso un futuro in cui la stessa parola vampiro
fosse sconosciuta e dove potessero vivere di nuovo indisturbati, insospettati, e
rigenerare la loro razza.
— Ho fame, Vron, una fame terribile.
— Anch’io, povero tesoro. Fra poco ci fermeremo di nuovo. Si erano già fermati
quattro volte e ogni volta erano sfuggiti di poco alla morte. I vampiri non erano stati
dimenticati. All’ultima fermata, mezzo milione di anni dopo il loro tempo, erano
sbarcati in un mondo abitato da cani: l’uomo era scomparso e i cani si erano
civilizzati, diventando simili all’uomo.
Tuttavia, Vron e Dreena erano stati riconosciuti per quello che erano. Riuscirono a
mangiare una volta sola grazie al sangue di una cagnetta tenera e morbida, ma subito
dopo furono costretti a fuggire sulla macchina del tempo e a riprendere il viaggio.
— Grazie per esserti fermato — disse Dreena, e sospirò.
— Non ringraziare me — rispose Vron bruscamente. — Il viaggio è finito. Non
abbiamo più combustibile, ormai, e non lo troveremo certo qui. A quest’ora tutte le
sostanze radioattive si saranno certo trasformate in piombo. Dobbiamo vivere qui,
non abbiamo altra scelta.
Uscirono in esplorazione.
— Guarda! — disse Dreena, indicando qualcosa che si stava avvicinando. — Una
nuova creatura! I cani non ci sono più e qualcos’altro ha preso il loro posto.
Sicuramente si sarĂ  persa la memoria di noi vampiri.
L’essere che si stava avvicinando era telepatico.
— Ho sentito i vostri pensieri — disse una voce nelle loro teste. — Vi state
chiedendo se noi conosciamo i vampiri: no, non li conosciamo.
Dreena afferrò il braccio di Vron in estasi. — Libertà — mormorò affamata — e
cibo!
— Vi chiedete anche — disse la voce nelle loro teste — quale sia la nostra origine
e come si sia sviluppata la nostra razza. Tutte le forme di vita sono ora vegetali. Io —
disse la strana creatura inchinandosi — appartengo alla razza dominante. Sono, a
chiamarmi con la parola usata un tempo, una rapa.
Loggato
Vivi ogni giorno come se non ci fosse domani, impara  come se dovessi non morire mai!
ansible

Membro del Club: La Tana del TrifideGrande Accattone dei Cieli

Collezionista

*

Offline  Msg:874



Dum Vivimus Vivamus!


Sta esplorando Iapetus
0.0 %
FRANK ZAPPA
UM NCC 70-A
Sta esplorando Iapetus
(Sat. di Saturno)


Profilo E-Mail
Re:Fredric Brown
« Rispondi #28 data: 07 Maggio 2015, 22:22:57 »
Cita


Citazione da: ciccio il 07 Maggio 2015, 14:49:22

— Vi chiedete anche — disse la voce nelle loro teste — quale sia la nostra origine
e come si sia sviluppata la nostra razza. Tutte le forme di vita sono ora vegetali. Io —
disse la strana creatura inchinandosi — appartengo alla razza dominante. Sono, a
chiamarmi con la parola usata un tempo, una rapa.



e tutti sanno che non si può cavare sangue da una rapa... poveri vampiri.
Un saluto da ansible  
Loggato
Vorrei che tutti leggessero, non per diventare letterati o poeti, ma perché nessuno sia più schiavo (G.Rodari)
Pagine: 1 [2] Page Top RispondiAbilita NotificaStampa
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Autori di Fantascienza | Discussione: Fredric Brown «prec succ»
Vai in:


Login con username, password e durata della sessione