COMMUNITY di UraniaMania

Vai in fondo alla pagina
 
 
Urania Mania - Torna alla HomePage Home di UraniaMania Benvenuto Visitatore. Per favore Login oppure Registrati. 19 Dicembre 2018, 04:50:04
Indice del ForumCercaLoginRegistrati
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Altri generi | Discussione: Migliore Traduzione di Lovecraft. Lippi Vs Fusco «prec succ»
Pagine: [1] Rispondi
  Autore  Discussione: Migliore Traduzione di Lovecraft. Lippi Vs Fusco  (letto 1282 volte)
quellen


Uraniofilo

*

Offline  Msg:9



W UraniaMania!!!



Profilo
Migliore Traduzione di Lovecraft. Lippi Vs Fusco
« data: 23 Febbraio 2014, 17:59:50 »
Cita

Salve,
voi preferite di più le traduzioni dei racconti di Lovecraft fatta da Lippi (Mondadori), oppure quella di Fusco/Pilo (Newton,Fanucci)?
a me piacciono più le traduzioni di Lippi...quelle di Fusco mi sembrano troppo letterali e "modernizzate", non sembra neanche di leggere dei racconti di inizio 900.

vi incollo l'incipit di DAGON così potete fare un confronto:

ORIGINALE (non so se è il manoscritto originale o la versione modificata da Weird Tales):
I am writing this under an appreciable mental strain, since by tonight I shall be no more. Penniless, and at the end of my supply of the drug which alone, makes life endurable, I can bear the torture no longer; and shall cast myself from this garret window into the squalid street below. Do not think from my slavery to morphine that I am a weakling or a degenerate. When you have read these hastily scrawled pages you may guess, though never fully realise, why it is that I must have forgetfulness or death.

It was in one of the most open and least frequented parts of the broad Pacific that the packet of which I was supercargo fell a victim to the German sea-raider. The great war was then at its very beginning, and the ocean forces of the Hun had not completely sunk to their later degradation; so that our vessel was made a legitimate prize, whilst we of her crew were treated with all the fairness and consideration due us as naval prisoners. So liberal, indeed, was the discipline of our captors, that five days after we were taken I managed to escape alone in a small boat with water and provisions for a good length of time.

-------------------------------------------------------------------------------
LIPPI (Mondadori):

Scrivo queste note in una morsa d'angoscia e so che al termine del­la notte sarò finito. Senza un soldo e senza la droga che rende sop­portabile la mia esistenza, non posso reggere oltre la tortura: mi but­terò dalla finestra di questa soffitta. Ma la mia dedizione alla morfina non deve farvi pensare che sia un debole o un degenerato; quando leggerete queste pagine intuirete (anche se non riuscirete a compren­dere del tutto) perché non mi restino che l'oblio o la morte.
Fu in una delle zone più aperte e meno frequentate del Pacifico che il piroscafo di cui ero sovrintendente cadde vittima dell'incrocia­tore tedesco. La grande guerra era all'inizio e le forze navali del nemi­co non avevano ancora ceduto completamente, come poi sarebbe av­venuto: la nostra nave venne catturata e noi dell'equipaggio fummo trattati con il rispetto e la considerazione dovuti ai prigionieri di guerra. Anzi, la disciplina dei nostri catturatori era così blanda che dopo cinque giorni riuscii a fuggire da solo, in barca, con acqua e provviste per diverso tempo.

-------------------------------------------------------------------------------
FUSCO (Newton):

Scrivo in uno stato di tensione insostenibile. Fra poco sarà l'alba e, allora, io non esisterò più. Privo d'ogni mezzo, privo della droga che - sola - mi ha consentito fino ad oggi di sopravvivere ai miei incubi, non mi rimane altro modo per sottrarmi al tormento: mi getterò dall'alta finestra di questa soffitta, nella squallida strada sottostante.
Tuttavia, io non sono un debole. È vero, sono schiavo della morfina, ma non sono un degenerato. Quando avrete finito di leggere quello che, tra i brividi della febbre, sto scrivendo, forse riuscirete a comprendere le mie ragioni.
La mia vicenda ebbe inizio in una delle zone più aperte e meno frequentate dell'immenso Oceano Pacifico, quando la nave mercantile inglese sulla quale ero imbarcato venne catturata da un vascello corsaro tedesco. La Guerra Mondiale era allora ai suoi inizi, e il comportamento sul mare dei tedeschi non era ancora arrivato al livello di atrocità che raggiunse più tardi. Noi prigionieri fummo perciò trattati con ogni riguardo, e la sorveglianza cui eravamo sottoposti era così allentata che, dopo soli cinque giorni dalla cattura, riuscii a fuggire.
« Ultima modifica: 23 Febbraio 2014, 18:12:45 di quellen » Loggato
Vedi il profilo utente

Membro del Club: La Tana del TrifideNetturbino delle Quattro Dimensioni

Responsabile Area DB

*

Responsabile area:
Libri->Fantascienza
Libri->Gialli
Libri->Spy Story
Visualizza collane curate
Offline  Msg:3153



Arciere di Corte.
Copertina Preferita

Sta esplorando Venere
63.9 %
GRENUILLE
UM NCC 1789-A
Sta esplorando Venere


Profilo
Re:Migliore Traduzione di Lovecraft. Lippi Vs Fusco
« Rispondi #1 data: 23 Febbraio 2014, 21:14:26 »
Cita

Lippi, anche se purtroppo non leggo in lingua inglese e quindi non so chi sia il più coerente con l'originale.
Loggato
Non sto invecchiando, sto diventando vintage.
attiliosfunel


Curatore

*

Visualizza collane curate
Offline  Msg:920



W UraniaMania!!!
Copertina Preferita


ProfiloWWW
Re:Migliore Traduzione di Lovecraft. Lippi Vs Fusco
« Rispondi #2 data: 23 Febbraio 2014, 22:14:03 »
Cita


Citazione da: quellen il 23 Febbraio 2014, 17:59:50

Salve,
voi preferite di più le traduzioni dei racconti di Lovecraft fatta da Lippi (Mondadori), oppure quella di Fusco/Pilo (Newton,Fanucci)?
a me piacciono più le traduzioni di Lippi...quelle di Fusco mi sembrano troppo letterali e "modernizzate", non sembra neanche di leggere dei racconti di inizio 900.

vi incollo l'incipit di DAGON così potete fare un confronto:

ORIGINALE (non so se è il manoscritto originale o la versione modificata da Weird Tales):
I am writing this under an appreciable mental strain, since by tonight I shall be no more. Penniless, and at the end of my supply of the drug which alone, makes life endurable, I can bear the torture no longer; and shall cast myself from this garret window into the squalid street below. Do not think from my slavery to morphine that I am a weakling or a degenerate. When you have read these hastily scrawled pages you may guess, though never fully realise, why it is that I must have forgetfulness or death.

It was in one of the most open and least frequented parts of the broad Pacific that the packet of which I was supercargo fell a victim to the German sea-raider. The great war was then at its very beginning, and the ocean forces of the Hun had not completely sunk to their later degradation; so that our vessel was made a legitimate prize, whilst we of her crew were treated with all the fairness and consideration due us as naval prisoners. So liberal, indeed, was the discipline of our captors, that five days after we were taken I managed to escape alone in a small boat with water and provisions for a good length of time.

-------------------------------------------------------------------------------
LIPPI (Mondadori):

Scrivo queste note in una morsa d'angoscia e so che al termine del­la notte sarò finito. Senza un soldo e senza la droga che rende sop­portabile la mia esistenza, non posso reggere oltre la tortura: mi but­terò dalla finestra di questa soffitta. Ma la mia dedizione alla morfina non deve farvi pensare che sia un debole o un degenerato; quando leggerete queste pagine intuirete (anche se non riuscirete a compren­dere del tutto) perché non mi restino che l'oblio o la morte.
Fu in una delle zone più aperte e meno frequentate del Pacifico che il piroscafo di cui ero sovrintendente cadde vittima dell'incrocia­tore tedesco. La grande guerra era all'inizio e le forze navali del nemi­co non avevano ancora ceduto completamente, come poi sarebbe av­venuto: la nostra nave venne catturata e noi dell'equipaggio fummo trattati con il rispetto e la considerazione dovuti ai prigionieri di guerra. Anzi, la disciplina dei nostri catturatori era così blanda che dopo cinque giorni riuscii a fuggire da solo, in barca, con acqua e provviste per diverso tempo.

-------------------------------------------------------------------------------
FUSCO (Newton):

Scrivo in uno stato di tensione insostenibile. Fra poco sarà l'alba e, allora, io non esisterò più. Privo d'ogni mezzo, privo della droga che - sola - mi ha consentito fino ad oggi di sopravvivere ai miei incubi, non mi rimane altro modo per sottrarmi al tormento: mi getterò dall'alta finestra di questa soffitta, nella squallida strada sottostante.
Tuttavia, io non sono un debole. È vero, sono schiavo della morfina, ma non sono un degenerato. Quando avrete finito di leggere quello che, tra i brividi della febbre, sto scrivendo, forse riuscirete a comprendere le mie ragioni.
La mia vicenda ebbe inizio in una delle zone più aperte e meno frequentate dell'immenso Oceano Pacifico, quando la nave mercantile inglese sulla quale ero imbarcato venne catturata da un vascello corsaro tedesco. La Guerra Mondiale era allora ai suoi inizi, e il comportamento sul mare dei tedeschi non era ancora arrivato al livello di atrocità che raggiunse più tardi. Noi prigionieri fummo perciò trattati con ogni riguardo, e la sorveglianza cui eravamo sottoposti era così allentata che, dopo soli cinque giorni dalla cattura, riuscii a fuggire.


Noto che entrambi si prendono certe libertà: Lippi dalla seconda frase ha fatto sparire l'"alone" dedicato alla droga; Fusco si è inventato l'"alba" nella prima al pari di Lippi che ha creato dal nulla le "note" nella primissima. Per non parlare della "febbre" aggiunta da Fusco a "When you have read these hastily scrawled pages you may guess", da cui però Lippi ha eliminato "hastily scrawled", così come il "broad" riferito al Pacifico in quella che segue. Entrambi direi peccano di infedeltà al massimo grado, girandosi e rigirandosi le frasi a loro piacimento. Se nel caso di Lippi è giustificato da una certa elegante scorrevolezza nel risultato finale, a Fusco non si può concedere nemmeno questo visto che la sua prosa risulta legnosa.
Loggato
Sto leggendo:

quellen


Uraniofilo

*

Offline  Msg:9



W UraniaMania!!!



Profilo
Re:Migliore Traduzione di Lovecraft. Lippi Vs Fusco
« Rispondi #3 data: 24 Febbraio 2014, 13:24:08 »
Cita

in Lippi è anche scomparsa la "squallida strada".

ovviamente bisogna vedere che testo hanno usato per la traduzione. (entrambi dicono di aver usato la versione più fedele all'originale).
Lovecraft è stato uno degli autori più stravolti in quanto le sue storie uscivano nei pulp magazine (soprattutto Weird Tales), riviste che notoriamente operavano manipolazioni ai racconti per renderli più godibili alle masse.  
« Ultima modifica: 24 Febbraio 2014, 13:24:57 di quellen » Loggato
mishita


Responsabile Area DB

*

Responsabile area:
Fumetti->Manga
Visualizza collane curate
Offline  Msg:472



W UraniaMan(gaman)ia!!!


Sta viaggiando verso Venere
62.3 %
SAKURA NO HANABIRA
UM NCC 523-A
Sta viaggiando verso Venere

  
Profilo
Re:Migliore Traduzione di Lovecraft. Lippi Vs Fusco
« Rispondi #4 data: 24 Febbraio 2014, 14:12:14 »
Cita

Anche secondo me entrambi si prendono (troppe) libertà. Omissioni, modifiche, giri di parole per descrivere quello che Lovecraft dice in due parole. La traduzione letterale non renderebbe giustizia, ovvio, ma nemmeno le traduzioni di Lippi e Fusco. Alcune cose sono migliori nella traduzione di Lippi, altre in quella di Fusco.
Forse un incrocio delle due (Fusco che completa le omissioni di Lippi, a volte inspiegabili) sarebbe l'ideale.
Per chi è pratico, la lingua originale è sempre la scelta migliore.
Per chi mastica solo l'italiano, è una questione di gusti e non dovrebbe essere fatta nessuna comparazione con l'originale. Perderebbe in ogni caso.
Raramente le traduzioni sono di alto livello o a volte, persino migliori dell'originale.
Ma nella quasi totalità dei casi, quei traduttori oggi non ci sono più.
Mancano i Vic e i Ric del passato. Rimangono ancora le (rare) traduzioni del G.L. a rendere un piacere la lettura.
IMHO.

saluti
mish
Loggato
sto leggendo:
Pagine: [1] Page Top RispondiAbilita NotificaStampa
Home Forum | La Fantascienza e gli altri generi... | Altri generi | Discussione: Migliore Traduzione di Lovecraft. Lippi Vs Fusco «prec succ»
Vai in:


Login con username, password e durata della sessione