COMMUNITY di UraniaMania

 
 
Urania Mania - Torna alla HomePage Home di UraniaMania Benvenuto Visitatore. Per favore Login oppure Registrati. 01 Ottobre 2020, 14:52:38
Indice del ForumCercaLoginRegistrati
 1   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: Oggi alle 11:47:53 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Davide Del Popolo Riolo
Rispondo a Cletus e Fantobelix con un unico messaggio.
Quanto a Dario, sono ovviamente d'accordo su tutto. Lo ringrazio per le belle parole e per la stima, che ricambio. Dario è una delle prime persone che ho conosciuto nel mondo nella fantascienza italiana e mi ha colpito moltissimo perché quando ci siamo incontrati, lui il più famoso scrittore di fantascienza italiana e io ultimo arrivato con il primo libro in uscita, non ho avvertito in lui la minima sensazione di superiorità, mi ha trattato come se fossimo sullo stesso livello.
Aggiungo che ho sempre pensato alla fantascienza (e in generale al fantastico) italiano come una sorta di grande tenda in cui ci deve essere spazio per tutti. L'ultima cosa che dobbiamo fare - secondo me - è l'esame del sangue a chi c'è o a chi vuole entrare e cacciare chi non ha il sangue abbastanza puro, chi è contaminato con altri generi (viva le contaminazioni, tra l'altro, per conto mio!).

Quanto a Fantobelix: sto apprendendo con sorpresa di avere molti attenti lettori, più di quanti pensassi! Grazie!
In effetti scrivere una space opera è un po' uno dei miei sogni. Ci sto girando attorno, perché non mi sento ancora pronto, ma un giorno o l'altro...
La crisi del C.U.O.R.E., che pensavo nessuno ricordasse, è nato quando mi sono chiesto quale ente italiano utilizzare per una storia "alla Lavanderia", di quale si potesse pensare che sapesse (o volesse sapere) tutto degli italiani. La risposta è sorta spontanea
Per l'ambientazione ho pensato al palazzo degli uffici finanziari di Cuneo, l'edificio più alto della mia città, grande e cadente, con lunghi corridoi tutti uguali dove la luce del sole non arriva mai, illuminati sempre e soltanto da una luce livida che arriva dall'alto, e con un'infinità di porte che si aprono non si sa su che cosa, forse su mondi alieni e minacciosi...
 RispondiCitaAbilita Notifica

 2   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: Oggi alle 10:44:25 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Cletus
Ciao a tutti,

ho letto con grande interesse le belle interviste del Bibliotecario a Davide e Francesca, entrambe persone deliziose e ottimi autori ai quali va tutta la mia stima. Iniziative di questo genere, oltre a far conoscere alcuni aspetti meno "visibili" degli scrittori, contribuiscono a fare squadra non solo qui tra la comunità degli Umini, ma nell'intero (piccolo) mondo della fantascienza italiana.

Un risultato di cui abbiamo estremo bisogno tutti, senza distinzioni e campanili di sorta: lettori, editori specializzati e autori di casa nostra. In questo UraniaMania può svolgere un ruolo molto importante non solo attorno alla collana madre e alle sue derivazioni. Questa è una piazza importante, in cui l'orgoglio di squadra e lo spirito di appartenenza sono in grado di dare ottimi frutti. E se ho parlato di "squadra" e di "spirito di appartenenza" non volevo in alcun modo riferirmi a consorterie o cortili, ma alla passione che ci accomuna tutti: la fantascienza in ogni sua declinazione, con tutti gli attori e le etichette sul mercato, dalla prima all'ultima, meglio, dalla "A" alla "Z".

Come Francesca e Davide ci hanno confermato, dividersi tra professione principale (che sia freelance o meno) e scrittura non è sempre facile. Implica compromessi, sacrifici, un'autodisciplina che non sempre si riesce a far collimare con se stessi, il proprio tempo libero e la propria famiglia. La professionalità sta anche nella capacità di un autore di mettere in campo ogni stilla delle proprie risorse in questo sforzo titanico.

Quando ci si dedica alla scrittura non si deve dare nulla per scontato. Ogni risultato va strappato con le unghie e coi denti, può dare qualche credito, d'accordo, ma - per usare una locuzione abusata - non sempre permette di "vivere di rendita", soprattutto nella SF. La nostra professione è come quella del coltivatore agricolo: impone lunghi e tormentati periodi di semima, snervanti attese, e periodi di raccolta che passano in un lampo, il volgere di una pubblicazione (magari periodica e che quindi sta in edicola un mese) o di un premio consegnato in una convention.

E come in "Blade Runner" quasi sempre piove, quando non grandina o si deve fronteggiare periodi di ballardiana siccità. Quindi, quando leggete un libro fatelo pensando di avere tra le mani un frutto. Dal seme alla raccolta è passato un tempo biblico, riempito di esistenza quotidiana, difficili quadrature del cerchio e olio di gomito.

Io qui su UraniaMania sono cresciuto per diversi anni e ho trascorso momenti molto intensi, prima che gli impegni mi costringessero a diradare le apparizioni. Ma vi seguo sempre, e so di avere tanti amici. Auguro con tutto il cuore a Francesca e Davide, ma anche a tutta la SF italiana, di avere un terreno di coltura come si deve e come forse gli autori di casa nostra meritano. Conoscerli va a beneficio di tutti, anche se magari - torno a dire - le attese saranno ancora lunghe e snervanti.

Grazie quindi a Osvaldo per queste due bellissime chiacchierate e a tutti i lettori, che ritrovandosi con in mano un prodotto del frutteto dietro casa cominceranno magari a frequentarlo con maggiore assiduità.

Au revoir.
Dario Tonani aka Cletus
 RispondiCitaAbilita Notifica

 3   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 30 Settembre 2020, 23:09:03 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Fantobelix
Ciao Davide, è stato un piacere incontrarti e avere la possibilità di dialogare con te in questa occasione di approfondimento.
Per quanto mi riguarda, è stata anche l'opportunità per leggere il più possibile di quello che hai scritto, compresi vari racconti e romanzi brevi che non conoscevo.
Aggiungerei un paio di commenti e domande a quelle che hai già ricevuto.

La prima osservazione riguarda un libro forse meno noto [pubblicato come ebook su Robotica.it n° 55, per chi avesse la curiosità di leggerlo], che mi ha divertito moltissimo, "La crisi del C.U.O.R.E.", Il romanzo breve è un'omaggio dichiarato a Stross, ma calato in un italianissimo scenario "da paura" per molti connazionali: un potentissimo strumento di caccia agli evasori in mano all'Agenzia delle Entrate!
Il tributo è azzeccatissimo, in un mix di tecnoclogia, inimmaginabili eventi oscuri e politica tecnocrate in cui siamo maestri indiscussi, il tutto condito con tanta ironia e un pizzico di reale angoscia al pensiero di quanto siamo ormai (non tutti allo stesso modo!) controllati in ogni nostra attività.
Al di là della quasi onnipresente IA e di un'altra simpatica citazione a precedente scritto, il prof. Carli di Erasmo, qui protagonista è un eroico e tenace "Malaussène", che riesce a districarsi tra i meandri del Ministero e le sue logiche imperturbabili. Il finale è certamente in stile "Lavanderia", ma quel che mi ha davvero divertito è il contesto in cui si svolge la storia, con profili come quello del funzionario Bernese o della Direttrice che chi ha frequentato quei lunghi corridoi e quei labirintici palazzi, ha certamente incontrato più di una volta!
Un italianissimo palcoscenico per una storia atipica, ovvero un racconto di fantascienza che solo in Italia poteva nascere! Se avessi qualche commento o curiosità su questo libro mi piacerebbe che lo condividessi.

Un'ultima considerazione è legata al tuo rapporto con mondi alieni al nostro. A parte l'escursione su "Eureka" abitato dai Nani rossi [per i curiosi di cui sopra, "Il rogo delle vedove" sempre su Robotica.it], mi sembra che siano stati rari i tuoi viaggi su pianeti o sistemi esotici, avendo piuttosto gravitato sulla Terra, pur in scenari distopici o ucronici.
Con il nuovo Premio Urania, ci troveremo invece proiettati su un mondo totalmente diverso, di cui scopriremo presto le sfaccetture.
Confortato da questo grande esercizio di Worldbuiding, pensi che possa cambiare il tuo rapporto verso la Space Opera, finora non tanto esplorata nelle tue trame?

Trepidante per gli ormai pochi giorni che ci separano dall'uscita in edicola, concludo con un grosso in bocca al lupo e con la promessa di risentirci dopo la lettura!
Grazie ancora e a prestissimo!
 RispondiCitaAbilita Notifica

 4   UraniaMania Forum... / Aiuto, Problemi, segnalazioni, errori / Indice e non trama  data: 30 Settembre 2020, 12:02:48 
Iniziata da UM Staff Amministratori | Ultimo messaggio di UM Staff Amministratori
Capita che qualche utente, invece di inserire in una nuova scheda libro la sua trama (magari assente perché ad es. antologia), inserisca al suo posto un indice (senza poi ripeterlo nel campo apposito); questo fatto, al di là del mancato rispetto delle regole di inserimento, impedisce qualsiasi attività di ricerca per titolo (di racconto, per es.). Recentemente, è stata inserita una vecchia antologia (di 30 racconti) con questo errore; ne è stata effettuata la correzione, ma si raccomanda una maggiore attenzione in futuro; in assenza di informazioni, nel campo trama è stato scritto [NOTRAMA].
 RispondiCitaAbilita Notifica

 5   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 29 Settembre 2020, 18:28:49 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Davide Del Popolo Riolo

Quello che uscirà a inizio novembre con Urania!
 RispondiCitaAbilita Notifica

 6   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 29 Settembre 2020, 17:17:23 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di zecca_2000
Caspita che bella domanda!!!!

Anche io ne ho una ...

Tra i tuoi romanzi, quale mi consiglieresti...?
 RispondiCitaAbilita Notifica

 7   UraniaMania Forum... / Benvenuto / Re:saluti  data: 29 Settembre 2020, 17:15:32 
Iniziata da compsognathus | Ultimo messaggio di zecca_2000
Benvanuto!!
Molto interessante l'idea di raggruppare o comunque in qualche modo classificare le trame... chissà se e fattibile...
 RispondiCitaAbilita Notifica

 8   UraniaMania Forum... / Generico / Re:Librerie usato roma  data: 29 Settembre 2020, 17:14:31 
Iniziata da Gattosilvestro | Ultimo messaggio di zecca_2000

Citazione da: Gattosilvestro il 23 Settembre 2020, 19:24:54

Grazie.

Ma faccio un ultima domanda.

Siccome viaggio molto per lavoro.

Quali sono le citta' dove c'e' maggiore offerta di usati urania. Cioe' quelle che tu ritieni meglio fornite.

Grazie


In che senso viaggi molto per lavoro?
Anch'io!!
Bisogna vedere che zoni frequenti, se sei più in campagna o città.

Ti spiego: secondo me i mercatini migliori in assoluto sono a Torre de Picenardi e a Cormons (quest'ultimo è un Mani tese, SE NON RICORDO MALE).

Ma capisco anche che sono un po fuori zona...
 RispondiCitaAbilita Notifica

 9   UraniaMania Forum... / Benvenuto / Re:saluti  data: 29 Settembre 2020, 15:58:43 
Iniziata da compsognathus | Ultimo messaggio di npano
Benvenuto

naviga e scopri pure .

Interessante la tua idea , prova a svilupparla
 RispondiCitaAbilita Notifica

 10   UraniaMania Forum... / Benvenuto / Re:saluti  data: 29 Settembre 2020, 14:03:24 
Iniziata da compsognathus | Ultimo messaggio di ciccio
Nell'attesa Benvenuto
 RispondiCitaAbilita Notifica

 11   UraniaMania Forum... / Generico / Re:Librerie usato roma  data: 29 Settembre 2020, 11:40:58 
Iniziata da Gattosilvestro | Ultimo messaggio di mishita

Citazione da: Fantobelix il 23 Settembre 2020, 20:17:16

Se bazzichi anche gli estremi del nord Italia un paio di suggerimenti provo a darteli.
Credo che Torino resti un'ottima piazza, forse per lo storico imprinting di F&L.
Corso Siccardi per esempio e tante librerie che hanno usato, ma capito ormai di rado da quelle parti non sono aggiornato,

Dal lato opposto non puoi non soffermarti per le vie del centro di Trieste. Bancarelle e librerie ancora interessanti.

Buoni giri, spero anche fra le nostre pagine virtuali!


Ciao Fantobelix, le bancarelle di corso Siccardi non esistono più da almeno 2-3 anni, purtroppo. Rase al suolo per far posto a... nulla, un pezzo di strada pedonale e per biciclette. Non hanno riqualificato nulla, non hanno spostato altrove le bancarelle, niente. Sparite e stop. E pensare che io le frequentavo con esiti alterni da almeno i primi anni '90.
Ora Torino a livello di libri usati fa solo affidamento sulle bancarelle di via Po e le librerie dell'usato come Libraccio e L'asino d'oro, che però non hanno prezzi da usato soprattutto per i libri rari ormai stra-conosciuti (King, Martin, Rowling, ecc.) quindi Torino a livello di libri usati ed economici è precipitata molto in basso. Rimangono alcuni privati in città e provincia molto ben forniti ma con prezzi "adeguati" al mercato e perciò non appetibili se si cercano volumi a prezzi bassi.

saluti
mish
 RispondiCitaAbilita Notifica

 12   UraniaMania Forum... / Benvenuto / Re:saluti  data: 29 Settembre 2020, 09:50:18 
Iniziata da compsognathus | Ultimo messaggio di compsognathus
Grazie.
Scriverò un post nella sezione "generico" appena avrò tempo, cercando di essere chiaro.
 RispondiCitaAbilita Notifica

 13   UraniaMania Forum... / Benvenuto / Re:saluti  data: 29 Settembre 2020, 08:58:23 
Iniziata da compsognathus | Ultimo messaggio di Lupo dei Cieli (VinMar)alias Proff. Sassaroli
Buongiorno ben giunto da noi. Mi intriga il discorso trama, dimmi altro
Vin
 RispondiCitaAbilita Notifica

 14   UraniaMania Forum... / Benvenuto / saluti  data: 28 Settembre 2020, 23:49:52 
Iniziata da compsognathus | Ultimo messaggio di compsognathus
Salve
Sono amante dei libri in generale. Da piccolo leggevo Stephen King. Ho letto pochissimi Urania anche se ne ho parecchi.  "Canali di morte" e la sua copertina me li fecero conoscere (anche se ancora non ho letto).  Ora leggo fantasy, fantascienza, saggi, autobiografie e biografie.
Ho letto qua e là nel forum e vorrei proporre un post dove accomunare libri in base alla loro trama, in maniera anche soggettiva, poi vi spiegherò e voi mi direte se potrebbe essere utile o troppo banale.

Bella la grafica del sito!

Grazie.
 RispondiCitaAbilita Notifica

 15   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 28 Settembre 2020, 17:54:30 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Nick Parisi

Citazione da: Davide Del Popolo Riolo il 28 Settembre 2020, 17:10:25



Caro Nick,
eccoti le mie risposte.
1) mi pare che la fantascienza italiana in Italia abbia davvero una storia complicata. Per spiegarne i motivi ci vorrebbe forse uno storico della letteratura o magari uno studioso della psicologia di massa e io non sono né l'uno né l'altro. Quello che mi sento di dire è che è veramente il momento di superare il pregiudizio negativo contro gli scrittori italiani di fantascienza: ce ne sono di fenomenali, me escluso ovviamente, e meritano di essere scoperti dai lettori che non li conoscono;
2) L'Ascesa di Skywalker sono andato a vederlo in una delle prime proiezioni, Joker l'ho guardato non appena disponibile in dvd, Snowpiercer l'ho guardato con più calma, ti basta come risposta?;
3) premesso che io non mi sento di insegnare nulla e non ho segreti da rivelare, i modesti consigli che mi sento di dare dal basso della mia limitatissima esperienza sono: non disperare quando non si cava un ragno dal buco, tenere duro e insistere se si ha la passione; non puntare alla fantascienza per guadagnare soldi, non si guadagna quasi nulla; partecipare ai concorsi per romanzi e racconti inediti, nella mia esperienza sono onesti e corretti, vince anche chi non conosce e non è conosciuto; quando si scrive, non accontentarsi mai della prima stesura, e nemmeno della seconda e nemmeno della terza...



Grazie Davide e prima della fine dell'anno seio opzionato anche per Nocturnia, nel frattempo un abbraccio a te e a tutti gli UMini e le Umine.
 RispondiCitaAbilita Notifica

 16   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 28 Settembre 2020, 17:10:25 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Davide Del Popolo Riolo


Caro Nick,
eccoti le mie risposte.
1) mi pare che la fantascienza italiana in Italia abbia davvero una storia complicata. Per spiegarne i motivi ci vorrebbe forse uno storico della letteratura o magari uno studioso della psicologia di massa e io non sono né l'uno né l'altro. Quello che mi sento di dire è che è veramente il momento di superare il pregiudizio negativo contro gli scrittori italiani di fantascienza: ce ne sono di fenomenali, me escluso ovviamente, e meritano di essere scoperti dai lettori che non li conoscono;
2) L'Ascesa di Skywalker sono andato a vederlo in una delle prime proiezioni, Joker l'ho guardato non appena disponibile in dvd, Snowpiercer l'ho guardato con più calma, ti basta come risposta?;
3) premesso che io non mi sento di insegnare nulla e non ho segreti da rivelare, i modesti consigli che mi sento di dare dal basso della mia limitatissima esperienza sono: non disperare quando non si cava un ragno dal buco, tenere duro e insistere se si ha la passione; non puntare alla fantascienza per guadagnare soldi, ne girano pochissimi; partecipare ai concorsi per romanzi e racconti inediti, nella mia esperienza sono onesti e corretti, vince anche chi non conosce e non è conosciuto; quando si scrive, non accontentarsi mai della prima stesura, e nemmeno della seconda e nemmeno della terza...
 RispondiCitaAbilita Notifica

 17   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 28 Settembre 2020, 15:49:30 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Nick Parisi


Eccomi quà, per iniziare faccio i miei complimenti per l'intervista agli autori delle domande (tutte ottime) sia all'ottimo Davide che prima o poi dovrà subirsi anche il fuoco di fila di Nocturnia, per adesso inserisco una o due domande da inserire nella intervista dei miei confratelli di UM (se Davide vorrà farmi l'onore)

- Fantascienza italiana e fantascienza in Italia, un rapporto non sempre felice secondo te perché?

-Ti propongo un giochino: "Star Wars: l'Ascesa di Skywalker"; "Joker" e "Snowpiercer", tra questi tre quale correresti al Cinema per vederlo nella serata inaugurale, quale recupereresti immediatamente in DVD e quale invece consiglieresti per una tranquilla serata tra amici?

- Un giovane aspirante scrittore (o scrittrice) ti chiede dei consigli, quali sono gli errori da non fare agli inizi e cosa invece bisognerebbe curare di più?

Nel frattempo un abbraccio a tutti.
 RispondiCitaAbilita Notifica

 18   La Fantascienza e gli altri generi... / Altra SF / Re:ZONA 42 nuova casa editrice  data: 28 Settembre 2020, 12:36:07 
Iniziata da Saxello | Ultimo messaggio di bibliotecario
Sempre nella Newsletter della Zona42, per i cacciatori di autografi come me:

A metà ottobre Miki Fossati sarà in Italia per un piccolo tour di presentazione di Finalmente è troppo tardi.
A oggi le date confermate sono le seguenti:

Torino, martedì 13 ottobre, ore 18.30 - Libreria Trebisonda
Genova, giovedì 15 ottobre, ore 18.00 - La Feltrinelli
Milano, sabato 17 ottobre, orario da definire - Stranimondi
Firenze, venerdì 23 ottobre, ore 18.00 - La Feltrinelli

 RispondiCitaAbilita Notifica

 19   La Fantascienza e gli altri generi... / Altra SF / Re:ZONA 42 nuova casa editrice  data: 28 Settembre 2020, 12:16:54 
Iniziata da Saxello | Ultimo messaggio di bibliotecario
Ecco la novità in casa Zona42 a cui si accennava nel reportage del Loving the Alien Fest al Mufant di Torino.
Adesso che sta arrivando la News Letter ufficiale della Zona, lo possiamo annunciare:

E' nata una nuovo collana!
si chiamerà 42Nodi e sarà dedicata alla narrazione breve.



Perchè 42Nodi?

Ci risponde Chiara Reali che curerà il nuovo progetto:

"A volte per raccontare un mondo (il mondo) c’è bisogno di centinaia di pagine, di più volumi. A volte per raccontare un mondo (il mondo) bastano poche parole: «For sale: baby shoes, never worn.»
Ma è la via di mezzo a essere lastricata d’oro.
Più lunghe di un racconto, più brevi di un romanzo, le novelettes hanno un ruolo centrale nella letteratura di genere. Hanno categorie dedicate nei più importanti premi internazionali, ma rischiano spesso di finire nel dimenticatoio, soppiantate da un’acclamata trilogia (o, più raramente, da un libro di racconti).
Da qui l’idea di proporre a chi ci segue non solo le novelettes più interessanti degli ultimi anni in traduzione, ma di sfruttare questa forma alla ricerca di nuove voci, di nuove storie.
Questa ricerca di novità si trasforma in un laboratorio fedele alla vocazione della Zona: essere punto di incontro tra genere e letteratura mainstream, punto di ritrovo per chi coltiva da anni la passione per la fantascienza e le altre meraviglie e per chi la sta scoprendo solo ora, punto di accesso, punto di svolta, punto di domanda. E fedele al ruolo che in questi anni è riuscita a ritagliarsi: casa per voci nuove, per voci diverse, cercando sempre di essere un passo avanti. Senza dimenticare da dove arriviamo.
Per questo abbiamo chiesto ad autrici e autori di uscire dalla loro zona di comfort. Per questo abbiamo cercato storie che facessero uscire chi legge dalla propria zona di comfort. Per questo, dalla zona di comfort ne siamo usciti noi, alla ricerca di storie che espandessero i confini del genere, che lo contaminassero.
Per questo ne abbiamo affidato la traduzione a esordienti o quasi, per dare loro l’occasione di cimentarsi, metterle e metterli a bottega. Perché il lavoro dell’editore è anche questo: scovare e coltivare talenti, amplificare voci, distribuire storie.
Per questo abbiamo chiamato questa nuova collana 42Nodi: perché i nodi compongono le trame, i tessuti, gli intrecci di cui sono fatte le storie; perché mettono insieme e tengono unite le cose che sono separate.
E di nodi, in questo momento, ne abbiamo bisogno come non mai."

I primi tre volumi in uscita il 27 ottobre saranno:




Sarà possibile acquistarli in cartaceo e in ebook. Dovrebbero fare il loro debutto a Strani Mondi il 17 e 18 ottobre.
Per ulteriori info potete leggere la pagina dedicata sul sito della Zona. Clicca qui
Non ci resta che attendere un mesetto scarso     
 RispondiCitaAbilita Notifica

 20   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 28 Settembre 2020, 10:43:59 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Lucky

Citazione da: Sentinel il 27 Settembre 2020, 17:04:33

La mia domanda, che in effetti è una curiosità, ti vedremo concorrere per il Premio Hugo?


Occorrerebbe almeno una traduzione in un ottimo inglese

Gian
 RispondiCitaAbilita Notifica

 21   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 28 Settembre 2020, 10:03:06 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Davide Del Popolo Riolo
Magari! Lo prendo per un augurio...
 RispondiCitaAbilita Notifica

 22   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / Re:Mondo9 alla campagna di Russia  data: 27 Settembre 2020, 17:10:24 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Sentinel
Ottimo risultato COMPAGNO DARIO
 RispondiCitaAbilita Notifica

 23   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 27 Settembre 2020, 17:04:33 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Sentinel
Ciao Davide,

complimenti per aver raggiunto con due bellissime opere due traguardi molti ambiti nel panorama fantascientifico italiano, il Premio Italia e il Premio Urania. Abbiamo avuto modo di scambiare qualche parola durante l'ultima edizione di Stranimondi ed ho avuto modo di constatare la tua dedizione, passione e professionalità, percependo la tua voglia di lanciare dei messaggi ben precisi con i tuoi scritti, senza lasciare nulla al caso, accompagnando il lettore attraverso mondi diversi ma ricchi di verità e realtà.

La mia domanda, che in effetti è una curiosità, ti vedremo concorrere per il Premio Hugo?

Un carissimo saluto ed un arrivederci a presto

Alessandro
 RispondiCitaAbilita Notifica

 24   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / Re:Mondo9 alla campagna di Russia  data: 25 Settembre 2020, 17:39:55 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di bibliotecario
Riprendo volentieri questo Thread
per fare gli auguri di Buon Compleanno ad un libro che per il nostro genere è una pietra miliare.
Il Primo romanzo di Fantascienza di autore italiano ad essere pubblicato direttamente in libreria nella prestigiosa collana Oscar Fantastica.
Pubblicato anche in vari Paesi esteri.

Auguri Naila di Mondo9 !

e poi che bel regalo ti è arrivato  

La Fantascienza scritta Italiana si apre alla crossmedialità, ed ecco annunciato il soundtrack di Mondo9 del gruppo Shapemess.
Eccovi in anteprima la cover dell'album:


 RispondiCitaAbilita Notifica

 25   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 25 Settembre 2020, 12:26:54 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di bibliotecario
Conoscevo già prima di questa occasione Davide, assiduo frequentatore di Convention come me
ed ho già avuto il piacere di leggere i suoi romanzi e racconti, molti dei quali incentrati sul Ucronia e la storia, due passioni che ci accomunano.

Per cui qui vorrei rimarcare due cose che mi hanno fatto molto piacere.
La prima: Grazie a Franco Forte anche il Premio Urania ha finalmente un suo riconoscimento fisico (era l'ora) di cui Davide è il primo beneficiario.
La seconda: L'ultima risposta data da Davide alla domanda a piacere.

La Fantascienza Italiana, grazie anche ad autori, diciamo di nuova generazione, come lo stesso Del Popolo Riolo o Francesca Cavallero, Claudio Vastano, Francesca Conforti e tanti altri, sta vivendo un periodo pieno di soddisfazioni e apprezzamenti, tanto da mietere successi e essere pubblicata anche all'estero.
Questo non fa che dare un impulso positivo a tutto il Sistema Fantascienza, dagli editori ai lettori.
Bene così.
E ovviamente, ancora complimenti a Davide
 RispondiCitaAbilita Notifica

 26   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 25 Settembre 2020, 10:23:20 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di giovanna repetto
Bella intervista, che fa conoscere meglio l'autore e invoglia alla lettura. Per me, che ho già molto apprezzato altri romanzi di Davide Del Popolo Riolo, contribuisce ad accrescere l'aspettativa.
 RispondiCitaAbilita Notifica

 27   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 25 Settembre 2020, 08:14:13 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Davide Del Popolo Riolo
Grazie dell'apprezzamento e della fiducia!
 RispondiCitaAbilita Notifica

 28   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Re:Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 24 Settembre 2020, 21:23:33 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Echo
Bella intervista, complimenti.
Ha avuto l'effetto di aumentare a dismisura la mia curiosità.
Mi piacciono le ambientazioni colorite, e da quello che traspare dalle parole di Davide penso proprio che ne vedremo delle belle!!!
Di Ubermensch, che ho letto qualche mese fa, posso dire che la scelta, anche strutturale, di ambientare il romanzo nel mondo creato dal Superman nazista (invece di concentrarsi su di lui) è stata geniale. Ha lasciato emergere personaggi meravigliosi. Un... altorilievo ucronico!
E bon, a novembre mi fiondo in edicola!!!

Buona serata a tutti!!!

Baci,

Echo
 RispondiCitaAbilita Notifica

 29   UraniaMania Forum... / Generico / Re:Librerie usato roma  data: 24 Settembre 2020, 20:38:50 
Iniziata da Gattosilvestro | Ultimo messaggio di xaal
Ciao,
avendo anche io ricominciato a comprare urania da poco mi sono ritrovato piuttosto spaesato, tutti i riferimenti che avevo dieci anni fa sono scomparsi.

Per quanto ho visto le bancarelle di piazza della repubblica oramai si possono evitare, hanno veramente pochissimi urania.
Stessa cosa Porta Portese, c'era una bancarella con molti urania in via Bargoni e non c'è più.
La rivendita in Piazza Alessandria sembra non ci sia più (non ho potuto controllare).

Confermo quanto detto da altri: nei mercatini dell'usato se ne trovano abbastanza, dipende molto dal mercatino, in alcuni non sanno neanche cosa siano gli urania e ovviamente dipende anche molto dal momento.
Per esperienza personale posso consigliare quello di via Micara (dietro piazza Pio XI), quello di Casalotti, quello di via dei quattro venti. Ce n'è anche uno sulla via Appia ma da quanto ho capito uno dei gestori è un appassionato quindi quello che si trova è già stato setacciato da lui.

Pocket 2000 in via Famagosta ha ancora molti urania.
C'è una bancarella in viale Marconi 56, hanno molti urania e sono gentili, che non guasta. Volendo gli si può scrivere per sapere se hanno quello che cerchi, ilchioscodivialemarconi@gmail.com
In via di Val Travaglia 22 (conca d'oro) c'è Il Papiro che ha una quantità incredibile di fumetti e urania, non necessariamente a buon mercato ;-)

Magari può esserti utile questo link http://pignuoli.blogspot.com/p/blog-page.html

Ciao    
 RispondiCitaAbilita Notifica

 30   La Fantascienza e gli altri generi... / Urania Mondadori / Intervista a Davide Del Popolo Riolo, Premio Urania 2019  data: 24 Settembre 2020, 20:02:24 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di bibliotecario
Eccoci a presentare la seconda intervista Ufficiale di UraniaMania, emozionati e orgogliosi come la prima volta.

Intervista al nostro nuovo illustre utente Davide Del Popolo Riolo
che solo in quest'anno ha vinto:
il Premio Italia 2020 col romanzo Übermensch, pubblicato in Odissea Fantascienza
il Premio Urania 2019 con il romanzo Il pugno dell'uomo, di prossima pubblicazione in Urania.

UraniaMania tutta, ringrazia Davide che con la sua gentilezza, disponibilità e solerzia ha permesso la pubblicazione di quanto vi accingete a leggere.


Intervista a Davide del Popolo Riolo

UM: Davide, siamo curiosi di sapere innanzitutto da dove nasce la tua passione per la fantascienza e quali percorsi di lettura fra i suoi meandri ti hanno portato alla sua scrittura.

Davide: La fantascienza l’ho scoperta da bambino.
Per tenermi tranquillo durante un viaggio in treno papà all’edicola della stazione mi comprò Asimov Story, la raccolta dei primi racconti di Asimov commentati e introdotti da lui stesso.
Le sue introduzioni mi affascinarono: raccontava di quando da ragazzino studiava, lavorava nella drogheria dei genitori e nel tempo libero scriveva, dei tentativi di pubblicare con le riviste, degli appuntamenti con Campbell... Penso sia in quel momento che è nato in me il desiderio di emularlo, l’idea romantica che essere “uno scrittore di fantascienza” fosse qualcosa di stupendo. Anche perché ho sempre amato raccontare. Non ricordo un’epoca, da quando ho imparato a scrivere, in cui non sentissi l’impellente bisogno di inventare storie e metterle su carta, credo di soffrire di un eccesso di immaginazione! E la fantascienza… quando voglio darmi un tono dico che è uno strumento incredibilmente acuminato per investigare la realtà e cito KS Robinson secondo cui ai nostri giorni se si vuole descrivere la realtà l’unico modo è scrivere fantascienza. La verità però è che a scrivere fantascienza mi diverto moltissimo, è questo il vero motivo per cui lo faccio!


UM: Hai degli hobby, delle passioni inconfessabili o delle piccole “manie” che vuoi raccontarci? Tanto rimane tutto qui fra noi!  

Davide: Temo di deludervi, la mia vita è piuttosto banale. A mia scusante, sostengo che non è la mia vita ma ciò che scrivo che deve essere interessante!


UM: Hai all’attivo 4 romanzi e almeno 15 racconti di sf, comprendendo fra questi i romanzi brevi, ma puoi già sfoggiare anche i più prestigiosi premi italiani del settore, anzi finora tutti i tuoi romanzi sono stati premiati! C’è già chi non si stupirebbe di vederti in corsa per qualche premio “anglosassone”, ma in ogni caso il viaggio fatto in poco più di 5 anni è stato decisamente serrato e fulminante. Qual è il sentimento che prevale pensando a tutto ciò: soddisfazione, ansia o slancio per le prossime avventure?

Davide: Recentemente ho letto il libro di Gaiman; Questa non è la mia faccia.
Racconta che quando incontrò la prima volta Stephen King quest’ultimo gli diede un consiglio utilissimo.
Gli disse: goditela. Non preoccuparti per ciò che scriverai in futuro, se avrai successo, goditi questo momento. Io ovviamente non ho un millesimo del successo (e del talento) di Gaiman ma lo trovo comunque un consiglio magnifico e sto cercando di metterlo in pratica. Anche se non è facile: di temperamento sono iper ansioso e quindi evitare di tormentarsi chiedendosi se il romanzo piacerà, che cosa scrivere dopo e così via non è facile. Perciò mi ripeto: goditela, goditela, goditela!


Davide con i suoi Romanzi e Giulia Abbate durante il Loving the Alien Fest, Mufant TO 19/09/20


UM: Ci hai ormai abituato ad accostamenti più che arditi, portando nella fantascienza fusioni accurate con personaggi storici e dei fumetti. Un Giulio Cesare scienziato alle prese con un’invasione aliena, un Superman al servizio della follia nazista, fino ad un inaspettato incontro su Trantor… Non temi davvero nulla! Eppure alla fine tutto funziona alla grande. Come ci riesci?

Davide: Prima di tutto, mi fa molto piacere che riteniate che tutto funziona alla grande. È bello sentirselo dire, potete scrivermelo tutti i giorni così me ne convinco?
Somerset Maugham diceva che per scrivere un buon romanzo bisogna seguire tre semplicissime regole, il problema è che nessuno sa quali siano ed è proprio vero secondo me.
La prima regola che seguo è molto banale e persino semplicistica: cerco di scrivere qualcosa che, da lettore, mi incuriosirebbe e divertirebbe. So che non è una regola assoluta, anche perché i miei gusti non necessariamente coincidono con quelli della maggioranza dei lettori, ma tant’è. L’altra mia regola è che quando si è davanti a una opzione narrativa audace e rischiosa e a una più tranquilla, scegliere sempre la prima!


UM: In realtà sono due i tuoi romanzi che presentano un particolare connubio tra storia romana e sf, essendo spiccatamente dedicati alla figura di Cesare, presente tra l’altro anche in una (auto-)citazione nel romanzo breve “Liberi dal bisogno”. Cosa ti lega a questo personaggio ed alla storia antica in generale?

Davide: La storia è la mia seconda grande passione, dopo la fantascienza.
Il legame con Cesare è nato al liceo. Tra i libri consigliati dall’insegnante per le vacanze c’era: Gli affari del signor Giulio Cesare e io lo lessi, anche se all’epoca non sapevo granché di Cesare.
Quel libro mi fulminò perché rovesciava tutto quello che credevo di sapere. Mi incuriosii, cominciai a leggerne altri e capii che la versione di Brecht non era più falsa di quella “monumentale” che di solito ci viene proposta.
Scoprii un personaggio ricco di sfaccettature, di luci e ombre, e la mia passione si rafforzò quando, qualche anno più tardi, lessi la sua magnifica biografia scritta da Christian Meier. Per un po’ coltivai l’idea di scrivere un romanzo storico o addirittura una biografia di Cesare.
Alla fine tutto il materiale che avevo raccolto e che stavo organizzando nella mia testa è finito nei miei primi due romanzi di sf.


UM: Anche Übermensch, si presenta come un progetto piuttosto sfidante, un romanzo distopico che mescola storia e fumetti, scomodando apparentemente la drammaticità della prima con la più ludica finalità di questi ultimi. Come ti è venuta questa idea, così particolare, ma così abilmente sviluppata, grazie alla profonda conoscenza e analisi che dimostri, sia dei personaggi storici, che di quelli fantastici?

Davide: L’idea di fondo è nata nel modo più banale, una chiacchierata in chat con un carissimo amico appassionato di fumetti DC.
Si parlava di versioni ucroniche di Superman e a un certo punto suggerii che quella più rivoluzionaria sarebbe stata Superman allevato in Germania come nazista.
All’epoca, nella mia ignoranza, non sapevo che era un’ipotesi già esplorata nei fumetti.
L’idea mi affascinava, ma alla fine compresi che non avrebbe avuto senso scrivere un romanzo descrivendo le “imprese” del Superman nazista. Era talmente invincibile che sarebbe stata una storia piatta e poco interessante.
Mi interessava invece descrivere il mondo da lui creato, come si sarebbe vissuto in quel mondo, e farlo nel modo più realistico possibile, in modo che il lettore quasi si scordasse che tutto nasceva da un’ucronia “fumettistica”. Sono stato anche avvantaggiato dal fatto che la storia della seconda guerra mondiale e del nazismo è un’altra mia passione.


Davide alla premazione del Romanzo Premio Urania 2019 durante il Loving the Alien Fest, Mufant TO 19/09/20


UM: Nei tuoi libri troviamo spesso varie forme di intelligenza artificiale, sempre in stretto rapporto-confronto con quella umana. Dall’elettronico “Erasmo” (da Rotterdam?), l’IA che rivendica dignità, libero arbitrio e sensibilità religiosa, alle IA che aiutano gli uomini “liberandoli” dagli oneri e dai loro limiti (ma non solo!). C’è qualcosa che ti turba, dietro al più immediato positivismo che le riveste?

Davide: Devo fare una premessa: io non ho una formazione scientifica.
Non dovete cercare nelle mie storie IA scientificamente realistiche. Sono essenzialmente intelligenze “altre”, che ragionano in modo diverso da noi e che uso per far emergere contraddizioni e aporie.
Mi turba il pensiero delle IA? Certo, dopo aver letto millanta storie in cui si ribellano all’uomo un minimo di tensione la avverto.
La paura del creatore per la ribellione della creatura è un tema vecchissimo, che risale quanto meno a Frankenstein.
Asimov creò le tre leggi della robotica proprio per superare questo complesso.
Come dicevo, io non ne so molto, amici che se ne occupano per lavoro mi dicono da un lato che la Singolarità è già qui, ci siamo dentro, ma dall’altro che prima di arrivare a vere IA senzienti ci vorrà ancora un pezzo. Qualche settimana fa però ho letto un articolo che riportava i dialoghi di un giornalista con un’IA che si fingeva un essere umano: impressionante.


UM: Domanda un po’ indiscreta: forse ci sbagliamo, ma dai tuoi racconti sembra invece non uscirne troppo bene l’amore, che appare sempre più illusorio che corrisposto, più anelato che realizzato.
L’avvocato Piras, Cam Orsini, Tommi Parnaso, Alexandra Tornabuoni e in modo diverso anche lo stesso Oleander del nuovo romanzo, per citarne alcuni, rincorrono un amore fugace e sofferto, vissuto e perso, in un mondo spesso più cinico in cui non sembra esserci molto posto per le loro illusioni vestite da sogni.
Di cosa si tratta: di accorati moniti, di idiosincrasia romantica, di scaramantico cinismo o semplicemente di necessità funzionali per una trama efficace?


Davide: È curioso ma anch’io mi sono posto la stessa domanda poco tempo fa. Mi sono risposto in due modi.
Da una parte, il legame tormentato è narrativamente molto più interessante di quello pacifico.
Dall’altra, il mio lavoro mi porta più frequentemente a interagire con coppie che non funzionano che il contrario.
Negli ultimi anni, poi, amici il cui legame vedevo come assolutamente perfetto, come modelli di vita insieme, si sono separati con mio enorme stupore e delusione. Però in Il Pugno dell’Uomo ci sono almeno due coppie che funzionano bene (Alex/Rob e i genitori di Oleander), sto migliorando, no?


UM: Veniamo al premio Urania: hai detto che il worldbuilding del nuovo romanzo è stato una sfida, perché hai esorbitato dalle ambientazioni storiche, a te più care. Quali difficoltà hai incontrato, se ce ne sono state? Quali sono state invece le sensazioni positive legate a questa nuova esperienza?

Davide: Creare un nuovo mondo partendo da zero è una sfida affascinante e terribile. Tanto più che il mio sforzo è sempre quello di cercare di dare profondità al mio mondo, di farlo sembrare il più realistico possibile, di immergervi completamente il lettore.
Nulla mi dà più fastidio, come lettore, di quello che chiamo il worldbuilding di cartone, di quello che suona falso.
Inventare un mondo totalmente tuo significa operare in piena libertà e libertà significa responsabilità. Non hai limiti se non quelli che ti vuoi dare, puoi fare ciò che vuoi purché rispetti la coerenza interna.
Una sfida da far tremare i polsi, ma anche esaltante!


Davide con la Prima Targa del Premio Urania!


UM: Come sai, alcuni lettori di UraniaMania sono stati coinvolti dalla giuria nella lettura de “Il pugno dell’uomo”.
Senza spoilerare, possiamo dire che quest’ultimo romanzo ci ha catturato fin dall’inizio con il suo incipit vibrante e dinamico e con i diversi piani su cui si sviluppa la storia, per poi spiazzarci con la rapida evoluzione della trama.
Un libro diverso dai precedenti, che sembra cambiare passo e proiettarsi verso il futuro. Ce ne vuoi parlare?


Davide: Wow, che belle queste vostre parole!
Mi fanno piacere anche perché scrivere un romanzo è un impegno totalizzante e mentre ci sei dentro il rovello è costante: sto sprecando il mio tempo? È una buona storia? Ai lettori potrà piacere?  Il Pugno dell’Uomo è senza dubbio il mio libro più ambizioso e complesso.
Tanti personaggi, tanti punti di vista diversi, stili narrativi differenziati, il tentativo di sbrigliare la fantasia.
È, per conto mio, essenzialmente la storia di una società apparentemente pacifica e serena che, a causa di una crisi, perde il proprio equilibrio e di come i protagonisti devono adattarsi e sopravvivere nel caos che ne deriva.
E se a chi mi sta leggendo tutto ciò sembra poco fantascientifico, aggiungo che ci sono tre razze aliene, un’epidemia misteriosa, una capomafia cyborg, computer a vapore che diventano senzienti, una testa meccanica che predice il futuro e un serial killer dagli occhi di colore diverso. E questo soltanto nei primi capitoli!


UM: Al centro dell’opera c’è però un tema che ricorre anche nei lavori precedenti, quello della dignità, giustizia e libertà dell’uomo nel senso più ampio, col suo libero arbitrio ed il diritto di scegliere ciò in cui credere. Quanto ti sono cari questi valori? C’è un influsso derivato dalla tua professione di avvocato?

Davide: Qualcuno ha detto che questo è il mio romanzo più politico ma a ben vedere, avete ragione, sono temi che ricorrono spesso in ciò che scrivo.
Sì, io credo profondamente nella libertà dell’essere umano (o dell’essere senziente, allarghiamo i confini, siamo fantascientisti!), nel suo diritto di autodeterminarsi, di credere in ciò che vuole. Ho una fede persino ingenua in questi valori.
Da appassionato di storia, però, so anche che la libertà è sempre in pericolo e che è molto facile perderla, soprattutto quando la si dà per scontata. È una fede che viene prima del lavoro che svolgo.
Nei momenti migliori però, almeno una volta nella vita, si spera, l’avvocato è il difensore della libertà dei suoi clienti, quindi è una professione coerente con ciò in cui credo, no?


UM: Il Romanzo è davvero un affresco ricchissimo, di personaggi, specie, ambientazioni, radici in un passato nebuloso e propaggini in un futuro incerto, che lasciano aperte molte strade ancora da esplorare. Considerando anche la serialità citata da Franco Forte, possiamo aspettarci di immergerci nuovamente nella Città e scoprire le molte storie che conserva nei suoi vicoli e nei palazzi dei patrizi?

Davide: Da lettore, amo molto i cicli e le saghe.
Non saprei dire quanti cicli di fantascienza (e di fantasy, anche, mi potete perdonare? ) ho seguito in questi anni.
Fino a ora però da autore me ne sono tenuto lontano.
È che mi annoio facilmente, e a tornare in un mondo che ho già esplorato e raccontato ho paura dell’effetto minestra riscaldata.
Soprattutto, voglio tenermi lontano dalla serialità forzata, non voglio assolutamente dare l’impressione di spremere il limone fino all’ultima goccia perché non so che altro raccontare.
Certo, nel mondo del Pugno dell’Uomo si potrebbero ambientare molte storie per cui… aspettiamo e vediamo. Se i lettori si dimostrassero molto interessati e mi venisse un’idea interessante da sviluppare, perché no?


Anteprima della Cover di franco Brambilla per il prossimo Romanzo di Davide


UM: Come chiesto a Francesca Cavallero, l’ultima domanda è quella che non ti abbiamo fatto: vuoi rispondere tu ad una domanda che avresti voluto ricevere?

Davide: L’intervista è stata davvero esaustiva, non saprei cos’altro chiedermi.
Se permettete allora voglio concludere spezzando una lancia in favore della fantascienza italiana.
Molti lettori partono dal presupposto che gli autori anglosassoni siano migliori e fino a pochi anni fa, lo confesso, anch’io condividevo questo atteggiamento un po’ snob.
Quando mi ci sono trovato in mezzo e ho cominciato a leggerla però ho scoperto un tesoro di cultura, fantasia, originalità davvero incredibile, che è un peccato non arrivi al grande pubblico! Esploratela e troverete di che divertirvi, ne sono certo.    
 RispondiCitaAbilita Notifica

 31   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / Re:Festival Loving the Alien al Mufant 18-19-20/09/2020  data: 24 Settembre 2020, 16:49:38 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Lucky
Unendomi incondizionatamente alle emozioni dei partecipanti (ed al rimpianto di chi non c'era), aggiungerò un pensiero che mi ha accompagnato durante la splendida giornata; il ricordo di un coetaneo collega che tanto ha fatto per la FS italiana, a cui è stato intitolato il piazzale alberato adiacente al parco, teatro della nostra manifestazione: Riccardo Valla (rickrabbitt in UM).
Gian  



Incontro di UMini del 2005 (Trifidata T4): sono riconoscibili, accosciati in centro Giuseppe Lippi ed Ernesto Vegetti; in piedi a sinistra Bibliotecario e il sopra citato Riccardo Valla, terzultimo me stesso.  
 RispondiCitaAbilita Notifica

 32   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / Re:Festival Loving the Alien al Mufant 18-19-20/09/2020  data: 24 Settembre 2020, 15:37:37 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Lupo dei Cieli (VinMar)alias Proff. Sassaroli

Citazione da: Echo il 24 Settembre 2020, 15:22:10

Bellissimo, completo ed emozionante reportage di Bibliotecario, che con i suoi impareggiabili compagni di viaggio ha reso i giorni al Loving the Alien Fest ancora più piacevoli! Devo dire che partecipare a questi eventi, avendo modo di confrontarmi direttamente con lettori e scrittori, mi fa proprio bene. Mi aiuta a riflettere sul mio lavoro, certo, ma è anche un toccasana dal punto di vista umano, grazie allo scambio di esperienze, opinioni, consigli.

E poi il Mufant è stupendo.


Quindi... speriamo di rivederci presto!!!

Baci,

Echo

Tutto vero e condivisibile.
Vin
 RispondiCitaAbilita Notifica

 33   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / Re:Festival Loving the Alien al Mufant 18-19-20/09/2020  data: 24 Settembre 2020, 15:22:10 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Echo
Bellissimo, completo ed emozionante reportage di Bibliotecario, che con i suoi impareggiabili compagni di viaggio ha reso i giorni al Loving the Alien Fest ancora più piacevoli! Devo dire che partecipare a questi eventi, avendo modo di confrontarmi direttamente con lettori e scrittori, mi fa proprio bene. Mi aiuta a riflettere sul mio lavoro, certo, ma è anche un toccasana dal punto di vista umano, grazie allo scambio di esperienze, opinioni, consigli.

E poi il Mufant è stupendo.


Quindi... speriamo di rivederci presto!!!

Baci,

Echo
 RispondiCitaAbilita Notifica

 34   UraniaMania Forum... / Generico / Re:saluti!  data: 24 Settembre 2020, 15:13:09 
Iniziata da Davide Del Popolo Riolo | Ultimo messaggio di Echo
Benvenuto Mr. Davide Del Popolo Riolo!   
Attendiamo con ansia il tuo libro!!!

Baci,

Echo
 RispondiCitaAbilita Notifica

 35   UraniaMania Forum... / Generico / Re:saluti!  data: 23 Settembre 2020, 23:26:00 
Iniziata da Davide Del Popolo Riolo | Ultimo messaggio di galions
Un altro UMino prestigioso! Benvenuto
 RispondiCitaAbilita Notifica

 36   UraniaMania Forum... / Generico / Re:saluti!  data: 23 Settembre 2020, 20:58:58 
Iniziata da Davide Del Popolo Riolo | Ultimo messaggio di Fantobelix
Ciao Davide e benvenuto anche da parte mia!
Se ricordi le "sagome" degli UMini presenti e leggi il mio nick name dovresti associare quella giusta , anche perchè sabato scorso con la mia ingombrante presenza ti ho "estorto" altre 4 firme!!
Purtroppo la ripresa lavorativa questa settimana è particolarmente intensa e faccio fatica a trovare il tempo di leggere i tuoi ultimi racconti (su "Bicentenario" e "Assalto al Sole" - Odissea Fantascienza), ma almeno siamo ormai quasi pronti con le nostre curiosità: abbiamo raccolto le domande ed è ormai questione di ore inviartele, così poi la trepidante attesa sarà nostra!

Nel frattempo ci fa un immenso piacere averti fra noi e vederti spesso da queste parti, ma non farci sentire in colpa per distoglierti troppo dalla scrittura, che qui c'è gente che aspetta avidamente di leggere le prossime sfide che ci lancerai!
Grazie per la tua simpatia e amicizia e a prestissimo!!!
 RispondiCitaAbilita Notifica

 37   UraniaMania Forum... / Generico / Re:Librerie usato roma  data: 23 Settembre 2020, 20:44:17 
Iniziata da Gattosilvestro | Ultimo messaggio di Lucky
Numi del cielo!
Quanti ricordi...
Quarant'anni fa anch'io mi "muovevo" molto per lavoro, e Roma era un appuntamento settimanale.
Le bancarelle di piazza Repubblica mi attendevano all'uscita di Termini (Settebello e Pendolino) e Pocket 2000 all'uscita della fermata Ottaviano della metro romana.
Quando poi le circostanze mi indirizzarono verso l'Eur (dove aveva sede il ministero PT), l'inevitabile uso dell'aereo su Fiumicino a garanzia di un goandreturn in giornata mi precluse qualsiasi possibilità. Fortunatamente, Milano si è sempre difesa benino, con mercatini permanenti del fine settimana, ma soprattutto con un paio di privati di provata fede, anche UMina.
Benvenuto in UM
Gian  
 RispondiCitaAbilita Notifica

 38   UraniaMania Forum... / Generico / Re:Librerie usato roma  data: 23 Settembre 2020, 20:17:16 
Iniziata da Gattosilvestro | Ultimo messaggio di Fantobelix

Citazione da: Gattosilvestro il 23 Settembre 2020, 19:24:54

Grazie.

Ma faccio un ultima domanda.

Siccome viaggio molto per lavoro.

Quali sono le citta' dove c'e' maggiore offerta di usati urania. Cioe' quelle che tu ritieni meglio fornite.

Grazie


Se bazzichi anche gli estremi del nord Italia un paio di suggerimenti provo a darteli.
Credo che Torino resti un'ottima piazza, forse per lo storico imprinting di F&L.
Corso Siccardi per esempio e tante librerie che hanno usato, ma capito ormai di rado da quelle parti non sono aggiornato,

Dal lato opposto non puoi non soffermarti per le vie del centro di Trieste. Bancarelle e librerie ancora interessanti.

Buoni giri, spero anche fra le nostre pagine virtuali!
 RispondiCitaAbilita Notifica

 39   UraniaMania Forum... / Generico / Re:Librerie usato roma  data: 23 Settembre 2020, 19:24:54 
Iniziata da Gattosilvestro | Ultimo messaggio di Gattosilvestro
Grazie.

Ma faccio un ultima domanda.

Siccome viaggio molto per lavoro.

Quali sono le citta' dove c'e' maggiore offerta di usati urania. Cioe' quelle che tu ritieni meglio fornite.

Grazie
 RispondiCitaAbilita Notifica

 40   UraniaMania Forum... / Generico / Re:Librerie usato roma  data: 23 Settembre 2020, 18:53:32 
Iniziata da Gattosilvestro | Ultimo messaggio di capricorno52
Ben arrivato....... tra gli Umini ... hai una miniera d'informazioni di Fantascienza a TUA disposizione.



Roma non offre una cultura del libro usato come in altre città e la qualità naturalmente ne soffre, di conseguenza anche il genere Scifi, questo è il mio parere comunque di seguito alcune indicazioni :
- le bancarelle a pza della Repubblica
- i magazzini dell' usato della catena "il mercatino"
- la libreria "il Libraccio" Via Nazionale
- La libreria Pocket 2000 Via Famagosta
- La Bancarella Pza Alessandria  

ed altre...

Saluti

    
 RispondiCitaAbilita Notifica

 41   UraniaMania Forum... / Generico / Librerie usato roma  data: 23 Settembre 2020, 14:25:16 
Iniziata da Gattosilvestro | Ultimo messaggio di Gattosilvestro
Scusate amici, ma sono appena arrivato in questo luogo straordinario.

Ho da poco ripreso a comperare fantascienza.

Ma a Roma dove si trovano urania usati classici e Oscar a buon prezzo?
 RispondiCitaAbilita Notifica

 42   La Fantascienza e gli altri generi... / Altra SF / Re:Novità in casa Fanucci  data: 23 Settembre 2020, 09:08:39 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di capricorno52
Finalmente !!!
Ci mancava la nemesi finale ................
Spero che sia all' altezza del meglio dei volumi della serie per me il primo ed il terzo.

Saluti
 RispondiCitaAbilita Notifica

 43   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / Re:The Italian Fantascienza Stories  data: 22 Settembre 2020, 15:26:53 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Nick Parisi

Ottima notizia.
 RispondiCitaAbilita Notifica

 44   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / The Italian Fantascienza Stories  data: 22 Settembre 2020, 11:39:15 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di bibliotecario
Che in questo periodo la Fantascienza Italiana sia sugli scudi, è sotto gli occhi di tutti ed è un fatto incontrovertibile.
Se ne è parlato molto ampiamente anche durante il Loving the Alien Fest tenutosi a Torino negli scorsi giorni ( leggi qui ).

In quest'ottica, ritengo non debba passare inosservato, ma anzi meriti il dovuto rilievo, la notizia che un autore importante come Bruce Sterling o meglio per noi il suo alter ego Bruno Argento con le sue storie italiane, (per intenderci quelle grosso modo uscite in Urania nel volume Utopia Pirata) esca sul mercato anglosassone col volume:



E ancora più importante per noi che venga chiamato per la postfazione al volume un autore italiano, Dario Tonani che volentieri si è prestato con una lunga disamina sull'autore intitolata: Bruce Sterling, Erudite Dreamer and Pirate.

Inutile ricordare che pochi anni fa tutto questo sarebbe stato impossibile, che eventualmente si sarebbe realizzato esattamente l'opposto.
Finalmente iniziamo un rapporto di reciprocità e la validità di quanto anche nel campo fantascientifico viene scritto in italia ha il suo giusto riconoscimento.

Alla via cosi,
complimenti ad  Argento & Tonani.
 RispondiCitaAbilita Notifica

 45   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / Re:Festival Loving the Alien al Mufant 18-19-20/09/2020  data: 22 Settembre 2020, 10:12:14 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di bibliotecario

Citazione da: Davy il 22 Settembre 2020, 00:17:08

...
P.S. Tra le anticipazioni ti sei scordato quella, data da Marco Rana, che a me ha fatto più sobbalzare dalla sedia (almeno virtualmente, ma mi sono dovuto contenere): un intero drago dedicato a James Tiptree Jr.
....


Hai ragione!!!
sono imperdonabile
Speriamo esca come Oscar Draghi Urania.
 RispondiCitaAbilita Notifica

 46   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / Re:Festival Loving the Alien al Mufant 18-19-20/09/2020  data: 22 Settembre 2020, 00:17:08 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Davy
Bel resoconto.
Grazie per i complimenti. Ma sei troppo buono. Soprattutto non ho organizzato e presieduto tutto io.
Diciamo che mi sono dedicato agli incontri letterari-editoriali.
Ma il merito maggiore va a Silvia Casolari e Davide Monopoli.

P.S. Tra le anticipazioni ti sei scordato quella, data da Marco Rana, che a me ha fatto più sobbalzare dalla sedia (almeno virtualmente, ma mi sono dovuto contenere): un intero drago dedicato a James Tiptree Jr.

P.S. Grazie a tutti di essere venuti. E' stato bello conoscervi di persona ...e avere la spilla di UM!!
 RispondiCitaAbilita Notifica

 47   UraniaMania Forum... / Generico / Re:saluti!  data: 21 Settembre 2020, 18:56:02 
Iniziata da Davide Del Popolo Riolo | Ultimo messaggio di miky1
Benvenuto

Miky
 RispondiCitaAbilita Notifica

 48   UraniaMania Forum... / Generico / Re:saluti!  data: 21 Settembre 2020, 18:42:13 
Iniziata da Davide Del Popolo Riolo | Ultimo messaggio di Sentinel
Welcome Davide
 RispondiCitaAbilita Notifica

 49   UraniaMania Forum... / Generico / Re:saluti!  data: 21 Settembre 2020, 16:07:40 
Iniziata da Davide Del Popolo Riolo | Ultimo messaggio di bibliotecario
Ciao Davide,
ti faccio anche qui gli auguri di ben arrivato

Approfitto dell'occasione per annunciare a tutti che presto potremo leggere qui su UM una bella ed esauriente intervista a Davide, che con il Premio Urania appena aggiudicato, ha vinto tutto il vincibile

Premio Urania 2020, Premio Italia 2020, Premio Odissea 2014, Premio Kipple 2015
 RispondiCitaAbilita Notifica

 50   La Fantascienza e gli altri generi... / La Fantascienza in Generale / Re:Dal nostro Brambilla Nazionale: Astonavi Fantastiche  data: 21 Settembre 2020, 14:04:13 
Iniziata da bibliotecario | Ultimo messaggio di Lucky
Volume caricato in DB
Gian
 RispondiCitaAbilita Notifica

Torna all'indice del forum.


Login con username, password e durata della sessione